Tag: leonora pigliucci



Antispecismo Appuntamenti Notizie Notizie sull'attivismo




Tempo di lettura stimato:
1 minuto

ma-volterravegan

Domenica 2 agosto 2015 alle ore 10,30 presso le Logge di Palazzo Pretorio – Piazza dei Priori a Volterra (PI) nell’ambito della manifestazione Volterra Vegan 2015, si terrà la presentazione del libro “Proposte per un Manifesto antispecista” a cura di Adriano Fragano e con l’introduzione dell’attivista Rita Ciatti e della giornalista Leonora Pigliucci di Gallinae in Fabula Onlus

Antispecismo Appuntamenti Libri Notizie




Tempo di lettura stimato:
6 minuti

farfalla
Illustrazione di Emy Guerra per Veganzetta

Da Veganzetta n° 7/ 2013

Da un anno a questa parte l’azione di liberazione a volto scoperto ha assunto un ruolo da protagonista sia nel connotare gli intenti del movimento di liberazione animale, che nella riflessione antispecista, chiamata a interpretare quanto è scaturito dal salvataggio dei Cani il 28 aprile scorso alla Green Hill di Montichiari (BS). Sempre in aprile ci troviamo ad assistere a un evento storico: “la grande giornata di Milano”, come qualcuno ha chiamato il giorno dell’occupazione e liberazione a volto scoperto dello stabulario del Dipartimento di Farmacologia dell’Università Statale di Milano, che ha segnato un “punto di non ritorno” – come consapevolmente affermato dagli stessi liberatori – che porta l’azione di liberazione animale oltre la misura di ciò che può essere ignorato. 

Animalismo Antispecismo




Tempo di lettura stimato:
9 minuti

Fonte: Asinusnovus

di Leonora Pigliucci

La presidente della Camera Laura Boldrini, non senza suscitare un gran vespaio di polemiche tra coloro che gridano all’attacco alla libertà di espressione, ha rilasciato un’intervista a Repubblica in cui solleva la questione della violenza verbale e d’immagine espressa diffusamente su internet e sui social network, e quasi mai soggetta a sanzione.

Si tratta di un fenomeno cui sono testimoni tutti i fruitori del web: è molto facile imbattersi in fotomontaggi e vignette che con l’idea di fare ironia o polemiche politiche veicolano contenuti brutali ed offensivi, e che ricevono una moltiplicazione virale che implicitamente li rende plausibili, nonché spunto per un crescendo di commenti di approvazione carichi di una virulenza spesso anche maggiore di quella di partenza. Complice della degenerazione verbale è la sensazione di anonimato che si ha da dietro lo schermo dei pc e la lontananza fisica dagli spazio “reali” in cui le stesse manifestazioni sono eventualmente punite. 

Antispecismo Femminismo antispecista Notizie