Libri: Zoografie


Tempo di lettura stimato:
2 minuti

Da Veganzetta n° 5 / 2012

zoografie - Libri: Zoografie

Il pensiero antispecista è in rapido e costante movimento, e ciò ha evidenziato un problema che è ormai sotto gli occhi di tutti: l’impostazione classica del rapporto interspecifico mutuata dal pensiero di Tom Regan e Peter Singer non basta più per comprendere l’ampio spettro di azione dell’antropocentrismo della nostra società e le sue ricadute speciste. Servono nuove idee, nuovi approcci, e in questo Matthew Calarco con la sua ultima fatica editoriale curata da Massimo Filippi e Filippo Trasatti può venirci incontro e aiutarci. 
Zoografie. La questione dell’animale da Heidegger a Derrida è un testo mediante il quale l’autore considera e analizza il pensiero di alcuni tra i più autorevoli esponenti della tradizione filosofica continentale contemporanea, per approfondire e meglio delineare la cosiddetta questione animale.
La selezione comprende: Heidegger, Lévinas, Agamben e Derrida. A ciascuno nel libro è dedicato un capitolo in cui Calarco analizza senza timore reverenziale il pensiero del filosofo, e ne enuclea pregi e difetti, antropocentrismi palesi e celati, ma sempre con l’evidente intenzione di spostare l’asse verso un nuovo concetto di antispecismo, che superi la visione benthamiana e singeriana dell’Animale capace di soffrire. Dall’antropocentrismo dogmatico di Heidegger, alla problematica del volto degli Animali di Lévinas, all’interessante macchina antropologica di Agamben (mutuata dal concetto di Furio Jesi) per spiegare le dinamiche che la società umana attua nella separazione Umano/Animale, fino alle considerazioni di Derrida e al suo concetto di questione animale, entrata ormai nel lessico antispecista, per la costruzione di un nuovo antispecismo. Forse è questo un punto debole della costruzione di Calarco: la volontà di creare un nuovo antispecismo che superi quello di “prima generazione” (tutto ciò era evidente già in Nell’albergo di Adamo1) divenendo di “seconda generazione”. Questo avanzamento filosofico in chiave radicale è doveroso e chiaramente ben accetto, ma l’antispecismo non può avanzare, solo allargarsi, contaminarsi e mutare assorbendo concetti, idee e forme da altrui pensieri, e questo perché forse il vero suo fine è la contaminazione e la compenetrazione. Forse non servono nuovi piani concettuali, quanto una base più larga che non superi mai il passato, ma che lo inglobi. Che si superi il concetto di sofferenza, ma che non lo si dimentichi.
Un libro da leggere e da far leggere.

Matthew Calarco
Zoografie. La questione dell’animale da Heidegger a Derrida
A cura di Massimo Filippi e Filippo Trasatti
Collana Eterotopie
Mimesin edizioni
Milano 2012
14,00 euro

Note:
1) A cura di Massimo Filippi e Filippo Trasatti, Nell’albergo di Adamo. Gli animali, la questione animale e la filosofia, collana Eterotopie, Mimesis Edizioni, Milano, 2010.

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/NKnsl

Commenta per prima/o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *