Tag: <span>cagnetta laika</span>




Si legge in circa:
< 1 minuto

Variante dell'illustrazione "Space dog" di Simona DimitriSessantatre anni fa (il 3 novembre 1957) una cagnolina randagia raccolta dalla strada e  chiamata Laika, veniva lanciata nello spazio a bordo della navicella spaziale Sputnik II, dove moriva in assoluta solitudine dentro il minuscolo abitacolo.
Anche quest’anno Veganzetta vuole ricordarla in quanto vittima di una terribile ingiustizia.

Animalismo Antispecismo Notizie dal mondo




Si legge in circa:
< 1 minuto

Esattamente 62 anni fa una cagnolina di 3 anni e sei chilogrammi di peso chiamata Laika (scelta dagli scienziati del programma spaziale sovietico tra tanti altri Cani perché di carattere mansueto e di piccola taglia), veniva lanciata nello spazio a bordo della navicella spaziale Sputnik e moriva da sola dentro un minuscolo abitacolo.

Animalismo Antispecismo Notizie Notizie dal mondo




Si legge in circa:
< 1 minuto

Grazia Cominato di Radioveg.it intervista Adriano Fragano ripercorrendo brevemente la storia e i fondamenti etici di Veganzetta.
L’intervista sarà online sul sito web di Radioveg.it durante le trasmissioni radio nelle seguenti date:

Sabato 23/03 alle ore 10,15
Lunedì 25/03 alle ore17,15
Mercoledì 27/03 alle ore 13,45

Appuntamenti Media Notizie




Si legge in circa:
9 minuti

laika1.jpg

Si chiamava Kudrjavka (Ricciolina), era nata presumibilmente a Mosca tre anni prima di essere “arruolata” a forza in un programma spaziale sovietico che l’avrebbe resa famosa in tutto il mondo. La ribattezzarono Laika (Colei che abbaia), o Muttnik (da mutt che in inglese significa bastardino e dal nome della capsula Sputnik). Non era di nobili natali, era anzi una reietta che viveva vagando per le strade della metropoli russa, nessuno si preoccupò di capirla, di conoscerla, il 3 novembre 1957, esattamente 50 anni fa, però divenne il primo cosmonauta della Terra. Per farlo venne sottoposta a torture indicibili, alle quali non seppe sottrarsi, non seppe ribellarsi, pervasa com’era da una fiducia incrollabile nei confronti di chi la stava usando per fini “scientifici”. C’è chi dice che morì al rientro nell’atmosfera terrestre, chi dopo pochi giorni dal lancio, la verità  pare sia invece che Kudrjavka morì pochi minuti dopo il lancio per un guasto della navicella spaziale che passò alla storia con il nome di Sputnik. Kudrjavka era un Cane, a pochi importa come sia morta, ma per noi la sua storia è fondamentale.

Oggi vogliamo ricordare la sua tragedia personale, il suo dramma, nell’intento di non dimenticarla, e soprattutto di non dimenticare la crudeltà , il cinismo e la stupidità  umana.

Ciao Kudrjavka.


Animalismo Antispecismo Notizie