Tag: arte antispecismo




Tempo di lettura stimato:
3 minuti

tassinari - Wilma Tassinari

Wilma Tassinari

Wilma Tassinari in arte e in senso beneaugurale abbreviato in “ViTa” è un’artista poliedrica, vegan, principalmente dedita al canto come musicista jazz e generi affini.
Il disegno è una forma di espressione che ha sempre coltivato collateralmente, ama creare personaggi strani, diversi dall’abituale, in forma tragicomica ma con dignità, la volontà è quella di esprimere il concetto di dignità appunto ritrovandolo nel buffo, nel grottesco e nel diverso dall’umano.  

ArteVeganzetta




Tempo di lettura stimato:
1 minuto
panda - Emy Guerra
Emy Guerra è un’artista vegan che da tempo collabora con Veganzetta (dal 2010): sue sono la maggior parte delle splendide illustrazioni che si possono ammirare su Veganzetta cartacea, e nelle pagine del presente sito web eseguite in collaborazione con Konstantin Vohwinkel.
Per tale motivo è con grande piacere che si pubblicano di seguito alcuni suoi lavori grafici e una piccola presentazione. Grazie Emy per aver dato una forma a molti pensieri. 

ArteVeganzetta




Tempo di lettura stimato:
4 minuti

P2130029 - Adoro i Maiali

Testo e opere di Dóra Zambó per Veganzetta

Adoro i Maiali.
Si è sviluppata in me un’attrazione inconscia verso questi Animali intelligentissimi, che agli occhi della gente appaiono opulenti, sporchi, pigri o come pezzi di carne su un piatto o bistecche sulla griglia.
Digitando il sostantivo “maiale” in un motore di ricerca, le associazioni visive e testuali riportano caratteristiche, e luoghi comuni pieni di pregiudizi riflettendo l’immagine che la nostra cultura si è fatta di scrofe e verri. Questo essere senziente subisce l’aberrazione umana sin dall’antichità, e la cosiddetta civilizzazione occidentale anziché dargli tregua, peggiora le sue sorti. Non lo risparmia nessuna disciplina: medicina, alimentazione, linguistica, arte e religione, insieme ne sfruttano corpo e anima.
Avendo trascorso da adolescente molte estati nella fattoria dei miei nonni, imparai a comprenderla da un unico punto di vista, cioè dal loro. Il rapporto tra contadino e Animale s’intese in un’unica direzione rigida e inconfondibile senza mai un pizzico di coinvolgimento sentimentale: l’Umano equivale al proprietario profittatore, e l’Animale alla bestia e al guadagno. Tale formula valeva nelle piccole fattorie come nella crescente industria zootecnica, e a tutt’oggi rimane incontestabile dalla maggioranza delle persone.  

ArteVeganzetta