4 Commenti

  1. Cereal Killer ha scritto:

    Fonte: http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_aprile_30/sottosegretario-2004276454616.shtml

    IL SOTTOSEGRETARIO ALLA SALUTE, ELIO CARDINALE

    «Blitz a Green Hill, la legge va rispettata»

    L’annuncio: «A breve la legge per vietare l’allevamento di animali domestici da destinare alla sperimentazione»

    «Posso condividere alcune motivazioni che hanno spinto un gruppo di manifestanti all’azione di protesta di sabato sera contro l’allevamento Green Hill di Montichiari (Brescia), durante la quale sono state liberate decine di cani di razza Beagle destinati alla sperimentazione e 12 attivisti sono stati arrestati, ma non può esserci alcuna deroga al rispetto delle leggi. Azioni come questa possono ritorcersi contro chi ama gli animali». Così il sottosegretario alla Salute Adelfio Elio Cardinale, che nei mesi scorsi ha istituito un tavolo di lavoro permanente per proposte di legge e linee di intervento in difesa di animali e ambiente, e per promuovere una cultura zoofila.
    «Spero che questa protesta – dice all’Adnkronos Salute – sia nata dall’esasperazione delle associazioni animaliste. Certamente in questi ultimi tempi si è creata una nuova sensibilità che scuote le coscienze di un numero crescente di persone attente ai diritti degli animali. Da parte del Governo non esiste alcun ostacolo alla chiusura di questo allevamento. Sull’articolo 14 della legge comunitaria», che contiene il divieto di allevare cani, gatti e altri animali destinati alla sperimentazione «è in corso un confronto in Parlamento, più precisamente in Senato, dove a breve ci recheremo anche io e il ministro della Salute, Renato Balduzzi, per un’audizione. Spero che si possa arrivare a una conclusione quanto prima».

    30 aprile, 2012
    Rispondi
  2. Cereal Killer ha scritto:

    Fonte: http://www.altreconomia.it/site/fr_contenuto_detail.php?intId=3430

    Green Hill, tredici militanti di giustizia

    Il blitz a Montichiari e la liberazione dei cuccioli destinati alla vivisezione: un gesto di libertà che riguarda tutti. Un’occasione per ripensare la nozione di diritti umani e cominciare a parlare di diritti del vivente. L’appello: libertà per gli attivisti arrestati

    L’immagine gioiosa di questo cucciolo, sottratto da un gruppo di attivisti a un’orribile fine in un laboratorio di vivisezione, è un simbolo di libertà e così tutti dovrebbero considerarla. Tredici persone sono finite in carcere per l’irruzione nei recinti dell’azienda Green Hill di Montichiari (Brescia): sono accusate di violazione di domicilio, rapina impropria e altri reati. Queste persone sono militanti di giustizia e sarebbe un errore relegare la loro azione nella categoria dell’estremismo animalista, come molti sono spinti a fare.

    Quei cuccioli sono stati liberati con un’azione di grande valore morale e politico, perché riguarda individui che sono fra i più oppressi e più dimenticati fra le moltitudini di imprigionati. Nessuno pensa davvero a loro e alla loro dignità violata, salvo provare compassione di fronte a quest’immagine: difficile per chiunque restare indifferente, non gioire di fronte a uno sguardo così innocente.

    I cani di Green Hill e migliaia di altri animali destinati ai laboratori di vivisezione sono vittime dirette – quasi vittime-simbolo – di un sistema di dominio fine a se stesso, che va ben oltre le pretese scientifiche – sempre più deboli e contraddittorie, sempre meno sostenibili – dei vivisettori. Chi si batte per la loro libertà, si sta battendo per la libertà di tutti, umani e non umani.

    Da quest’immagine di libertà andrebbe tratto un insegnamento: oggi che nel mondo milioni di persone sono private dei diritti e delle libertà fondamentale, è tempo di ripensare la nozione di diritti umani, sempre meno salda e sempre meno credibile, anche per via dell’uso strumentale che se ne è fatto. E’ tempo di cominciare a parlare di diritti del vivente. Perciò quel cucciolo è un’immagine di libertà che riguarda tutti noi, animali umani e animali non umani.

    Intanto uniamoci alla richiesta che si leva in queste ore: liberate i tredici arrestati!

    30 aprile, 2012
    Rispondi
  3. Cereal Killer ha scritto:

    Fonte: http://www.agi.it/in-primo-piano/notizie/201204301737-ipp-rt10179-green_hill_scarcerati_stasera_i_12_liberatori_di_cuccioli

    Green Hill: scarcerati stasera i 12 “liberatori di cuccioli”

    (AGI) – Brescia, 30 apr. – Saranno scarcerati stasera i “liberatori di cuccioli” arrestati sabato durante un blitz in un allevamento di cuccioli destinati alla sperimentazione scientifica. Oggi c’e’ stato l’interrogatorio di convalida per i 12 manifestanti che hanno dato l’assalto a ‘Green hill’, l’allevamento di beagle a Montichiari (Brescia). Si tratta di otto donne e quattro uomini provenienti da Bologna, Feerrara, Roma, Firenze, Treviso.

    Per tutti i reati contestati sono furto in concorso, danneggiamento, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Tre donne, bloccate con altrettanti cani in braccio, devono rispondere anche di rapina impropria. Per loro il pm Ambrogio Cassiani ha chiesto gli arresti domiciliari, mentre per gli altri si e’ pronunciato a favore dell’obbligo di firma.

    In undici si sono avvalsi della facolta’ di non rispondere.
    Solo una manifestante 51enne di Roma ha risposto al giudice, negando qualsiasi violenza e persino di aver fatto irruzione nell’allevamento. La decisione dal tribunale, arrivera’ per le 18. In serata prevista la scarcerazione. (AGI) .

    30 aprile, 2012
    Rispondi
  4. Cereal Killer ha scritto:

    Fonte: http://milella.blogautore.repubblica.it/2012/04/30/paradosso-green-hill/

    Paradosso Green Hill

    Le cronache di questi giorni, oggi compreso, sono un cimitero della sicurezza. Rapine violentissime ovunque, anziani picchiati e lasciati esangui, gioiellieri costretti a farsi giustizia da soli. Rumeni, ma non solo, protagonisti di scorribande. Un disastro. In cui c’è perfino ad avere paura a lasciare una finestra aperta per il rischio di essere ammazzati dal primo ladro che ti entra in casa. In carcere non ci sta praticamente nessuno dei colpevoli.
    In compenso, in galera, ci sono finiti a Brescia, con pesanti accuse (furto, danneggiamento, resistenza e violenza a pubblico ufficiale), 12 manifestanti che hanno avuto la “colpa” di liberare a Montichiari (Brescia) una trentina di cuccioli di beagle della Green Hill, l’azienda che li fa nascere e crescere per mandarli a morire per (presunti) esperimenti scientifici. Vivisezione, la chiamano. La faccenda ha varcato i confini italiani, tant ‘è che la famosa attrice Brigitte Bardot, nota animalista, ha scritto al Guardasigilli Paola Severino per intercedere per la liberazione dei manifestanti. L’ex ministro Pdl Michela Brambilla ha dichiarato a Sky, alle cui telecamere oggi non è stato concesso di entrare nell’allevamento, di aver visitato Green Hill e di essere rimasta sconvolta dalle condizioni di vita degli animali, condannati a vivere senza mai vedere la luce naturale e sentire l’aria pura. C’è da chiedersi perché, da ministro, non abbia fatto qualcosa. Forse di questo, dei maltrattamenti a queste povere bestie, si dovrebbero occupare i pubblici ministeri di Brescia, piuttosto che tenere in carcere chi è riuscito a liberare solo 30 di quei disgraziati cagnetti. Peccato non siano stati di più.

    30 aprile, 2012
    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *