Tag: <span>animali prigionieri</span>


Si legge in circa:
2 minuti

Trasferimento Animali allo zoo di PoznanSeconda parte dell’articolo Anche gli Animali soffrono la guerra


Gli Animali dello zoo di Kiev sono stati evacuati.
La situazione nelle scorse ore è drammaticamente peggiorata e, alla fine, si è deciso per un trasferimento. Si tratta di un’operazione imponente ancora in corso, anche perché ieri sera i camion che portavano gli Animali sono stati circondati dai carri armati russi che poi, per fortuna, non hanno aperto il fuoco. A lungo si è temuto il peggio. Gli Animali vengono trasferiti in Polonia allo zoo di Poznan, già noto qui in Italia per aver ospitato alcune Tigri provenienti da un allevamento di Latina e destinate, in toeria, a uno zoo mai identificato e – secondo alcune organizzazioni animaliste – a essere uccise per ricavarne ingredienti della medicina tradizionale cinese.

Animalismo Notizie dal mondo


Si legge in circa:
3 minuti

Sono Gianni, Sam e Mary. Tre Orsi Bruni poco più che cuccioli hanno occupato per qualche giorno di fine maggio le pagine di agenzie stampa e giornali mainstream in rete. La loro storia è semplice: sono stati catturati, strappati alle madri e alla vita selvaggia per essere sfruttati come attrazione. Tenuti al guinzaglio e privati di ogni diritto, hanno seguito il cupo destino di tanti individui della loro specie in Albania. Poi – l’Umano toglie e l’Umano dà – qualcuno si è accorto di loro e ha pensato bene di farli confiscare – anche grazie al fatto che le condizioni in cui vivevano sono considerate illegali nella stessa Albania.
Giunti in Italia, sono stati trasferiti al “Bioparco” di Roma. Ora vivono in un’area attrezzata. Risulta che possono essere visti dai visitatori dello zoo. Risulta che verranno poi trasferiti in un’area più grande, con altri Orsi, sempre nel “Bioparco”.

Animalismo Antispecismo Notizie


Si legge in circa:
4 minuti

parco-michelotti
Nicola Zengiaro invia questa sua lettera che racconta della vergogna della proposta di riapertura dello zoo di Torino nell’area del Parco Michelotti.
Buona lettura e buona riflessione.


La vicenda del Parco Michelotti calpesta la democrazia e sommerge i torinesi in un nuovo medioevo culturale

Maurizio Trombotto, presidente della VI Commissione Consiliare di Torino, il 9 Gennaio 2015, informa la commissione che nell’interesse per la gestione del parco c’era la contesa tra Decathlon e Zoom, ma nel bando quest’ultimo solamente si presenta come unico soggetto partecipante, con un punteggio ottenuto lunedì 21 Dicembre appena sufficiente. Tutto ciò avviene nonostante l’assessore allo sviluppo Enzo Lavolta avesse dichiarato che il parco sarebbe diventato pubblico e non ci sarebbero più stati animali dopo la chiusura dello zoo precedente. Falsato dall’annuncio del progetto che prevede che non ci siano spazi liberamente accessibili al pubblico, ma esclusivamente a pagamento in quanto la concessione verrà data per valorizzazione, cioè ne prenderà possesso chiunque faccia la migliore offerta economica. Questo avviene tramite la privazione di un bene comune alla cittadinanza, escludendone il libero accesso.1

Animalismo Lettere da chi legge Veganzetta Notizie