Tag: uccisione animali



Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Macello
“In inverno, alcuni maiali arrivano congelati per aver viaggiato vicino alle pareti del camion. Gli legano una catena addosso e li tirano fuori di forza, talvolta strappandogli la pelle che resta attaccata al metallo. Può essere che siano ancora vivi, ma i lavoranti li gettano sulla pila dei morti. Tanto moriranno, prima o poi”.

Animalismo Veganismo



Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Gadhimai Mela
Nel 1979 feci un viaggio in India, Kashmir, Shri Lanka e Nepal. Non era bastato vedere i lebbrosi che bussavano alle finestre del bus con l’aria condizionata – come essere rinchiusi in una bolla di sapone occidentale – e provare la vergogna di aver avuto la fortuna di nascere in un’area del mondo diversa, ma arrivando a Kathmandu la sorpresa fu totale. Mentre esploravo quella città dalla bellezza barbarica, differente da tutte le città che avevo visitato nei miei viaggi, piena di Flower People americani, mi accorsi con sgomento che davanti ai templi erano depositate teste mozzate di Animali. L’orrore fu grande. Non capivo: credevo che le religioni nepalesi fossero il buddismo e l’induismo con una minoranza sparuta di seguaci dell’Islam e mi trovavo davanti a qualcosa di orrido, di impensabile. Rimasi senza parole. E il mio viaggio fu avvelenato da quelle turpi immagini.

Animalismo Lettere dai lettori Notizie dal mondo



Tempo di lettura stimato: 10 minuti

reclus

Un bellissimo testo di Elisée Reclus risalente al 1901 e di straordinaria attualità, che ci invita a riflettere sul macello quotidiano che la nostra società violenta impone: buona lettura

Tratto da: Elisée Reclus, Natura e società. Scritti di geografia sovversiva, a cura di John P. Clark, Elèuthera, Milano 1999

Uomini di grandissimo valore, igienisti e biologi, hanno studiato così a fondo i problemi relativi all’alimentazione abituale che mi guarderei bene dal dare prova d’incompetenza esprimendo la mia opinione sull’alimentazione animale e vegetale. A ciascuno il suo mestiere. Non essendo né chimico né medico, non parlerò né dell’azoto né dell’albumina; non riprodurrò i dosaggi forniti dagli analisti; mi limiterò semplicemente a riferire le mie impressioni personali, che sicuramente coincideranno con quelle di molti vegetariani.  

Animalismo Antispecismo Veganismo



Tempo di lettura stimato: 5 minuti

Intervista ed esposizione opere dell’artista vegan Roger Olmos, autore ed illustratore del libro “Senzaparole” edito da Logos in collaborazione con FAADA (faada.org).
Per informazioni e acquisti: www.libri.it/senzaparole


Cosa ti ha spinto a cambiare il tuo stile di vita e a diventare vegan?

Ho scelto di diventare vegan circa quattro o cinque anni fa. Prima mi cibavo di qualsiasi cosa, vestivo capi in pelle, mangiavo un’enorme quantità di yogurt e non mi preoccupavo per niente della sperimentazione animale, fondamentalmente perché tutte le informazioni che ho ora non erano ancora nella mia testa.
Nella mia famiglia la carne era la normalità, ogni giorno.
Mio nonno era un macellaio e il mio bisnonno lavorava in un mattatoio. A quei tempi il metodo di abbattimento degli Animali consisteva in una martellata in testa, mentre erano legati ad un grande anello sul pavimento, era un orribile modo di morire…

Il bisnonno di Roger Olmos in un mattatoio
Il bisnonno di Roger Olmos in un mattatoio

Noe, mia moglie, è stata vegetariana per vent’anni e come me da circa quattro/cinque anni è vegana, abbiamo preso insieme la decisione di smettere di consumare qualsiasi prodotto di origine animale. 

ArteVeganzetta Libri