Nosologia militaris


Tempo di lettura stimato:
4 minuti

Una notizia dalla Svizzera.
Ci siamo presi la libertà  di sottolineare in grassetto nel testo la parte che riguarda i vegani che – seppur per mere ragioni di praticità  – sono considerati non idonei al servizio militare. La non idoneità, rispondiamo noi, nasce dal fatto spetto che tra i principi morali che caratterizzano la pratica vegana etica ed antispecista non c’è spazio per autoritarismo e militarismo.

–< <@

soldati - Nosologia militarisAbile o inabile? L’esercito rivede i criteri
Fonte: Swissinfo

L’esercito svizzero ha modificato i parametri per la valutazione dell’idoneità  al servizio militare: alcune tra le nuove disposizioni non hanno mancato di suscitare reazioni…
L’edizione precedente della Nosologia Militaris – la raccolta delle motivazioni mediche per le decisioni in merito all’idoneità  al servizio – risaliva al 1999: il testo è ora stato attualizzato «per soddisfare le necessità  dell’esercito», ha spiegato il Dipartimento federale della difesa.

«La medicina ha fatto parecchi progressi», afferma il divisionario Giampiero Lupi, medico capo dell’esercito svizzero. «Rispetto al 1999, molte malattie possono ora essere trattate e curate in maniera tale da non costituire più un ostacolo per lo svolgimento del servizio militare».

A titolo di esempio, Lupi fa notare che l’aritmia cardiaca può ora essere corretta una semplice operazione. Lo stesso vale per l’asma (in passato all’origine del 5% delle decisioni di inabilità ): utilizzando medicamenti adeguati, alcuni asmatici possono prestare regolarmente servizio militare.

Problemi cardiaci più seri come malattie alle coronarie continuano invece a essere considerate come fattori che impediscono di svolgere il servizio militare o civile.

Ampio ventaglio di casi
La Nosologia Militaris 2008 contempla numerosi fattori che possono compromettere lo svolgimento del servizio militare – dai problemi di vista fino all’omosessualità  (che di principio non costituisce un impedimento) -, indicando se la decisione di inabilità  è raccomandata o obbligatoria, e distinguendo tra servizio civile e militare.

Le persone con il diabete di Tipo I, per esempio, sono «obbligatoriamente inabili» al servizio militare, mentre potrebbero eventualmente svolgere il servizio civile. Secondo le nuove indicazioni, inoltre, i medici sono incoraggiati a dichiarare inabile al servizio militare chi soffre di diabete di Tipo II.

«In molti casi, tuttavia, la decisione finale rientra nel margine d’apprezzamento del medico», precisa Lupi.

Novità … di peso
Uno dei maggiori cambiamenti introdotti dalla Nosologia Militaris 2008 riguarda il limite di peso minimo. Le aspiranti reclute con un «Body mass index» (BMI-rapporto tra peso e altezza) inferiore a 18 – per esempio un giovane che pesa 50 kg ed è alto 170 cm – sono dichiarate inabili; in precedenza, la soglia era fissata a un BMI inferiore a 20. All’estremo opposto, sono giudicate inabili per obesità  le persone con un BMI superiore a 40.

Le nuove direttive consentono inoltre di prestare servizio alle persone con problemi di iperattività , a patto che non abbiamo dovuto assumere medicamenti specifici – come il Ritalin – per almeno un anno.

Buone notizie anche i sonnambuli: scartare un candidato che soffre di tale disturbo è ora soltanto consigliato, sempre che nei due anni precedenti il reclutamento non vi siano state ricadute. Il sonnambulismo non costituisce invece un problema per chi presta servizio civile.

Cibo e droghe
Una delle novità  che ha suscitato più commenti è costituita dalla nuova disposizione concernente i vegani, ossia quelle persone che evitano ogni tipo di nutrimento d’origine animale (carne, pesce, latticini, uova e derivati).

Secondo la Nosologia Militaris, infatti, si raccomanda – per ragioni di praticità  – di dichiarare inabile al servizio militare e civile chi segue questo stile di vita. Nessun problema, invece, per i vegetariani. Lupi relativizza la questione del veganismo: «Annualmente, siamo confrontati a non più di due o tre casi di questo tipo».

Per quanto riguarda le sostanze stupefacenti, le cosiddette «designer drugs» (particolari droghe sintetiche) sono state parificate alla cocaina e alle droghe pesanti. Un certificato medico che attesta problemi legati a stupefacenti, per esempio a livello mentale, comporta obbligatoriamente la decisione di non idoneità  al servizio.

L’utilizzo occasionale di droghe non costituisce però un motivo sufficiente: per esempio, «abbiamo chiaramente specificato che il fatto di aver assunto una pillola di ecstasy non implica automaticamente la decisione di inabilità  al servizio», sottolinea Lupi. Il consumo di alcol e cannabis è considerato un problema soltanto in caso di provata dipendenza.

Reazioni politiche
La Nosologia Militaris 2008 è entrata in vigore per tutto l’esercito a partire dal 1° giugno 2008, ma le nuove direttive sono già  state applicate dall’estate del 2007. Il tema è tuttavia salito alla ribalta soltanto dopo un articolo pubblicato l’11 novembre dalla SonntagsZeitung.

«Non penso che molti giovani cambieranno radicalmente il loro regime alimentare soltanto per essere giudicati inabili», ha commentato il deputato socialista Mario Fehr. Secondo il suo collega ecologista Josef Lang, se le nuove disposizioni fossero state introdotte negli anni Settanta, «metà  della popolazione maschile sarebbe diventata vegana».

Bruno Zuppiger, dell’Unione democratica di centro e membro della Commissione della politica di sicurezza del Consiglio nazionale, teme invece che le attuali direttive mediche invoglino un numero sempre maggiore di persone a evitare senza troppi sforzi di prestare servizio militare.

Giampiero Lupi smentisce questi timori: «L’adeguamento dei criteri medici non implica un aumento del numero di giovani giudicati inabili! Al contrario: sulla base dei dati verificabili, abbiamo persino potuto constatare una leggera crescita delle persone dichiarate idonee».

swissinfo, Thomas Stephens
(traduzione e adattamento: Andrea Clementi)

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/zam2z

Commenta per prima/o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *