Food Not Bombs come l’Isis…


Si legge in circa:
2 minuti

fnb agosto 1988

È noto che ogni Paese stila una propria lista contenente i nomi dei gruppi e delle organizzazioni considerate terroriste (interne e internazionali) e quindi attenzionate. Con tutto ciò che sta accadendo (in Afghanistan per esempio), tali liste sono più che mai d’attualità. A tal proposito vi interesserà sapere che negli USA nella lista stilata dall’FBI oltre ai nominativi tristemente famosi di organizzazioni come l’Isis e Al Qaida, c’è anche quello del movimento Food Not Bombs!
Sembra impossibile ma è proprio così e a confermarlo è uno dei fondatori di FNB:  Keith McHenry con un post nel suo profilo facebook. Infatti il 29 agosto 1988 l’FBI JTTF (Joint Terrorism Task Force) afferma che il movimento FNB è una minaccia per la sicurezza nazionale, dunque rientra a pieno titolo tra le organizzazioni terroristiche interne, questo perché osava fornire pasti vegani gratuiti a persone umane indigenti e al contempo faceva attivismo anticonsumista, antimilitarista e antinucleare.

Nel confermare la notizia a Veganzetta, Keith aggiunge «Sì, siamo stati elencati come gruppo terroristico nel 1988 […]. Siamo ancora elencati come un gruppo terroristico e siamo ancora al centro dell’attenzione della Joint Terrorism Task Force dell’FBI. È possibile che la nuova legge sul terrorismo interno aumenti gli sforzi per metterci a tacere».

Se volete leggere tutta la storia di ciò che è accaduto nell’agosto del 1988, con gli arresti delle persone umane attiviste e l’inserimento nella lista delle organizzazioni terroristiche negli USA, potete visitare questa pagina del sito blog di Keith McHenry (in inglese).


Foto di apertura: banchetto di Food Not Bombs per la distribuzione gratuita di cibo vegano, circondato da agenti di polizia in assetto anti sommossa. San Francisco 1988.

4 Commenti

  1. Paola Drog ha scritto:

    …se avessero distribuirlo armi o fucili da caccia non avrebbero fatto una piega le varie agenzie di polizia locale e a seguire internazionale! quel gesto di aiuto e solidarietà sociale è connotato evidentemente come sovvertitore dei valori perversi delle società tecnocratiche dove vige il consumo degli oggetti, ed è evidente che in base a tale logica anche gli Animali rientrano in tale categoria non essendo più connotati come soggetti, quindi un gesto simile non può che essere visto come una sorta di illegalismo dei beni a vantaggio degli Invisibili, le persone costrette a vivere ai margini delle società, così la gestione di tale forma di “illegalismo” come modalità di controllo sociale finisce per assumere forme repressive paradossali forse in apparenza ma forse, alla fine, congruenti in sostanza…

    30 Agosto, 2021
    Rispondi
  2. Veganzetta ha scritto:

    “se avessero distribuirlo armi o fucili da caccia non avrebbero fatto una piega le varie agenzie di polizia locale”.

    In effetti negli USA accade proprio questo, ma in generale questo non è un problema (serio) solo di FNB, ma di tutte le realtà che per un motivo o nell’altro non sono allineate con il pensiero dominante divenendo quindi scomode e pericolose, pur essendo del tutto pacifiche.

    31 Agosto, 2021
    Rispondi
  3. Paola Re ha scritto:

    Non mi stupisce questa notizia. I movimenti pacifisti sono davvero considerati una minaccia alla sicurezza. D’altra parte, se una società è fondata su dominio, sfruttamento e violenza, è ovvio che il contrario di ciò desti qualche problema…

    6 Settembre, 2021
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *