Quante amiche per la pelliccia


Tempo di lettura stimato:
1 minuto

Tratto da http://glenn.style.it/archive.php?y=2010&m=02

Un record di luoghi comuni, assurde giustificazioni morali e colpevole disinformazione…
Da guinness dei primati:

————–

Quante amiche per la pelliccia

Eppure, a parole, sembrerebbero tutte animaliste convinte…

Caro Glenn, recentemente sono stata a Cortina, dove ho visto un numero sterminato di signore impellicciate. Pellicce in ogni forma (colbacchi, mantelle, cappottoni, moon boot). Fin qui, nulla di nuovo, lì è tradizione. Ma che cosa pensi di queste stesse signore che, una volta tornate in città , fanno discorsi animalisti? Carla

Io mangio abitualmente carne, ma evito di comperare le galline cresciute in gabbia. Indosso indumenti di cuoio e acquisto solo carne di manzi allevati al pascolo, perché so che se vivessero liberi in natura non si sognerebbero mai di mangiare il grano o imbottirsi di antibiotici. Finché trattiamo gli animali nel miglior modo possibile, dovremmo essere liberi di utilizzarli, così come è sempre stato. Se la gente smettesse di usare articoli di cuoio o di mangiare bistecche, i bovini rischierebbero l’estinzione. Sono convinto che la fine riservata alle creature di cui ci nutriamo dovrebbe essere compassionevole al pari di quella che riserviamo ai nostri animaletti da compagnia: una morte gentile che li colga di sorpresa, come accade nel rispetto delle regole della macellazione ebraica (kosher) o islamica (halal). So che esiste un forte movimento contrario all’uso delle pellicce, che credo si basi su un equivoco. Ritengo infatti che quella da combattere sia la crudeltà  inflitta agli animali catturati con le tagliole, che nella foga di liberarsi si recidono spesso le zampe a morsi: bisognerebbe allevarli o cacciarli in maniera meno disumana. Immagino che le signore impellicciate non si pongano il problema, ma sarebbe giusto ricordare loro che i nostri antenati pagani ringraziavano tutte le bestie che uccidevano, trattandole con grande rispetto.

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/j8w2d

2 Commenti

  1. Sara ha scritto:

    Bisogna dire che questo Glenn di stile ne ha da vendere.
    Mangia animali ma solo se uccisi con amore.
    Poi certo non vogliamo che i bovini si estinguano, lasciarli liberi come le famose mandrie di mucche selvatiche del Kentucky (…!) non è più possibile, e allora ammazziamole ma con gentilezza, come succede nella macellazione Kosher o halal (ma non dimentichiamo i paradisi di empatia dei macelli italiani). è sempre stato così, allora perchè cambiare?
    No alle tagliole ma si alla caccia e agli allevamenti di animali da pelliccia però ricordiamoci sempre di ringraziarli per quello che ci hanno dato. Amen.
    Che profonda tristezza.

    19 febbraio, 2010
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *