L’Orsa Daniza è stata uccisa


Tempo di lettura stimato:
2 minuti

daniza

COMUNICATO nr. 2259 del 11/09/14 9.38

Catturato e liberato dopo l’applicazione di una marca auricolare uno dei due cuccioli
DANIZA: L’ORSA NON SOPRAVVIVE ALLA TELENARCOSI

In ottemperanza all’ordinanza che prevedeva la cattura dell’orsa Daniza, dopo quasi un mese di monitoraggio intensivo, la scorsa notte si sono create le condizioni per intervenire, in sicurezza, con la telenarcosi. L’intervento della squadra di cattura ha consentito di addormentare l’orsa che, tuttavia, non è sopravvissuta.
E’ stato possibile catturare con la medesima modalità, per poi prontamente liberarlo, anche uno dei due cuccioli, che è stato dotato di marca auricolare al fine di assicurarne il costante monitoraggio. A tal fine sul posto è già operativa la squadra d’emergenza.
Dell’episodio sono stati informati il Ministero dell’Ambiente, l’Ispra e l’Autorità giudiziaria.
Già in giornata l’animale sarà sottoposto ad analisi autoptica. 

Questo è quanto si può leggere sul sito web dell’Ufficio Stampa della Provincia di Trento.

Un comunicato scarno e asettico per sancire il fallimento totale delle istituzioni nella gestione di una vicenda assurda che ha visto come involontaria protagonisti un’Orsa che ha cercato solo di proteggere i suoi cuccioli dalle stupide attenzioni di un intruso. La sventura per Daniza è che tale intruso era un Umano, ed è bastata la sua parola per avviare una caccia spietata all’Orsa che si è conclusa con la sua morte a causa di un tentativo “maldestro” di cattura. La Provincia Autonoma di Trento ha dimostrato ciò che vale, come pure il Ministero dell’Ambiente e l’Ispra. Ancora una volta è prevalso il dogma che il rapporto tra Umani ed altri Animali si debba concepire solo attraverso il dominio e il controllo dei primi nei confronti dei secondi. Se una madre umana avesse tentato di proteggere i propri figli avrebbe riscosso un consenso unanime, se a difenderli è una madre non umana, per lei c’è solo il confino o la morte. Ora rimangono solo due giovani Orsi orfani che si spera stiano il più possibile lontano dagli appartenenti alla nostra specie.

Complimenti.

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/fVtyo

14 Commenti

  1. emanuela lazzari ha scritto:

    L’Orsa Daniza è stata uccisa:
    – FALLIMENTO UMANO
    – FALLIMENTO DELLE ISTITUZIONI
    – FALLIMENTO IDEOLOGICO
    – FALLIMENTO LEGISLATIVO
    – FALLIMENTO MORALE
    – FALLIMENTO EDUCATIVO
    – FALLIMENTO TOTALE
    questo epilogo dimostra ancora di più lo stato di questo paese…il vuoto totale

    R.I.P. DANIZA NESSUN UMANO IDIOTA POTRA’ PIU’ DARTI FASTIDIO, CIAO GRANDE CUORE DI MAMMA

    11 settembre, 2014
    Rispondi
  2. Rosanna Lo Vecchio ha scritto:

    IL MIO PUNTO DI VISTA E’ CHE L’ UNICA SPECIE PERICOLOSA E’ QUELLA “UMANA” , CHE DI UMANO NON HA QUASI NULLA, SIAMO NOI AD AVER COLONIZZATO QUESTA TERRA , AD AVERLA INQUINATA, DISTRUTTA, SFRUTTATA E MASSACRATA !!! GLI UOMINI SI SONO CONVINTI DI ESSERE I PADRONI INDISCUSSI DEL PIANETA E CONTINUANO A TRATTARE GLI ANIMALI ANCORA OGGI COME I NAZISTI TRATTAVANO QUELLI CHE CONSIDERAVANO RAZZE INFERIORI

    11 settembre, 2014
    Rispondi
  3. giuliano zerbini ha scritto:

    una cosa è sicura:questa e la conferma che l’uomo non potrà mai salvare la terra, perchè troppo stupido nella sua intelligenza umana. Oggi piangiamo l’assassinio di Daniza. A Lei dedichiamo le nostre lacrime e Le chiediamo perdono nonchè giustizia, ai suoi figli porgiamo le nostre energie affinchè non avvenga più un simile assassinio

    11 settembre, 2014
    Rispondi
  4. enzo ha scritto:

    L’imbecillità è prerogativa dell’uomo:

    – Un cercatore di funghi disturba un’orsa che vive con i suoi cuccioli nel territorio che le è proprio, e l’uomo che fa?

    UCCIDE L’ORSA PRIVANDO I CUCCIOLI DELLA PROPRIA MADRE !

    Bell’esempio d’imbecillità!

    11 settembre, 2014
    Rispondi
  5. doriano ha scritto:

    la nostra demenza sara’ la nostra fine. tutti quei pagliacci che gestiscono la nostra e l’altrui vita sono l’esempio della degenerazione del genere umano. per fortuna esiste ancora qualcuno che si ribella.

    11 settembre, 2014
    Rispondi
  6. Salvatore Messina ha scritto:

    LA CRUDELTA’, LA STUPIDITA’ UMANA, SI CONFERMA ANCORA UNA VOLTA INFAME, SACRILEGA, MISERA, AUTODISTRUTTIVA.
    MAMMA ORSA R.I.P. :(

    12 settembre, 2014
    Rispondi
  7. Francesca Zampini ha scritto:

    Imbecillita’ umana in tutti i sensi e mancanza di cuore

    12 settembre, 2014
    Rispondi
  8. valentina ha scritto:

    Non ci sono parole, una condanna gia scritta…

    12 settembre, 2014
    Rispondi
  9. Paola Re ha scritto:

    Sono d’accordo con Emanuela Lazzari. La sola cosa che si può scrivere è FALLIMENTO TOTALE. La vita di un’orsa non è una vita da tutelare (FALLIMENTO MORALE): lo confermano le nostre disastrose istituzioni (FALLIMENTO ISTITUZIONALE) che non sono neppure in grado di dare informazioni ad abitanti, turisti e cercatori di funghi (FALLIMENTO EDUCATIVO) e che fanno capo a leggi che fanno acqua da tutte le parti (FALLIMENTO LEGISLATIVO). Nessuno riporterà in vita Daniza (FALLIMENTO UMANO) ma il meglio del peggio è valutare due situazioni uguali in modo opposto: la mamma umana che difende i figli è da lodare, la mamma animale che difende i figli è da uccidere (FALLIMENTO IDEOLOGICO).
    Commovente il disegno. Se ne conosce l’autore o l’autrice?

    13 settembre, 2014
    Rispondi
    • Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

      Purtroppo non si conosce il nome di chi ha fatto il disegno. Sarebbe bello saperlo.

      15 settembre, 2014
      Rispondi
  10. giusy ha scritto:

    …ma chi volete prendere in giro dicendo che non è sopravvissuta alla telenarcosi…cos’è la prima volta che si ammazza con la telenarcosi? Mi vengono in mente altri casi,tra cui un povero gorilla, in cui si è intervenuti con la narcosi per ammazzare povere creature che avevano tutto il diritto di vivere,per poi giustificarsi che gli animali non avevano retto alla narcosi malgrado fossero sani e giovani…la narcosi quando giustamente dosata in base al peso e finalizzata solo ad intorpidire è difficile che provochi morte, anche perché quasi sempre basterebbe somministrargli ossigeno per scongiurare la complicazione…Adesso si indaghi seriamente ed eventualmente si cominci a licenziare qualcuno, solo per iniziare, perché siamo stufi di questi abusi e sopraffazione sui deboli…Sono disgustata per la tanta crudeltà e superficialità gratuita a danno degli animali!!!

    14 settembre, 2014
    Rispondi
  11. Paola Re ha scritto:

    Giusy, è vero ciò che scrivi. Si è fatto tutto con estrema incompetenza e superficialità ed è giusto che si chieda giustizia, come si chiede per le stragi, i delitti, gli stupri eccetera… e che si indaghi su ogni tipo di responsabilità: tecnica, amministrativa e politica. Ogni volta che accade un caso sui generis, si spera sempre che possa fare scuola e fare in modo che non si ripeta più. Di fatto non è quasi mai così e le vicende, anche quelle più dolorose, si ripetono sempre secondo la consolidata teoria dei corsi e ricorsi della storia. Temo che il caso Daniza prenda la strada della strumentalizzazione politica, tant’è che, a distanza di qualche giorno non si fa altro che parlare di dimissioni e di ghigliottine politiche. Chi è incapace di governare non dovrebbe farlo, quindi la richiesta di abbandonare un posto di potere è lecita. Tuttavia penso che questa storia sia marcia, dalle fondamenta al tetto: chissà quanti partiti politici, fingendo un dispiacere ipocrita per la morte di Daniza, saranno al settimo cielo per questa vicenda, ghiotta occasione per dare una lezione al nemico politico. Daniza è passata da “oggetto di ripopolamento” a “pericolo per la comunità”. Ciò che sarà faticosissimo da ottenere, e per me è la sola cosa che conta davvero, è un ribaltamento nella scala di valori che faccia capire quanto vale la vita di un’orsa.

    15 settembre, 2014
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *