Tag: <span>nonviolenza</span>


Si legge in circa:
6 minuti

tamera2Nota introduttiva: Tamera è una comunità (meglio, biotopo di cura) in Portogallo: chi scrive ha avuto la sorte di passarci alcuni periodi e di collaborare in diversi progetti.

Stiamo ripristinando l’ecosistema e abbiamo bandito la violenza: molti Animali selvatici stanno venendo a Tamera come rifugiati
Tamera


Tamera esiste da più di venti anni (ma ha le sue radici in un progetto nato già nel 1978 in Germania), si trova nel meridione del Portogallo (una terra arida costellata olivi e pascoli di Mucche e Pecore, in libertà vigilata in attesa del mattatoio) ed è oggi abitata permanentemente da circa 200 abitanti umani (tra cui neonati, bambini e anziani) provenienti da varie parti del mondo.

Si estende in un’area, di proprietà, di più di trecento acri che è stata trasformata in un’oasi di vegetazione e laghetti, circondata dalle aride colline dell’Alentejo.

Antispecismo Notizie Notizie dal mondo Veganismo


Si legge in circa:
5 minuti

Ogni percorso finito ha un suo punto di partenza ed un suo arrivo. Non fa eccezione la filosofia antispecista che come punto di arrivo ha la liberazione animale (umana e non) e di conseguenza una nuova società  umana libera, solidale ed egualitaria. Disquisire sul percorso e sul suo arrivo è già  un esercizio arduo, ma risulta impossibile se viene a mancare un requisito fondamentale: una partenza comune. Fuor di metafora ci preme come redazione della Veganzetta affrontare il tema delle radici comuni del pensiero antispecista, radici assai complesse e variegate, ciò perché senza una solida base da cui partire ogni sforzo per avanzare risulterebbe vano, e quanto sta accadendo, e quanto è accaduto di recente, lo dimostra.
Individuare un’unica origine generatrice dell’antispecismo non è possibile, proprio per il fatto che risulta chiara una sorte di commistione tra diverse anime e visioni a volte tra di loro anche poco compatibili. Storicamente si può ricondurre la nascita ufficiale del pensiero antispecista agli anni ’70 del secolo scorso, e precisamente al 1970 quando Richard D. Ryder, uno psicologo inglese, conia il termine “specismo”1. Analizziamo però una considerazione dalla quale si è evoluto molto del sentire comune antispecista:

Antispecismo Comunicati