Tag: singer




Tempo di lettura stimato:
4 minuti

Da Veganzetta n° 5 / 2012

salmone - Un proprio personale sentiero
illustrazione di Emy Guerra

Secondo Henry Beston, naturalista e scrittore britannico, dovremmo adottare una concezione “più intuitiva” degli Animali. È chiaro cosa si intende con il termine “intuizione” in questo caso: l’Umano civilizzato guarda il mondo con gli occhi del cittadino, e mai dell’Animale, e conduce lontano dalla natura un’esistenza fatta di oggetti sociali osservando ciò che è altro da sé sotto “la lente livellante” della razionalità e cultura umana. Da questa lente, tutto appare deformato, gli animali non umani diventano pet, se “fortunati”, o prodotti commerciali in potenza, se sfortunati; in ogni caso, anche sull’Animale si applica la trasformazione in oggetto sociale: il corpo martoriato scompare per far posto al levigato oggetto che troveremo al supermercato. Secondo Beston, l’Umano/cittadino tratta gli Animali con condiscendenza: tutto ciò che è altro dall’Umano diviene creatura incompleta – mancante – privo di ciò che lo rende un’entità morale. Misurare gli Animali col metro dell’Umano è privarli di ciò che li rende Animali, farli somigliare al dissimile: modificarne l’ontologia per una brama di conoscenza che poi trascende in violenza.

Antispecismo




Tempo di lettura stimato:
6 minuti

Fonte: www.animalstation.it/specismo-antispecismo-classico-e-antispecismo-politico 

Alcune fonti citate non sono più presenti sul web (come del resto lo stesso sito internet che ha pubblicato originariamente l’articolo), per tale motivo alcuni collegamenti sono stati modificati per rendere nuovamente disponibili i testi a cui l’articolo fa riferimento in nota.

Specismo, antispecismo classico e antispecismo politico

giovedì, 31 gennaio 2013

Facciamo un po’ di chiarezza (in breve) su specismo e antispecismo

vitello numero - Specismo, antispecismo classico e antispecismo politico

Cos’è l’antispecismo? Quali sono i suoi obiettivi? Quali i suoi metodi per raggiungerli? Le risposte a queste domande non sono semplici e univoche. Tra gli attivisti per i diritti animali non vi è ancora concordanza su una definizione unanimemente accettabile della teoria e della prassi del movimento antispecista.

In questo articolo vorrei proporre in modo breve ed essenziale gli aspetti centrali della questione, senza pretese di fornire una ricostruzione rigorosa e ineccepibile, considerando anche che non sarebbe neppure possibile viste le diverse e differenti analisi e interpretazioni che spesso vengono proposte. Ma andiamo con ordine e cerchiamo prima di definire cosa sia lo specismo.

Cos’è lo specismo?

Il termine specismo compare per la prima volta nel 1970 in un opuscolo per contestare gli esperimenti su animali scritto dallo psicologo Richard D. Ryder, in cui sosteneva che il tentativo di ottenere benefici per la specie umana attraverso l’abuso di individui di altre specie è «semplicemente specismo e come tale si basa su ragioni morali egoistiche piuttosto che su ragioni razionali» [1]. Un anno più tardi, in un saggio del 1971, Ryder chiarisce ulteriormente il significato di specismo

Antispecismo




Tempo di lettura stimato:
3 minuti

to animals all people are nazis1 - Lo sfruttamento degli Animali non è come l'Olocausto?

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo ha deciso che la PETA Germania non può esporre le sue pubblicità in cui la strage degli Animali è paragonata all’Olocausto degli ebrei.
La sentenza della Corte pone fine a una diatriba che si trascinava da anni.

All’indirizzo web di seguito un articolo esplicativo sulla vicenda: www.giornalettismo.com/archives/591975/lo-sfruttamento-degli-animali-non-e-paragonabile-allolocausto/

Per quanto ci riguarda riteniamo che non sia scandaloso il paragone, e che nonostante le finalità diverse che contraddistinguono la strage degli Animali e l’annientamento degli ebrei, le due tragedia siano assolutamente collegate.  

Animalismo Antispecismo Notizie dal mondo