Categoria: <span>Storie</span>




Si legge in circa:
2 minuti

Questa fotografia, dal titolo Final Farewell, scattata dal fotoreporter belga Alain Schroeder, ha vinto il primo premio del World Press Photo 2020 nella sezione Nature1 e racconta una storia tragica, che speriamo serva almeno a suscitare una riflessione.
Questo piccolo Orangotango, di circa un mese, disteso sul telo verde di una sala operatoria è appena stato trovato vicino al corpo della madre nei pressi di una piantagione di palma da olio, situata a Subulussalam (Sumatra), in Indonesia. Assalita dagli abitanti di un villaggio della zona perché trovata a mangiare la frutta dei loro frutteti, la madre è stata colpita da 74 colpi d’arma da fuoco che l’hanno gravemente ferita fino a renderla completamente cieca.

Animalismo Notizie dal mondo Notizie sull'attivismo Storie



Libri Storie




Si legge in circa:
2 minuti

Questa fotografia, scattata dal fotografo Sergey Gorshkov, ha vinto il Wildlife Photographer of the Year 2020. È stata realizzata (sembra incredibile!) con una trappola fotografica nell’estremo oriente russo e ci mostra una Tigre siberiana che abbraccia un albero, un antico Abete della Manciuria. Il senso di protezione e di amore che questo grande Felino sembra dimostrare per l’Abete ci arriva come il simbolo perfetto di una terra recentemente martoriata. Nel 2019 infatti, centinaia di incendi hanno devastato la Siberia, mandando in cenere oltre 5 milioni di ettari di foresta.

Notizie dal mondo Storie




Si legge in circa:
3 minuti

Questa fotografia ritrae Saturn, noto alle cronache anche come “il Coccodrillo di Hitler”. Va precisato però che in realtà proprio Coccodrillo non era e dell’esistenza di Hitler, quasi sicuramente, non se ne accorse nemmeno. Saturn era infatti un Alligatore, nato da un uovo, in un mese imprecisato del 1936, nelle limacciose acque del Mississipi, dove sua madre aveva, secondo Natura, fatto regolare deposizione.
Poco dopo la schiusa fu catturato e portato in Germania, allo zoo di Berlino. Qui, in pieno nazismo, divenne presto una specie di star, soprattutto quando si seppe che Hitler amava passare il pomeriggio allo zoo e aveva una certa predilezione, non solo per i Lupi e i Gorilla, ma anche per gli Alligatori. La Seconda Guerra Mondiale fu un inferno per tutti e quando Berlino fu rasa al suolo, dei 16 mila Animali del giardino zoologico, solo 96 sopravvissero. Uno di questi era Saturn. Un vero miracolato, se si pensa che una bomba centrò in pieno l’acquario e che dei 30 Alligatori reclusi fu probabilmente l’unico a salvarsi. Per giorni vagò tra le macerie della città distrutta, in cerca di cibo. Furono i soldati inglesi a trovarlo e a portarlo in salvo.

Animalismo Notizie dal mondo Storie