Tag: veronica corsini



Tempo di lettura stimato: 2 minuti

chimps-nybc

E’ il 1983 quando venti Scimpanzé utilizzati dal New York Blood Center (NYBC) per esperimenti sul sangue vengono lasciati in balìa di loro stessi in un’isola della Costa d’Avorio.
La persona umana preposta a fornire cibo agli Animali non assolve il suo lavoro e gli Scimpanzè sono lasciati in stato di totale abbandono.
Sugli Animali non è stata tentata alcuna riabilitazione nè hanno avuto alcun pregresso contatto con il mondo esterno, per tutta la vita hanno conosciuto solo le gabbie e gli stabulari che li hanno imprigionati.

0

Animalismo Notizie dal mondo Notizie sull'attivismo



Tempo di lettura stimato: < 1 minuto
topo-umano
Un articolo recentemente pubblicato su ilpost.it osserva come i documentari siano sempre più spesso protesi a dare agli Animali comportamenti e sentimenti simili a quelli umani, così da coinvolgere maggiormente lo spettatore medio che troppo spesso riesce a provare empatia solo per chi ha atteggiamenti ed emozioni nelle quali si riconosce. 
Si parla parla di “processo di disneyficazione” dei documentari, quando si vuole a tutti costi accattivarsi le simpatie degli spettatori dando agli Animali caratteristiche e prerogative prettamente umane. 

0

Animalismo Notizie Notizie dal mondo



Tempo di lettura stimato: 5 minuti

chiuderemorini

Chiudere Morini
La campagna contro Green Hill ha rappresentato una vittoria storica e di fondamentale importanza nella lotta contro la vivisezione.
Ma prima di questa un’altra battaglia è stata combattuta e vinta: quella contro il lager per Animali Morini, situato in provincia di Reggio Emilia.

L’allevamento Stefano Morini per decenni (l’azienda era nata nel 1953) ha allevato e venduto Cani, Conigli e Roditori per laboratori di vivisezione di tutta Europa finché, nel 2002, un camion carico di Beagle inviato in Austria non viene bloccato alla frontiera e i Cani fatti tornare al lager di San Polo d’Enza, fino ad allora pressoché sconosciuto.

0

Animalismo



Tempo di lettura stimato: 2 minuti

dimenticato
Non ricordi da quanto tempo sei chiuso là dentro, potresti anche esserci nato e non saperlo più.
La tua vita era con la tua famiglia, con gli altri membri del tuo gruppo che, come te, cercavano la migliore delle esistenze possibili. Poi, non si sa come, le sbarre, l’angoscia.
Ora ti senti solo, anche se sei circondato da tanti tuoi compagni che vorrebbero andare via di lì, ammassati come pagliuzze di fieno in una balla.
Sogni la libertà, la dignità, uno spazio e un tempo che nemmeno il peggiore dei tiranni dovrebbe togliere ad alcuno.
E invece sei ancora lì, notte e giorno.

0

Animalismo Antispecismo Lettere dai lettori