64 anni fa Laika moriva nello spazio


Si legge in circa:
< 1 minuto

Il 3 novembre 1957 una cagnolina randagia catturata per le strade di Mosca, un esserino di 3 anni e appena sei chilogrammi di peso chiamato Laika, veniva lanciata nello spazio a bordo della navicella spaziale Sputnik 2 e moriva di terrore in solitudine dentro un minuscolo abitacolo.

Come sempre, Veganzetta vuole ricordarla in quanto vittima di un’ingiustizia assoluta.
La triste storia di Laika condannata a morire sola, prigioniera, lontanissima fisicamente da noi Umani e dalla Terra, rappresenta davvero il simbolo di ciò che facciamo subire agli altri Animali quotidianamente. C’è un briciolo di Laika in ogni Animali che soffre a causa nostra: nei suoi occhi che incrociano i nostri, nei suoi pensieri indubbiamente migliori dei nostri. Così come c’è qualcosa di lei in tutto ciò che tentiamo di fare per porre fine all’orrore dello sfruttamento animale. E’ anche per tale motivo che il lavoro di Veganzetta è dedicato alla sua memoria.

Ciao Laika.

6 Commenti
  1. Paola Drog ha scritto:

    La volontà di potenza… e la miseria umana che la sottende, non hanno limiti, neanche di fronte a occhietti tristi e spaventati di una cagnolina indifesa… ogni sogno è un pezzo di dolore che noi strappiamo agli altri esseri, diceva Artaud… desidero un sogno dove finalmente non vi siano più Laike a soffrire al nostro posto.

    3 Novembre, 2021
    Rispondi
  2. Paola Re ha scritto:

    Ogni anno arriva il solito pugno nello stomaco guardando foto e video su questa vicenda agghiacciante. Purtroppo Laika è in buona compagnia perché non è l’unico animale a essere stato catapultato nello spazio.

    3 Novembre, 2021
    Rispondi
    • Veganzetta ha scritto:

      Purtroppo con Laika ci sono molti altri Animali meno famosi di lei ma ugualmente sfortunati.
      Mantenere viva la memoria è l’unica cosa che ora possiamo fare per Laika e per gli altri Animali che sono stati torturati e uccisi in nome della scienza.

      5 Novembre, 2021
      Rispondi
  3. Paola Re ha scritto:

    E’ una canzone struggente. Ogni volta che la sento e vedo il video, mi fa piangere.

    10 Novembre, 2021
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.