Tra anima e Animale: una questione di soglie


Tempo di lettura stimato:
4 minuti

perche

Da Manifesto antispecista

Fonte Il Manifesto

pre più vedo il con­fine messo a divi­dere uomo e ani­male come inti­ma­mente con­nesso a una domanda cru­ciale, ine­lu­di­bile per chi abbia avuto in sorte di vivere dopo la Shoah: come si è arri­vati a pro­gram­mare e attuare l’eliminazione indu­striale di milioni di esseri umani, desti­tuen­doli della pro­pria umanità?

Se la moder­nità ci ha reso cie­chi al dolore, alla sop­pres­sione, al con­sumo e allo smal­ti­mento di esseri viventi pro­dotti e pro­ces­sati indu­strial­mente come cose, se non siamo capaci di rico­no­scere e lasciarci inter­pel­lare dal dolore del vivente, come pos­siamo rispet­tare gli esseri umani? Non si tratta solo di un pen­siero ani­ma­li­sta, ma di un ragio­na­mento pie­na­mente poli­tico che — in bilico tra filo­so­fia e scienza, nella defi­ni­zione di ciò che è “uomo” e ciò che non lo è, di ciò che attiene all’umano e di ciò che se ne disco­sta — ci porta a un nodo essen­ziale che si può rias­su­mere nell’invettiva di Scho­pe­n­hauer con­tro l’esclusione degli ani­mali dall’etica kan­tiana: «Sia dan­nata ogni morale che non vede l’essenziale legame fra tutti gli occhi che guar­dano il sole». 

Dalle pagine di Tol­stoj con­tro l’infinito mas­sa­cro com­piuto nei macelli, indie­tro fino al pen­siero greco di Pita­gora ed Empe­do­cle, vediamo che la comu­nanza del vivente ha avuto piena dignità nella rifles­sione teo­rica e poli­tica. Si tratta di una bat­ta­glia cul­tu­rale che va al cuore di ciò che siamo. Una bat­ta­glia che vede sem­pre più donne e uomini ribel­larsi all’idea che la per­sona — ovvero il sog­getto di diritto — vada tute­lata solo nell’appartenenza all’umano. Per­sona è chi è sen­ziente, chi è capace di affetti, chi, con il suo sguardo, ci inter­pella. A dirlo non sono più per­so­naggi dive­nuti icone del paci­fi­smo, come Gan­dhi, o del pen­siero scien­ti­fico, come Ein­stein, ma poli­tici dal pas­sato resi­sten­ziale che non hanno esi­tato a imbrac­ciare le armi con­tro le dit­ta­ture, come l’attuale pre­si­dente dell’Uruguay Pepe Mujica, ex tupa­maro, che ha appena intro­dotto un decreto legge volto a punire anche con il car­cere imme­diato chi attenta alle cin­que libertà basi­lari dell’animale: la libertà dalla fame e dalla sete, la libertà dal dolore, dalla sof­fe­renza e dalla malat­tia, la libertà dalla paura e dall’angoscia, la libertà di espri­mere una con­dotta nor­male, la libertà dalla costrizione.

Met­tere il rispetto per l’animale e per tutto il vivente al cen­tro dell’agenda poli­tica ha con­se­guenze rivo­lu­zio­na­rie, in ter­mini eco­no­mici, etici, edu­ca­tivi, eco­lo­gici. Com­porta uno spo­sta­mento nelle pra­ti­che quo­ti­diane, nell’alimentazione, nella spe­ri­men­ta­zione scien­ti­fica, nel rigetto della cru­deltà, nell’abbracciare ciò che vive fuori dalle cate­go­riz­za­zioni e dalle gerar­chie che la nostra cul­tura ci ha impo­sto nomi­nan­dole come natura, e che sono invece espres­sione di dominio.

La soglia messa a sepa­rare l’uomo dall’animale è fria­bile, e l’uomo può essere facil­mente respinto verso l’animale (o, per meglio dire, verso il con­cetto, l’astrazione, lo stigma con­te­nuto nella parola “ani­male”); verso il “sot­touomo”, l’Unter­men­sch.

Nella pro­pa­ganda dei regimi, la costru­zione del nemico — e dun­que la pos­si­bi­lità della sua eli­mi­na­zione fisica — viene attuata con la desti­tu­zione di uma­nità impli­cita nel nomi­nare l’altro come ani­male. Nell’iconografia nazi­sta gli ebrei sono topi, paras­siti da disin­fe­stare; in Ruanda, negli inci­ta­menti allo ster­mi­nio fatti dagli hutu, i tutsi erano sca­ra­faggi. Gli esempi sono infi­niti, e sarebbe inte­res­sante inter­ro­gare l’indifferenza all’animale che alberga nelle meta­fore, nelle simi­li­tu­dini, nelle imma­gini che usiamo comu­ne­mente.
Si dice «andare come pecore al macello» per inten­dere per­sone imbelli e in fondo col­pe­voli della pro­pria sorte; se però guar­das­simo alle pecore come a esseri dotati di sguardo, di volto, una simile imma­gine diven­te­rebbe impos­si­bile. La lezione di Lévi­nas sul volto come fon­da­mento dell’etica potrebbe allora inve­stire il vivente, o almeno varie soglie di pros­si­mità del vivente. Forse è pro­prio il nostro negare un volto all’animale, il nostro attri­buirlo solo all’umano — un umano con­trat­ta­bile, dal quale esclu­dere di volta in volta i malati di mente, gli “aso­ciali”, gli omo­ses­suali e tutte le cate­go­rie via via con­si­de­rate inu­tili o dan­nose — a fon­dare l’indifferenza che per­mette gli stermini.

Robert Antelme, nel radi­cale azze­ra­mento di ogni con­cetto del “bene e del bello” fatto nella sua pri­gio­nia ad Ausch­witz, par­lava dell’«eterno movi­mento del disprezzo» come vora­gine della nostra cul­tura: credo che cominci dal disprezzo dell’animale. Ed è da qui che occorre rifon­dare la nostra poli­tica come inclusione.

Daniela Padoan

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/o8lTk

11 Commenti

  1. Paola Re ha scritto:

    Le parole di Daniela Padoan hanno fatto il giro delle rete, soprattutto tra animalisti e antispecisti, in questi giorni di campagna elettorale, proprio perché Daniela Padoan è candidata alle elezioni europee. Fiduciosa che questo sia il pensiero di Daniela Padoan ogni giorno dell’anno, mi auguro che, se eletta, lo manifesti in Europa e soprattutto lotti per difenderlo. Vorrei leggere sui giornali parole simili anche in altri momenti dell’anno, lontani da elezioni. E soprattutto vorrei che si impegnasse su questo fronte a prescindere dal successo elettorale.

    21 maggio, 2014
    Rispondi
  2. Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

    Cara Paola,
    Grazie per la precisazione. Le parole di Padoan sono state pubblicate su Veganzetta NON perché scritte da una candidata di una lista in corsa per le elezioni europee, ma perché interessanti.
    Veganzetta è e rimane per il non-voto, a prescindere dalla lista o dalla persona candidata, e nulla cambia anche se si pubblica un testo di chi è candidata a un’elezione.
    Comunque hai ragione quando dici: “Vorrei leggere sui giornali parole simili anche in altri momenti dell’anno, lontani da elezioni”, e proprio perché troppo spesso parole simili nascono solo ed esclusivamente in determinati periodi, è bene ribadire la posizione di questo sito: http://www.veganzetta.org/?p=5162

    22 maggio, 2014
    Rispondi
  3. claudio ha scritto:

    chi non vota o sbandiera il NON VOTO delega ad altri il potere di scelta .

    alla fine è un essere vivente senza coscienza , né intelligenza sociale.

    sono sopratutto i poteri forti che orientano il VOTO e sorge il dubbio che voi vi alleate a questi poteri forti in ragione di una ammantata purezza che guasta la vostra immagine e i vostri ideali

    riflettete
    claudio

    22 maggio, 2014
    Rispondi
    • Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

      A ben pensarci l’intelligenza sociale non è sancita, normata e regolata da questo tipo di società, ma è al limite frutto di coscienza individuale, senso critico e impegno sociale. Chi vota delega, a questo serve il voto, altrimenti non si voterebbe. Chi non vota non rinuncia, ma esprime un suo preciso punto di vista che non è quello compreso nelle ridotte e ben controllate scelte messe a disposizione del sistema.
      A prescindere dai “poteri forti” tu confondi l’autodeterminazione dell’individuo con il qualunquismo e il disfattismo. Pertanto il dubbio che tu esprimi è rimandato al mittente, anche perché in questo luogo non si parla di purezza, e non si bada di sicuro all’immagine, ma si pensa un futuro aspecista e a strategie sociali, culturali e politiche per realizzarlo.
      Puoi stare certo che si riflette, e anche molto, cosa che molto spesso non si può dire di chi subisce supinamente le modalità di controllo di un sistema ingiusto e violento incapace di cambiare.

      22 maggio, 2014
      Rispondi
  4. claudio ha scritto:

    Chi non vota rinuncia. non ha coscienza sociale .

    ha solo un enorme narcisismo e attua metodi e strategie che confondono le persone e che NON porta a NESSUN risultato.

    questo è il mio pensiero.
    ciao claudio

    22 maggio, 2014
    Rispondi
  5. Daniela Padoan ha scritto:

    Vi ringrazio per aver riportato l’articolo, e anche per lo scambio di opinioni che ne è seguito. Non entro nella questione che riguarda la scelta del voto, ma ci tengo a dirvi che a questo argomento ho dedicato un intero capitolo del mio ultimo libro, e che non si tratta di una strumentalizzazione.
    Voglio però dirvi anche un’altra cosa: non siate così sicuri che parlare di animalismo e antispecismo faccia prendere voti, anche a sinistra. Non è stata molto ben vista, questa mia presa di posizione: molti hanno ironizzato, molti di quelli che mi sostenevano si sono allontanati come di fronte a una caduta imbarazzante. C’è ancora una grande battaglia da fare, anche a sinistra, per far comprendere l’importanza del rispetto del vivente, e io sono decisa, per quello che posso, a farla – prima e dopo lo scrutinio elettorale.
    Ciao, Daniela

    24 maggio, 2014
    Rispondi
    • Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

      Cara Daniela,

      Come già scritto l’articolo è stato pubblicato perché è interessante e condivisibile.
      Forse nel tuo caso non si tratta di strumentalizzazione, però è quantomeno strano che c’è un fiorire di interesse nei confronti degli Animali sempre e solo in periodo elettorale, non trovi?
      A sinistra gli Animali vengono considerati solamente quando li si trova nel piatto, questa è una triste verità e al contempo un’incoerenza allucinante se si pensa alle battaglie sulla giustizia, la libertà e l’uguaglianza che si sono sempre fatte in questi ambiti.
      Quindi purtroppo non si può che darti ragione. Non c’è una grande battaglia da fare ANCHE a sinistra, ma SOPRATTUTTO a sinistra, per far capire a chi si sente vicino a questo pensiero politico che l’epoca dell’antropocentrismo e della supremazia dell’Umano sulla Natura è finita da tempo. Grazie per il tuo impegno.

      26 maggio, 2014
      Rispondi
  6. Gianluca Albertini ha scritto:

    Su non voto sono d’accordo con Claudio ma in questo senso: non votando non permetti alla società di valutare le forze (in quantità e in qualità) che potrebbero cambiarla. E sicuramente si favorisce chi è capace di organizzare il voto. Generalmente sonocoloro che hanno il potere e che si opprimono, indipendentemente dal colore ma preponderantamente i capitalisti e loro alleati, laici e religiosi.
    Ora vorrei portare alla tua attenzione anche questo articolo di un’altra candidata sensibili della lista tsipras. Un impegno contro le discriminazioni umane che lei sente più fortemente, ma sono quasi sicuro che non abbia voluto escludere quelle rivolte ai non umani. Questo è l’articolo scaricato da FB:

    (Il mio commento su fb)
    Gianluca Albertini La discriminazione, qualunque essa sia, nei confronti di ogni vivente è un crimine contro la vita.

    FB Olga Nassis
    17 maggio 2014

    I muri
    Senza riguardo senza pietà senza pudore mi drizzarono contro grossi muri.
    (…)
    Mi alzavano muri, e non vi feci caso.
    Mai un rumore una voce, però, di muratori.
    Murato fuori del mondo e non vi feci caso
    (K.Kavafis)

    04 Febbraio 2014, il Parlamento Europeo approva il “RAPPORTO LUNACEK”, una risoluzione che sollecita la Commissione Europea, gli Stati membri e le agenzie UE a lavorare in sinergia per contrastare le discriminazioni
    • basate sull’orientamento sessuale e
    • l’identità di genere
    • nel campo del lavoro, dell’educazione, della salute, dell’accesso a beni e servizi, delle libertà di movimento ed espressione,
    • per attuare strategie di prevenzione e contrasto dei crimini d’odio,
    • per semplificare le procedure d’asilo e le relazioni internazionali.
    Da quel giorno nulla è cambiato nel nostro paese, dove Gay Lesbiche Bisessuali e Transessuali sono considerate “identità non previste” dalla costituzione o tutt’al più cittadini di “serie B”, assoggettati agli stessi doveri ma non soggetti a pari diritti, rispetto al “resto” della popolazione.
    Un onda “anomala” di insensato pregiudizio di matrice patriarcale e conservatrice ha travolto politica ed istituzioni. La scure della censura omofoba e misogina ha colpito la scuola, luogo nel quale la diffusione dei saperi, lo sviluppo del senso critico, l’educazione al rispetto di tutte le cosiddette “diversità”, dovrebbero essere gli obiettivi principali per la crescita emotiva e culturale di coloro che saranno i cittadini e le cittadine di domani.
    E’ così che il nostro paese vuol stare in Europa?
    L’Italia è l’unico paese in Europa in cui la libertà di coscienza, in particolare quella ipocrita dei legislatori, e? diventata lo strumento di alcuni per impedire la libertà di altri.
    L’Italia ha mostrato miopia morale e strategica: un paese in cui c’e? il “problema” degli omosessuali, il “problema” dell’educazione di genere, dell’educazione sentimentale e sessuale a scuola, il “problema” del fine vita, il “problema” della procreazione assistita. Vorrei che la parola problema fosse sostituita con “liberta?”. Voglio vivere in un paese in cui i diritti siano interi e non dimezzati dai pregiudizi. Voglio vivere in un paese in cui la parola libertà abbia un senso di liberazione e non di oppressione. E tu?
    #lamiaeuropalibera
    Olga Nassis detta “Onassis”
    Candidata alle elezioni europee con L’ALTRA EUROPA CON TSIPRAS
    http://www.listatsipras.eu/

    25 maggio, 2014
    Rispondi
  7. Paola Re ha scritto:

    Rispondo a Daniela a elezioni terminate, proprio per evitare di trasformarmi in uno spot elettorale vivente. Le sue parole che ho letto un po’ ovunque rispecchiano il mio pensiero che manifesto in ogni occasione ritenuta opportuna. E’ vero che l’animalismo e ancora di più l’antispecismo sono argomenti scomodi ma, guarda caso, prima delle elezioni, diventano meno scomodi per parecchi candidati che si fanno un giro su quel pianeta, giusto per vedere che cosa riescono a raccogliere in termini di voti e consensi. Come Daniela, anch’io non sono affatto certa che parlare di antispecismo faccia prendere voti, soprattutto mi auguro che gli antispecisti non siano così stolti da dare il loro voto (sempre che votino) a chi parla di antispecismo solo a ridosso delle elezioni. Al contrario, porre l’antispecismo a fondamento di un programma elettorale costituirebbe sicuramente un motivo di riflessione per parecchi elettori, forse proprio quelli che non votano più da tempo perché delusi dal disinteresse, e in molti casi dall’ostilità, dei partiti nei confronti degli animali, esseri senzienti. Non mi stupisce leggere le parole di Daniela “Non è stata molto ben vista, questa mia presa di posizione: molti hanno ironizzato, molti di quelli che mi sostenevano si sono allontanati come di fronte a una caduta imbarazzante”. Effettivamente è così: l’antispecismo imbarazza moltissimo perché è una denuncia sociale: basta essere antispecisti, o semplicemente vegan, seduti a un tavolo in compagnia di onnivori e l’imbarazzo è evidente. Chi ci sta accanto non sa come reagire, così la butta sull’ironia, ma dietro quell’ironia c’è un baratro da cui non si vuole risalire. Non c’è dubbio che Daniela sia stata allontanata forse perché considerata un po’suonata o fuori di testa, per usare espressioni di linguaggio colorite. Capita spesso anche a me, addirittura con le persone che sento più vicine, ma da tempo ne faccio motivo di orgoglio e se vengo allontanata o se si fa dell’ironia, seguo il consiglio di mia nonna “Regala la tua assenza a chi non merita la tua presenza”. Non ho mai militato in un partito ma credo che all’interno di un partito, valga di più la presenza e, più che allontanarsi, valga la pena lottare, anche se si è in nettissima minoranza. Visto che le elezioni sono terminate, riporto anche il caso di Andrea Zanoni, candidato PD nella circoscrizione Nord-Est, non appoggiato dal partito (forse imbarazzato dalle sue idee?), ma sostenuto con passione dalle associazioni animaliste: ha ricevuto quasi quarantamila preferenze. Non sono sufficienti per entrare al Parlamento Europeo, ma senza la sua candidatura quei voti non sarebbero stati portati al PD. Nei due anni trascorsi come europarlamentare, è stato il deputato italiano più presente alle sedute dell’europarlamento e delle commissioni e ha raggiunto alcuni importantissimi risultati. Si può forse ignorare un simile candidato? Io abito in Piemonte, che fa parte della circoscrizione Nord-Ovest in cui Daniela si è candidata, quindi la seguirò con particolare interesse e mi auguro che il suo impegno sia tangibile a partire da oggi. Spero che si faccia promotrice di iniziative (come quella dello scorso 20 Maggio a Milano); spero di vederla agli incontri organizzati dalle associazioni animaliste e antispeciste; spero di leggere le sue riflessioni e i frutti del suo impegno sugli organi di informazione, tra cui Veganzetta che è letta da persone che non votano, che votano, e tra queste c’è anche chi ha votato proprio lei.

    27 maggio, 2014
    Rispondi
    • Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

      Veganzetta è e rimane un luogo virtuale di confronto, dibattito e anche scontro (se finalizzato al chiarimento e alla comprensione reciproca). Il tema del voto e delle rappresentanze animaliste nelle amministrazioni è importante, e si spera che altre persone vogliano affrontarlo.
      L’antispecismo è scomodo soprattutto perché esprime una pesantissima critica al sistema sociale umano vigente. Una visione rivoluzionaria che auspica un cambiamento radicale dello stato delle cose, non può essere rappresentata in un Parlamento, o un’Amministrazione, pertanto si ritiene che vi possano essere candidati animalisti, ma non è possibile averne di antispecisti perché significherebbe automaticamente riconoscere le “regole del gioco” di un sistema che si vorrebbe eliminare, e quindi, in definitiva, si riconoscerebbe il sistema stesso.
      Democrazia e politica sono argomenti fondamentali che non possono essere lasciati a rappresentanze o delegati a sigle, partiti o singoli.
      E’ importante in conclusione il dialogo tra chi si pone con atteggiamento critico nei confronti del sistema boicottandone le pratiche e le caratteristiche principali, e tra chi intende cambiarlo dal suo interno, senza però mai confondere i ruoli

      27 maggio, 2014
      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *