Tag: arte antispecista



Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Pablo Picasso: Guernica. Particolare della testa di Cavallo
Gerardo Cioria, insegnante di educazione artistica della sezione carceraria del CPIA1-Torino, ha contribuito con quattro lezioni audio alla rubrica radiofonica “Libera frequenza”, andate in onda tra il 13 maggio e il 24 giugno 2020 su Radio Antenna1 (FM 104.7 / 104.6).

ArteVeganzetta AudioVeganzetta



Tempo di lettura stimato: 3 minuti

Selfish

Caitlin Young, nome d’arte Vyla, è una giovane cantante e cantautrice inglese, che di recente ha deciso di dedicare i suoi progetti artistici agli Animali e alla difesa dei loro diritti.
Per il suo primo progetto ha coinvolto moltissimi artisti internazionali ai quali ha commissionato delle opere a partire dal brano della canzone, utilizzandole poi per la promozione del video musicale, creando così un progetto a più mani volto a far comprendere la crudeltà che sta dietro all’industria delle pellicce, un ottimo modo di usare talento e collaborazione per uno scopo comune in difesa degli altri Animali.

ArteVeganzetta



Tempo di lettura stimato: 4 minuti

 Helen Barker: I Am A Chicken

Helen Barker è un’artista inglese attiva per i diritti degli Animali sia come artivista attraverso le sue opere, sia come attivista nel gruppo EssexPig Save. Utilizza diversi media come l’illustrazione, la pittura, la scultura e la scrittura per far riflettere le persone umane sul loro rapporto con gli altri Animali e su come si venga indottrinati fin da subito allo specismo nei loro confronti. L’arte nelle sue diverse sfaccettature, diventa così un mezzo potente e prezioso per comunicare su più livelli e creare un contatto profondo con lo spettatore.

ArteVeganzetta



Tempo di lettura stimato: 3 minuti


Fonte: www.silviadelgrosso.it/2019/07/29/chiamata-per-voi-siete-qui-you-are-here-2019/

VOI SIETE QUI | YOU ARE HERE torna il 19 ottobre 2019.

Per la prima volta, il 20 ottobre dell’anno scorso, in nove abbiamo solcato il fondovalle da Samolaco a Chiavenna camminando per tredici chilometri, portando sulle spalle, custodite in scatole di legno, le voci dei polli rinchiusi negli allevamenti intensivi. Le stesse che registrai quando mi raggiunsero il 16 maggio 2017, quando per la prima volta trovai il coraggio di avvicinarmi alle “fattorie” che popolano questa terra. Siamo partiti dal luogo fisico in cui sono rimasta impigliata, in un punto sperduto tra i campi, e le abbiamo condotte fino a Palazzo Pretorio, che fu Palazzo di Giustizia, nel centro della città del Mera, dove le abbiamo liberate, aprendo le scatole e lasciandole uscire.

Animalismo Antispecismo Appuntamenti Notizie sull'attivismo