Un vegano


Tempo di lettura stimato:
2 minuti

arcimboldo

Un vegano

Un vegano non è un essere perfetto
Un vegano si veste di cotone o di fibre sintetiche, che non contengono la diretta sofferenza animale ma lo sfruttamento umano e della natura, quello sì
Un vegano usa l’automobile, pur consapevole che senza mica morirebbe
Un vegano magari va anche in moto: che è un di più, e ancora più superfluo
Un vegano pedala in bicicletta, consapevole che, anche senza volerlo, qualche insetto gli si potrebbe comunque spiaccicare addosso
Un vegano d’inverno si riscalda ancora bruciando, conscio che battendo i denti per qualche centinaio d’anni gli crescerebbe nuovamente il pelo
Un vegano non va a bere nel fiume, anche se sa che avere l’acqua in casa è artificiale e non a impatto zero
Un vegano quando fa buio accende ancora la luce, pur sapendo qual’è il caro prezzo di questa comodità
Un vegano lava ancora inquinando l’acqua, cosa che nessun animale fa 
Un vegano contribuisce a creare montagne di rifiuti, altra cazzata colossale che nessun animale fa
Un vegano usa gli elettrodomestici, telefona arricchendo Tim, Wind e Vodafone accende internet e la televisione facendo ridere Google, Rai e Mediaset,
Un vegano delega ancora vota gli sbagliati e non si oppone concretamente alle grandi opere
Un vegano può ancora agire ruffianamente per trovare o mantenere un lavoro o per fare carriera
Un vegano prende ancora gli aerei o guarda quell’insulto ai poveri che sono la Formula 1, la Moto GP o le regate dell’America’s Cup
Un vegano magari compra pezzi di qualche straniera impoverita per farci sesso
Un vegano paga le autostrade, anche se sono sue perché le ha già pagate con le tasse
Un vegano non pretende ancora il dettaglio dei bilanci da chi giura e spergiura che non ci sono più soldi e che c’è la crisi perché c’è la crisi
Hanno ragione i carnivori e i sostenitori della sofferenza delle carote: un vegano non è una torta perfetta, può ancora contenere tracce di inconsapevole o di stronzo
Ma ha tolto l’ingrediente peggiore: la morte superflua di cui gli altri si cibano

Walter Giordano

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/ZDqcZ

Commenta per prima/o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *