Food Not Bombs ha compiuto 40 anni!


Si legge in circa:
3 minuti

Fotografia del 15 agosto 1988 scattata a San Francisco (California, U.S.A.). Keith McHenry, cofondatore di Food Not Bombs, ha dichiarato che nove membri del gruppo furono arrestati quel giorno dalla polizia, per aver distribuito cibo gratis al Golden Gate Park, violando così i codici sanitari e il regolamento del parco.  Foto di Greg Garr
Esattamente il 24 maggio di 40 anni fa prendeva vita da un piccolo gruppo di attivisti antinucleari e vegani il movimento Food Not Bombs (FNB).
Da un piccolo banchetto di persone umane pacifiche che distribuivano gratis cibo di origine vegetale recuperato nel Massachusetts (U.S.A.), si è arrivati a ben 1000 gruppi attivi in 65 Paesi in tutto il mondo. In questi anni il movimento ha distribuito enormi quantità di cibo vegetale recuperato (che altrimenti sarebbe andato perso) a senzatetto, persone umane in difficoltà e semplici cittadini secondo il motto “il cibo è un diritto, non un privilegio”, ciò avendo cura di non contribuire in alcun modo allo sfruttamento animale per fini alimentari, coerentemente con la filosofia vegana. Un risultato enorme e di grande rilevanza.

Veganzetta desidera festeggiare questa importante ricorrenza, perché il movimento Food Not Bombs è la dimostrazione pratica e tangibile di ciò che una pratica vegana coerente e militante possa fare.

Per maggiori informazioni sul movimento Food Not Bombs si può leggere questo articolo.

Di seguito la traduzione dall’inglese del comunicato del sito web ufficiale Food Not Bombs in occasione della ricorrenza del 40° anniversario, e una galleria fotografica relativa alle attività dei gruppi Food Not Bombs negli U.S.A. e in Myanmar come supporto alle persone umane indigenti durante la pandemia del Covid-19.

Lunga vita a Food Not Bombs!

foodnotbombs.net
www.facebook.com/FoodNotBombsGlobal/


fonte: https://foodnotbombs.net/new_site/events.php

I NOSTRI 40 ANNI DI STORIA

Il movimento volontario Food Not Bombs condivide cibo in quasi 1.000 comunità in almeno 65 paesi. Food Not Bombs è stata formata da otto giovani attivisti antinucleari al 24 maggio 1980, durante un tentativo di occupazione della centrale nucleare di Seabrook. Food Not Bombs si dedica alla condivisione di alimenti vegani e non serve carne o altri prodotti animali per evitare complicità con lo sfruttamento dei lavoratori e le condizioni crudeli e violente dell’industria zootecnica e per ridurre il nostro impatto sulla crisi climatica.

Food Not Bombs ha fornito aiuti alimentari e materiali ai sopravvissuti al terremoto di Loma Prieta a San Francisco e al terremoto di Northridge nella valle di San Fernando, agli uragani Katrina e Sandy, nonché al tifone Yolanda, lo tsunami di Natale, le inondazioni del 2019 a Thaton, Myanmar e molti altri disastri durante i suoi 40 anni di storia.

I volontari di Food Not Bombs sono stati riconosciuti come Prigionieri di Coscienza da Amnesty International, chiedendone la liberazione incondizionata qualora venissero arrestati per aver condiviso cibo con gli affamati.

Food Not Bombs ha alimentato migliaia di attivisti al Reagan Ranch di Boston, il 12 giugno 1982 per il disarmo nucleare a New York City, The Nevada Desert Experience presso il Nevada Nuclear Weapons Test Site, la protesta della Tent City di 27 giorni a San Francisco in 1989, Redwood Summer nella California del Nord, The West Bank Peace Camp a Mas’ha Palestine, Camp Casey a Crawford, Texas, Occupy Wall Street, proteste contro Exercise Talisman Saber in Australia, un’occupazione contadina di 600 giorni in Bosnia ed Erzegovina Square a Sarajevo, proteste dell’Organizzazione mondiale del commercio (WTO) a Seattle, Genova e Cancun, l’occupazione di 100 giorni della Rivoluzione arancione a Kiev, in Ucraina, il Meeting of the European Council di Göteborg in Svezia del 2001 e centinaia di altre proteste.

Gli attivisti di Food Not Bombs hanno dato vita a Bike Not Bombs, Food Not Lawns, Homes Not Jails, Indymedia, Really Really Free Markets, October 22nd No Police Brutality Day, al Free Radio movement e molte altre iniziative fai-da-te. La celebrazione del 40° anniversario intende ispirare il pubblico a unirsi a noi nel nostro lavoro per porre fine all’odio, alla guerra, alla povertà e alla distruzione dell’ambiente.

Food Not Bombs.
Casella postale 422 Santa Cruz,
CA 95061 USA 1-800-884-1136
menu@foodnotbombs.net

(traduzione a cura di Veganzetta)


Nota: in apertura una storica fotografia del 15 agosto 1988 scattata a San Francisco (California, U.S.A.).
Keith McHenry, cofondatore di Food Not Bombs, ha dichiarato che nove membri del gruppo furono arrestati quel giorno dalla polizia, per aver distribuito cibo gratis al Golden Gate Park, violando così i codici sanitari e il regolamento del parco. 
Foto di Greg Garr


Galleria fotografica sul Santa Cruz Homeless Union COVID-19 Releif Center e Food Not Bombs (campo permanente in aiuto e supporto dei senzatetto a Santa Cruz giunto all’87° giorno), e sul gruppo FNB Myanmar attualmente attivo per l’emergenza COVID-19 nel Paese (Food not Bombs Myanmar COVID-19 response).

2 Commenti

  1. Avatar Paola Re ha scritto:

    Sono un esempio mondiale. Li cito sempre quando certe associazioni umanitarie fanno cene benefiche proponendo crudeltà gastronomiche: aiutano gli esseri umani massacrando quelli non umani. L’ipocrisia fatta persona.
    40 anni portati benissimo!

    13 Giugno, 2020
    Rispondi
    • Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

      Purtroppo sono numerose anche le associazioni animaliste e protezioniste che fanno cene di autofinanziamento per aiutare determinati Animali, offrendone altri come cibo.

      14 Giugno, 2020
      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Servizio di notifica dei commenti: Seleziona di seguito se vuoi ricevere un avviso via email per ogni nuovo commento al testo, o per eventuali risposte a un tuo commento. In questo modo potrai agevolmente seguire la discussione senza dover tornare a far visita al sito web. Una volta effettuata l'iscrizione, potrai gestirla (modificandola o cancellandola) visitando la pagina ISCRIZIONE AI COMMENTI e seguendo le istruzioni