Questioni vegane #3

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Questioni vegane
AGGIORNAMENTO: per cause non dipendenti dalla volontà dell’organizzazione, l’incontro è stato spostato in data da destinarsi.

Contrariamente a ciò che l’opinione pubblica specista pensa, le maggiori difficoltà che incontrano coloro che decidono di diventare vegani, sono le relazioni con chi non lo è. I confronti – o meglio gli scontri – avvengono in famiglia, con il partner, con i colleghi di lavoro, gli amici ecc..

Questioni vegane nasce per dare la possibilità alle persone vegane di confrontarsi, di scambiare idee, esperienze e di condividere problematiche relative alle relazioni sociali. “Questioni vegane” propone degli incontri in cui tutti a turno possono parlare, interagire ed esporre i propri problemi e il proprio pensiero per condividerlo con gli altri, il tutto in un ambiente informale e conviviale.

Vi aspettiamo al terzo incontro di Questioni vegane sabato 29 febbraio 2020 alle ore 18.00 al Piccolo Teatro FuoriPosto in via Felisati 70/c a Mestre (VE).

L’entrata è libera, ma è gradita una piccola offerta per coprire le spese di affitto dei locali.

Per questo terzo incontro vi proponiamo alla fine dell’incontro una cena 100% vegetale condivisa: la partecipazione è libera, ma è richiesta una pietanza da condividere con chi si fermerà a cena.
Suggeriamo tramezzini, pizzette, insalate di cereali, torte salate, legumi conditi, dolci, frittelle…

Piatti, bicchieri, posate e salviette saranno già a disposizione.

Chi non eccelle ai fornelli può portare delle bevande.

Si prega di avvisare preventivamente della partecipazione alla cena.

Per informazioni: tina.manfrin@gmail.com
Evento facebook: www.facebook.com/events/195838981802372

Link breve di questa pagina: https://www.veganzetta.org/ojohW

2 Commenti

  1. Avatar Nathalie ha scritto:

    ciao, scrivo da Salisburgo e sono vegetariana, inoltre credo in un Padre di tutti gli esseri viventi misericordioso che vuole vederci fare bene. L’obbedienza stabilisce l’unione interiore, essere uno armonioso. Mi potete spiegare cosa pensate voi? (i conflitti interiori e l’infelicita’ ci causano acido e diventiamo intolleranti)

    23 Febbraio, 2020
    Rispondi
    • Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

      Ciao Nathalie grazie per aver scritto.
      L’antispecismo è una filosofia imperniata sul senso di giustizia, la compassione e l’empatia nei confronti degli esseri senzienti vittime delle nostre azioni come singoli e come specie. Nella visione antispecista non esiste alcun padre, alcuna divinità o religione, ma una coscienza a cui dovremmo dare ascolto e a una giustizia fondata sul diritto di chiunque di poter vivere la propria vita dignitosamente a prescindere dalla specie di appartenenza.
      Più che di conflitti interiori si dovrebbe parlare del grande conflitto che abbiamo causato nei confronti della Natura e gli altri viventi, una volta risolto questo è del tutto plausibile che si possa finalmente giungere a una sorta di armonia con la Natura a cui apparteniamo e dalla quale assurdamente prendiamo le distanze.

      27 Febbraio, 2020
      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Servizio di notifica dei commenti: Seleziona di seguito se vuoi ricevere un avviso via email per ogni nuovo commento al testo, o per eventuali risposte a un tuo commento. In questo modo potrai agevolmente seguire la discussione senza dover tornare a far visita al sito web. Una volta effettuata l'iscrizione, potrai gestirla (modificandola o cancellandola) visitando la pagina ISCRIZIONE AI COMMENTI e seguendo le istruzioni