Liberazione è liberazione totale


Tempo di lettura stimato:
3 minuti

hebeas corpus - Liberazione è liberazione totale

Hercules e Leo sono due Scimpanzè che la Stony Brook University di Lond Island (New York) usa per la sperimentazione animale. Per la prima volta negli Usa, un giudice ha equiparato la condizione dei due primati a quella dei detenuti Umani. Questo è quello che scrive Corriere.it in un articolo del 15 aprile 2015, di seguito si pubblica un articolo di Vitadacani dal titolo Liberazione è liberazione totale, articolo utile a chiarire numerosi punti sul tema del riconoscimenti di diritti fondamentali agli Animali.
Una sola precisazione andrebbe fatta: contrariamente a quanto afferma Vitadacani:

Noi gioiremo quando un giudice ammetterà che è eticamente inaccettabile imprigionare, torturare, sfruttare, chiunque. Indipendentemente dal suo essere più o meno “intelligente”. Ma solo per il suo essere “senziente”.

Ci sentiamo di affermare che gioiremo quando ogni Umano (e non perché lo ha deciso un giudice o un rappresentante di un’istituzione) sarà convinto che è eticamente inaccettabile imprigionare, torturare, sfruttare chiunque.


E’ di pochi giorni fa la notizia che, per la prima volta negli Stati Uniti, un giudice (per l’esattezza il giudice Barbara Jaffe della Suprema Corte di New York) ha accettato la richiesta di “habeas corpus” per due primati utilizzati come cavie da vivisezione: gli scimpanzé Hercules e Leo, detenuti nello stabulario della Stony Brook University di Long Island.

Non è però il primo caso al mondo, anzi.

Nel dicembre 2014 era toccato a Sandra, un orango di 29 anni prigioniera fin da bambina di uno zoo di Buenos Aires, e liberata grazie ad una sentenza che le riconosceva lo status di “persona non umana”.

Nel 2008 in Spagna era stata approvata dal Parlamento una risoluzione simile per le Grandi Scimmie. Ed uguale riconoscimento è stato sancito dal governo indiano per i delfini.

Ma cosa è l’habeas corpus?

Nel diritto anglosassone indica l’appello contro una detenzione ingiustificata, ed il susseguente ordine da parte del giudice di verificare le condizioni della detenzione, nonché le accuse e circostanze dell’arresto. Dalla Magna Charta in poi, un potentissimo strumento contro detenzioni arbitrarie ed ingiustificate.

Hercules e Leo, dopo anni di battaglie dell’associazione Nonhuman Rights Project, sono stati quindi equiparati a detenuti umani, sulla base dell’elevato grado di intelligenza e di capacità emotive. Ovvero, poiché gli attivisti di Nonhuman Rights Project hanno dimostrato che il loro intelletto e la loro capacità di provare emozioni sono di alto grado, se paragonate a quelle umane, è stato loro riconosciuto un diritto altrimenti appannaggio dei soli animali umani: il diritto a non essere privati arbitrariamente della propria libertà.

Si sono letti commenti entusiasti. Si è parlato di risultato storico, di grande vittoria per il movimento di liberazione animale.

Ebbene, permetteteci di alzare una voce fuori dal coro.

Si tratta certo di un grande passo in avanti, di un’altra crepa nel muro che abbiamo eretto nei millenni tra noi, animali umani dotati di diritti e dignità, e tutti gli altri, animali non umani ridotti al mero rango di oggetti e strumenti.

Ma ci suona stonata una nota.

Quel basare i diritti basilari ed inalienabili sulla posizione che si occupa nella scala dell’intelletto, scala al cui vertice c’è l’Uomo, eletto di nuovo e ancora a fulcro dell’esistente, metro di paragone, simbolo della perfezione. Solo chi all’Uomo è simile, solo chi arriva ad essere ammesso nella sfera degli Eletti, può reputarsi salvo dallo sfruttamento, dalla tortura, dall’essere schiavo e cosa.

Per noi, nulla di più sbagliato.

Sojourner Truth, attivista abolizionista e femminista statunitense, nel rispondere a chi affermava che le donne non avessero diritti in quanto intellettualmente inferiori agli uomini, disse: “Cosa ha a che fare [l’intelletto] con i diritti delle donne e dei neri? Se il mio boccale non tiene che una pinta, mentre il tuo un quarto, non sarebbe forse ingiusto da parte tua non lasciarmi in pace con il mio piccolo bicchiere tutto pieno?”.

Ecco cosa c’è che stona nella storia di Hercules e Leo.

La liberazione (di ogni animale) deve essere liberazione dalla gerarchizzazione e dall’antropocentrismo.

Noi gioiremo quando un giudice ammetterà che è eticamente inaccettabile imprigionare, torturare, sfruttare, chiunque. Indipendentemente dal suo essere più o meno “intelligente”. Ma solo per il suo essere “senziente”. Sia esso uno scimpanzé, un topo, o un piccolo zebra fish.

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/VnovU

3 Commenti

  1. Paola Re ha scritto:

    Chi è antispecista non può che essere d’accordo con ciò che è scritto nell’articolo. Purtroppo questa decisione nei confronti dei due primati non umani è un bicchiere mezzo vuoto ed è l’ennesima prova del senso di dominio degli esseri umani sugli esseri non umani: decidono che chi è più intelligente, secondo il loro parametro di intelligenza, debba avere più diritti. E’ ovvio che questo è un chiaro esempio di degrado specista. D’altra parte lo si vede tutti i giorni: se si bastona un cane si può essere oggetto di denuncia mentre una mucca che va al mattatoio deve essere bastonata e chi non la bastona non fa il suo lavoro nei tempi giusti. Vorrei proprio vedere quante mucche entrano al mattatoio senza essere bastonate ma loro mica hanno un avvocato a difenderle.

    3 maggio, 2015
    Rispondi
    • Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

      Il problema è sempre lo stesso: l’antropocentrismo. Ciò che sta accadendo a Scimmie e Delfini accade per il semplice motivo che la loro intelligenza non è superiore o inferiore, ma pare essere simile alla nostra, per tale motivo (la somiglianza) sono più vicini a noi e quindi più meritevoli di diritti. Se si scoprisse che esistono intelligenze animali superiori o paragonabili alla nostra, ma molto diverse dalla nostra, è probabile che non ci si preoccuperebbe dei diritti fondamentali di tali Animali.

      4 maggio, 2015
      Rispondi
  2. Paola Re ha scritto:

    E’ vero. Se l’essere umano scoprisse animali più intelligenti di lui o lei, si guarderebbe bene dall’ammetterlo! E’ inaccetabile che ci sia qualche specie che ci superi in intelligenza! Quando osservo gli animali, per lo meno le specie che conosco, mi stupisco sempre delle meraviglie che riescono a fare. Gli esseri umani mi stupiscono nel senso opposto.

    4 maggio, 2015
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *