Tag: allevatori




Tempo di lettura stimato:
2 minuti

rivendicazione liberazione lepri 2015 - Liberazioni di fine anno

Il 2015 sta volgendo al termine e qualcuno ha pensato di fare un regalo ai moltissimi Animali rinchiusi nei lager italiani.
Quella riportata in apertura (è possibile cliccare sulla fotografia per poter leggere più agevolmente il testo) è la lettera di rivendicazione a firma A.L.F. (Animal Liberation Front), fatta pervenire in data 16 dicembre 2015 al quotidiano Il Resto del Carlino. Nel testo si rivendica l’azione di liberazione di 1000 Lepri detenute nell’allevamento lager Casa Boschi di Canossa (RE): Animali allevati per divenire selvaggina “pronta caccia”, per poter essere “liberati” e subito ammazzati dai cacciatori, o per allenare i Cani “da caccia”. 

Animalismo Antispecismo Notizie sull'attivismo




Tempo di lettura stimato:
14 minuti

expo ogm e1414784965586 - EXPO 2015 e il business del “benessere animale”

Fonte Manifesto Antispecista

Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” questa è la frase che introduce l’EXPO (Esposizione Universale)  2015 che si svolgerà a Milano dal 1 maggio al 31 ottobre 2015.
Tra le protagoniste dell’evento, oltre alle varie organizzazioni internazionali del settore e multinazionali del settore alimentare e non solo, ci sono due  realtà italiane che è interessante segnalare per le tematiche legate al cosiddetto benessere animale, che stanno adottando per avvolgere le loro attività di una patina etica e una facciata “green”: Slow Food (partner dell’EXPO 2015 insieme a incredibili testimonial come Vandana Shiva e Jeremy Rifkin) e Coop Italia.
Di seguito alcuni interessanti estratti del dossier: “Nessuna faccia buona, pulita e giusta a EXPO 2015” a cura del collettivo Farro&Fuoco – alimenta il conflitto

Animalismo Notizie




Tempo di lettura stimato:
2 minuti

maialini - Il "benessere animale" propugnato dagli allevatori

Il filosofo statunitense Tom Regan, nel suo saggio Gabbie Vuote, ci fa notare come coloro che si trovano in situazioni di sfruttamento degli Animali, come ad esempio gli allevatori, una volta sottoposti a critiche o accuse riguardanti il loro trattamento, tentino di difendersi affermando che nelle loro attività viene rispettato il cosiddetto “Benessere Animale” (1). Secondo costoro, infatti, danneggiare un Animale significa ledere a una delle loro fonti di guadagno e quindi, per estensione, al guadagno stesso. Perché mai dunque, un allevatore che basa il proprio profitto economico sulla produttività di un Animale, dovrebbe volerlo maltrattare? In primis, teniamo ben presente che abusi extra-ordinari e violenze deliberate, come botte o bastonate, avvengono comunque all’interno degli allevamenti.

Animalismo