Tag: <span>nemesi animale</span>




Si legge in circa:
3 minuti

essereanimali

Un sincero augurio di buon lavoro da parte di Veganzetta al nuovo EssereAnimali

Fonte: EssereAnimali

Persone sensibili alla sofferenza degli animali, che affrontano ogni giorno un mondo pieno di atrocità, violenze e soprusi, hanno costante bisogno di buone notizie, per trovare nuove energie e nuovi stimoli a continuare nel proprio impegno per un cambiamento. Per questo speriamo che quanto vi stiamo per dire possa farvi felici quanto noi.

Da oggi infatti le organizzazioni Essere Animali e Nemesi Animale annunciano che si uniranno in un’unica associazione presente in diverse città del territorio nazionale, che continuerà a lottare con impegno e serietà.
Da ora in poi lavoreremo uniti con il nome di Essere Animali.

Animalismo Notizie Notizie sull'attivismo Veganismo




Si legge in circa:
3 minuti

Fonte: http://richiamo-della-foresta.blogautore.repubblica.it/2013/08/17/la-furia-degli-allevatori-di-visoni-attivisti-inseguiti-e-aggrediti/

Inseguiti e speronati da un’automobile per quasi dieci chilometri, costretti a testacoda e inversioni di marcia per sfuggire a tre uomini armati di spranga: per poco non finiva in tragedia, il giorno di Ferragosto, l’investigazione di due attivisti di Nemesi Animale in provincia di Cremona, soccorsi infine dalla Polizia di Lodi. La disavventura di Claudio e Brenda ha inizio mentre stanno filmando, da fuori, un allevamento di visoni a Dovera, vicino Crema: da tempo infatti il gruppo conduce investigazioni approfondite sugli stabilimenti italiani dove sono detenute decine di migliaia di animali destinati al mercato delle pellicce, documentando vita e morte in condizioni atroci e cercando di contrastare l’apertura di nuove strutture. 

Animalismo Media Notizie Notizie sull'attivismo




Si legge in circa:
2 minuti

Fonte: Nemesi Animale

“Il quadro complessivo della personalità di Clauberg che emerge dalla sua attività di sperimentatore ad Auschwitz è la convinzione autoassolutoria, condivisa da altri medici nazisti, che egli ebbe di operare come scienziato secondo i fini della medicina per il bene di molti, per l’interesse dello Stato, sacrificando non alcuni esseri umani, comunque destinati a morire nelle camere a gas, ma semplici strumenti per il progresso scientifico”

Queste parole si riferiscono a Carl Clauberg, stimato ginecologo che torturò, seviziò e infine uccise un numero inquantificabile di persone nel campo di concentramento nazista di Auschwitz.
Le sue ricerca sull’infertilità portarono alla sviluppo di farmaci utilizzati ancora oggi e di tecniche che, a distanza di 70 anni sono ancora attualissime (come il comunissimo test di Clauberg, appunto).

Decontestualizzando quanto scritto sopra (cancellando semplicemente “ad Auschwitz”, “nazisti” e sostituendo “umani” con “animali”) diventa davvero difficile distinguerlo da una descrizione di un odierno sperimentatore “in vivo”.

Antispecismo Notizie