Tag: walter giordano




Tempo di lettura stimato:
2 minuti

scimmia che urla - L'urlo

Sabato 5 settembre 2015 a Torino si è svolta una biciclettata NoZoo contro il progetto di privatizzazione del parco Michelotti e di riapertura di uno zoo. Anche fossimo stati 10.000 sarebbe stato troppo poco, ma 20 assolutamente non è numero degno. I “défilé” (indignati in teoria ma defilati in pratica) anche stavolta sono stati troppi. Comunque così è: pochi è sempre meglio che soli. L’idea era far sentire degli spot amplificati, ma la fortuna gioca volentieri contro le opposizioni: il lettore mp3 ha infatti subito smesso di funzionare. Così a noi, pochi ed ammutoliti, restavano solo fischietti, campanelli, trombette. E la voce. Così a me, pedalando in mezzo alla gente del sabato pomeriggio – sai quella tutta “bella”, tutta uguale, quella che invece di tentare se stessa non fa altro che cercare di assomigliare a qualcuno – è venuto di provare un urlo. Un urlo qualsiasi, giusto per far girare quei crani svuotati, quei cloni in posa, verso di noi.

Animalismo




Tempo di lettura stimato:
1 minuto

1176168 393201250815913 509877870 n - Dei delitti e delle peneDei delitti e delle pene” di Cesare Beccaria pubblicato nel 1763 è un testo famoso e spesso citato. Molti passaggi del libro sono ancora oggi di aiuto ed attuali. Un amico di Walter Giordano (collaboratore di Veganzetta) commenta la seguente frase estrapolata dal secondo capitolo del libro per avviare una considerazione di carattere generale sulla questione NO TAV:

“Ogni pena che non derivi dall’assoluta necessità, dice il grande Montesquieu, è tirannica; proposizione che si può rendere più generale così: ogni atto di autorità di uomo a uomo che non derivi dall’assoluta necessità è tirannico.”

Antispecismo




Tempo di lettura stimato:
2 minuti

zampone umano - Un capodanno con autocritica

Walter Giodano (collaboratore di Veganzetta) riceve un invito a partecipare a un capodanno 2013 condiviso alla Casa del Popolo a Chieri (TO) organizzato dal Circolo di Rifondazione Comunista di Chieri e Cambiano, e dall’Associazione Quarto Stato. Nel menù (manco a dirlo) spicca il cotechino; Walter risponde all’invito, e Veganzetta pubblica. Buona lettura.
Nella foto: proposta per uno zampone alternativo.

Se non fosse per cotechino e affini, derivati da detenzione e morte procurata, avrei volentieri condiviso .

Animalismo Lettere dai lettori Notizie Veganismo




Tempo di lettura stimato:
3 minuti

Da Veganzetta n° 5 / 2012

dentice - La coerenza vien mangiando
illustrazione di Emy Guerra

 
La domanda è scomoda: ma quanta rivoluzione sei disposto a fare? Scendi in piazza per liberare te stesso dall’oppressione o sei per togliere catena e giogo a tutti, anche ai meno di niente?

E qui arriva dovrebbe, il condizionale onnipresente. Non uccidere, innanzitutto gli innocenti, dovrebbe essere sinonimo del rispetto globale rivendicato nelle piazze. Dovrebbe essere la linea di partenza naturale di ogni rivoluzione, sennò, alla fine della corsa, per gli Animali, gli ultimi degli ultimi, son dolori esattamente come prima.

Per chi alza la testa e non la gira dall’altra parte, per chi agita il pugno invece di lavarsene le mani, per chi trascorre i fine settimana in Val Clarea anziché all’outlet, vivere senza ammazzare dovrebbe essere scontato, coerentemente ovvio. Dovrebbe, e invece no. 

Animalismo Antispecismo