Tag: nutrie




Tempo di lettura stimato:
2 minuti

the invasion 2 e1501596809551 120x120 - The Invasion – A Coypumentary

Nel 2015 è stato pubblicato un interessante documentario-inchiesta di Ilaria Marchini su una questione spinosa, che troppo spesso è stata sottovalutata anche in ambito animalista e antispecista: le specie animali “alloctone” ossia quegli Animali che, per svariate ragioni quasi sempre indipendenti dalla loro volontà, si sono ritrovati a vivere in ambienti diversi da quelli di origine, con tutte le problematiche derivanti. Nello specifico il documentario “The Invasion – A Coypumentary” si occupa di uno degli Animali alloctoni più odiati, calunniati e perseguitati: la Nutria.

“The Invasion” introduce il tema delle specie alloctone, animali “alieni” che vivono vicino a noi: piccoli e grandi stranieri che si sono adattati a vivere lontano dal loro ambiente di origine, definiti “invasivi” anche se la loro presenza nel nostro territorio è opera dell’uomo. Quali sono le ripercussioni che queste specie possono avere sulla biodiversità e sugli ecosistemi? In che modo l’uomo le percepisce e vi si pone in relazione? Il documentario, in modo imparziale ed analitico, cerca una risposta a queste domande puntando i riflettori sul caso della nutria (Myocastor Coypus), specie alloctona tanto discussa quanto bersaglio di fantasiose leggende metropolitane. Attraverso l’apporto degli esperti, il film spiega quali sono le problematiche derivanti dall’elevato numero di nutrie presenti nel nostro territorio, le controversie riguardanti le modalità di gestione applicate negli ultimi decenni, i costi, i risultati ottenuti e le possibili soluzioni ecologiche e non cruente.
“The Invasion” è un viaggio alla ricerca di una sola semplice risposta: chi è davvero l’invasore?

Animalismo Media Video




Tempo di lettura stimato:
3 minuti

caccia uccelli - ARCICACCIA: "bisogna sparare con dolcezza"Agli “Stati generali della caccia in Veneto” che si sono svolti a Vicenza nei primi giorni di febbraio 2015, Giuliano Ezzelini Storti, Presidente ARCI Caccia del Veneto ha avuto la brillante idea di partorire un nuovo slogan per la cosiddetta caccia del secondo millennio: “bisogna sparare con dolcezza“.
Far notare al suo ideatore che questa frase è una colossale contraddizione in termini, sarebbe tempo sprecato per ovvi motivi, è utile, però, proporre delle considerazioni di carattere generale, per comprendere il perché di queste trovate pubblicitarie.

Animalismo Notizie




Tempo di lettura stimato:
4 minuti

nutria che pranza - Il WWF dice si alla mattanza delle Nutrie

Fonte: www.cesenatoday.it/cronaca/il-wwf-dice-si-all-abbattimento-delle-nutrie-vanno-fatte-sparire-dall-italia.html

Il Wwf dice sì alla mattanza delle nutrie. “Vanno fatte sparire dall’Italia!”
Sulle modalità di soppressione: “E’ opportuno che i metodi di soppressione siano indolori e a norma con le leggi vigenti, in alcuni casi si è adottato il cloroformio, ma non è poi detto che un’arma da fuoco sia più indolore di altri strumenti” 

Il presidente del Wwf Ivano Togni interviene sull’abbattimento delle nutrie che suscita reazioni contrastanti su facebook. “Spiace contraddire gli amici dell’Enpa ma la Nutria è una specie alloctona invasiva che costituisce una seria minaccia per altre specie animali autoctone ed in generale per la nostra biodiversità, pertanto è una specie da eradicare, non solo dal Parco Levante di Cesenatico ma su tutto il territorio nazionale”.

Animalismo Notizie




Tempo di lettura stimato:
5 minuti

nutria - Nutrie, Rospi... e tanti altri

Fonte: http://annamariamanzoni.blogspot.it/2014/07/nutrie-rospi-e-tanti-altri.html

Non molte persone sanno un gran chè delle nutrie; o meglio non molti connettono questo nome con quello ben più familiare di castorino, familiare perché fino a non molti anni fa era quello delle pelliccette che molte donne portavano, potendosele permettere perché non eccessivamente costose e perché l’idea molto poco politicamente corretta che provenissero da un animale, allevato ed ucciso ad hoc, restava racchiusa nei meandri della rimozione. Che se poi da lì fuoriusciva, i tempi erano tali per cui si poteva tranquillamente conviverci senza particolari sensi di colpa. L’animalismo, con tutto il suo carico di nuove consapevolezze e di conseguenti responsabilità, era tutto da venire.

Animalismo Antispecismo Notizie