Tag: <span>mangiare carne</span>




Si legge in circa:
6 minuti

Azione in favore di Non una di meno a Treviso con copertura di una scritta contro lo sfruttamento animale

Si riceve e si pubblica volentieri questa lettera firmata, che evidenzia, tramite un episodio accaduto e documentato, come sia ancora lontano il riconoscimento della lotta di liberazione animale da parte dei movimenti per i diritti civili umani.

«Ci ribelliamo alla violenza di chi tratta i nostri corpi e quelli di tutte le specie viventi e della terra come terreno fertile di profitto e sfruttamento».

Questa frase pubblicata sul sito web del movimento Non una di meno ci introduce alla lotta contro lo sfruttamento dei corpi (nello specifico femminili) nella nostra società. In un sistema capitalistico neoliberista, ciò che può essere identificato con la struttura istituzionalizzata che usa i i corpi come terreno fertile per lo sfruttamento e il profitto può essere degnamente rappresentato dall’industria, e l’industria che per eccellenza basa la propria produzione su tale sfruttamento è ovviamente l’industria della carne.

Femminismo antispecista Lettere dai lettori




Si legge in circa:
3 minuti

Di seguito la traduzione dall’inglese di un interessante testo sulla dissociazione psicologica di chi mangia carne. Buona lettura.

Fonte: faunalytics.org/feature-article/meat-eaters-dissociation

La maggior parte delle persone non desiderano causare dolore agli animali, ma molti acquistano e consumano carne, un processo che causa immense sofferenze e infine la morte agli animali. Per superare questa contraddizione, spesso chiamata “paradosso della carne”, la gente utilizza il meccanismo della dissociazione psicologica, ignorando o sopprimendo la consapevolezza che la carne sul loro piatto provenga da una creatura vivente. Questo documento, pubblicato in “Appetite”, riporta il primo test empirico completo sulla dissociazione psicologica relativo al consumo di carne.

Animalismo Notizie dal mondo Veganismo




Si legge in circa:
2 minuti

Per comunicare il messaggio etico vegan e antispecista abbiamo tante possibilità. Una di queste è prendere gli spazi pubblicitari che i vari comuni offrono ed usarli per veicolare il nostro pensiero. Il progetto “Comunichiamolo” vuole fare questo ed ha attivato una raccolta fondi per affiggere in diverse città italiane un primo manifesto vegan.

Parte il progetto “Comunichiamolo” con l’obbiettivo di affiggere manifesti di grande formato in diverse città italiane per comunicare la scelta vegan e antispecista.

Appuntamenti Media Notizie sull'attivismo Veganismo