Tag: <span>Richard Ryder</span>


Si legge in circa:
5 minuti

Opera di Roberto Manzotti

Siamo nel 1970, da Oxford parte alla volta di numerose università un volantino recante l’immagine di un piccolo Scimpanzé a cui è stata inoculata la sifilide per un esperimento medico. L’immagine è accompagnata da un testo con un nuovo e rivoluzionario termine, fino ad allora mai sentito e ideato dallo psicologo Richard D. Ryder: SPECISMO.
Di seguito si propone la traduzione ufficiale in italiano del testo del volantino originale a cura di Laura Matilde Mannino.
Si ringrazia sentitamente il prof. Richard D. Ryder per aver acconsentito alla traduzione e alla pubblicazione su Veganzetta del suo storico volantino, che rappresenta la nascita del concetto di specismo e dunque dell’idea antispecista.

Animalismo Antispecismo


Si legge in circa:
3 minuti

Laura Matilde Mannino traduce per Peacelink un testo pubblicato dallo psicologo Lucius Caviola  a proposito di una sua recente ricerca, che dimostra come lo specismo sia effettivamente un costrutto psicologico e che ha affinità con altre forme di pregiudizio intraumane.
Di seguito al testo tradotto, è possibile leggere alcune riflessioni su queste ricerche che si potrebbero tranquillamente definire come “la scoperta dell’acqua calda“.

Antispecismo


Si legge in circa:
2 minuti

Testo tradotto e liberamente interpretato dall’originale pubblicato su www.humanemyth.org
Traduzione e adattamento a cura di Costanza Troini 


Speciesism – Specismo

Lo specismo (termine coniato dallo psicologo inglese Richard Ryder nel 1973) si riferisce all’atteggiamento di superiorità e dominio, esercitati in modo oppressivo sugli appartenenti a un’altra specie — in questo caso, gli animali non umani. Sarebbe considerato specista, per esempio, dire che il desiderio di gustare i loro corpi sia una giustificazione sufficiente per gli umani per togliere la vita agli altri animali, visti senza alcun valore o ragione di essere se non per essere usati. Lo specismo, come il razzismo, spesso implica il non riconoscimento del diritto degli altri al rispetto, all’integrità fisica e alla libertà dalla prigionia.

Animalismo Antispecismo Vocabolario


Si legge in circa:
4 minuti

Da Manifesto antispecista


Su sollecitazione di Ángel Sánchez si pubblica un testo tradotto dall’inglese dalla pagina web: http://animalethics.org.uk/painism.html, ciò per chiarire il concetto di Painismo citato all’interno del testo di “Proposte per un Manifesto antispecista“. A breve sarà aggiunta al testo una nota esplicativa sul termine.


Il Painismo (Pain in Inglese significa dolore o sofferenza) è una teoria morale che aiuta a stabilire se un’azione che crea dolore è moralmente giusta o sbagliata. Aiuta a stabilire se compiere o no quell’azione. Il Painismo dichiara che la capacità di sentire dolore è il solo interesse moralmente rilevante – non fattori come il grado di coscienza, razionalità o intelligenza, come in un topo in rapporto ad un cane, o un cane in rapporto ad un umano – e che l’azione morale giusta dovrebbe essere basata sulla diminuzione della sofferenza di quegli individui che soffrono di più.

Il Painismo afferma che:

Antispecismo