Vittime non umane della corsa allo spazio

4 Commenti

  1. Sabina Cravero ha scritto:

    Maledetti bastardi per decenni ci hanno nascosto tutti questi orrori.Se non sono già crepati,spero crepino da soli e con grandi sofferenze!

    12 Giugno, 2014
    Rispondi
  2. Salvatore Messina ha scritto:

    Ecco come si esprime l’intelligenza ? umana usante, regolarmente, scimmie, cani ed altro…e continuano nel laboratori di vivisezione, scantinati doloranti ecc…

    13 Giugno, 2014
    Rispondi
  3. Paola Re ha scritto:

    Sabina, questi orrori non sono stati affatto tenuti nascosti. Forse oggi le immagini sono più note perché internet permette una diffusione molto ampia di tutto. Comunque questi esperimenti erano noti, legali e soprattutto considerati l’orgoglio della scienza astronautica. Basta guardare le foto e vedere gli umani dai quali sono tristemente circondati i disgraziati non umani: camici bianchi, divise, flash di fotografi e giornalisti… tutte persone intente a fare il loro lavoro al servizio dell’umanità. Sono eventi che hanno segnato la storia dell’esplorazione spaziale e quelle povere vittime sono spesso considerate una sorta di eroi perché hanno contribuito al successo delle imprese. E’ lo stesso principio che regola la sperimentazione animale: prima proviamo con gli animali, poi con gli umani. E’ un principio da demolire a prescindere da quale sia il campo in cui si applica.

    13 Giugno, 2014
    Rispondi
  4. cristina beretta ha scritto:

    E’ vero Paola, siamo stati noi a non voler vedere l’orrore e l’impresa di morte eretta tutta intorno a noi. La mente discontinua genera il vuoto cognitivo e in questa tabula rasa totale qualche ubriacone arrogante si è pure issato sul piedistallo. E noi l’abbiamo troppo a lungo tollerato, facendo sedimentare l’abominio nele abitudini, nelle credenze e negli affari: ORA BASTA!

    13 Giugno, 2014
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *