Maiali sepolti vivi per un esperimento


Tempo di lettura stimato:
2 minuti

maiale - Maiali sepolti vivi per un esperimento

Un incredibile articolo apparso sul sito Corriere.it/Animali.
La crudeltà  di questo esperimento testimonia quando distante sia il concetto di rispetto per i senzienti di chi si occupa di scienza. Una distanza così marcata da non lasciare dubbi – né speranze – sulla visione meccanicista e riduzionista della scienza moderna.

———

Il link

Ventinove suini saranno collegati ad apparecchi medici e studiati mentre muoiono

Maiali sepolti vivi per un esperimento

Polemica in Austria per un test sulla morte per asfissia sotto una slavina . Partecipa anche un istituto italiano

MILANO – Maiali sepolti vivi sotto una slavina: un discutibile esperimento nel Tirolo austriaco dell’à–tztal, svolto dall’Istituto per la medicina d’emergenza in montagna di Bolzano, sta surriscaldando gli animi della politica e delle organizzazioni per protezione degli animali. Il test prevede di simulare la morte di una persona sotto le masse di neve. Per effettuare lo studio saranno impiegati 29 maiali.

L’ESPERIMENTO – IL progetto prevede che questo gruppo di suini da macello vengano sepolti vivi sotto le masse di neve di una slavina simulata a Vent, nel Tirolo del nord. Il crudele esperimento, che ha già  avuto il nulla osta dalle autorità , viene svolto dai ricercatori della clinica universitaria di Innsbruck, in Austria, con la collaborazione dell’Istituto per la medicina d’emergenza in montagna dell’Eurac di Bolzano. E’ partito martedì e durerà  due settimane. «Con i test speriamo di far luce sulle circostanze che portano al decesso di una persona rimasta sepolta sotto una slavina», ha spiegato alla rete austriaca Orf, Herman Brugger, dell’Istituto pubblico altoatesino di ricerche. Ogni giorno verranno impiegati dai due ai tre animali. Dapprima verranno narcotizzati per poi essere «sotterrati» sotto la neve; alcuni completamente, altri solo fino alla testa. I ricercatori documenteranno quindi minuziosamente le ultime ore di vita dei maiali che saranno collegati a speciali apparecchi medici, a cui spetterà  il compito di registrare tutti i parametri durante la loro morte per asfissia. In seguito gli animali verranno estratti e campioni di tessuto spediti negli Stati Uniti per essere analizzati dagli scienziati.

LA POLEMICA – Dure proteste e la richiesta di un immediato stop all’esperimento, autorizzato dalla Commissione ministeriale d’etica per gli animali in Austria, sono arrivati dagli ambienti politici e da quelli per la difesa degli animali. «Sotto la neve dovrebbero sotterrarsi i ricercatori stessi per poi far analizzare i dati dai loro colleghi», accusano le organizzazioni per la difesa dei diritti degli animali nel Paese, che senza mezzi termini parlano di «scandalo» e «inaudita barbaria». Anche la politica si distanzia dall’esperimento, mentre gruppi di attivisti annunciano cortei di protesta per bloccare l’esperimento.

Elmar Burchia
14 gennaio 2010

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/hnn72

5 Commenti

  1. Polveredistelle ha scritto:

    Mi vergogno sempre di più dei miei simili. Come è possibile anche solo pensare una cosa del genere? Mi chiedo, con quale coscienza convivono questi uomini? Come fanno a rimanere sereni con se stessi dopo aver commesso simili gesta? Ho dei seri problemi a trovare le risposte a queste domande. E anche se ci fossero delle risposte, credo che non sarei in grado di comprenderle. :(

    14 gennaio, 2010
    Rispondi
  2. anime ha scritto:

    Spero che chi si indigna per questi esperimenti sia almeno vegetariano, altrimenti è idiota. Che differenza c’è tra macellare un animale e ammazzarlo seppellendolo sotto la neve? Se ci sono cadaveri nel tuo piatto, non ti indignare per questi esperimenti.

    15 gennaio, 2010
    Rispondi
  3. Polveredistelle ha scritto:

    @anime: ovviamente, sono vegetariana da molto tempo, non ho cadaveri nel piatto, né nella pancia :)

    16 gennaio, 2010
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *