Lettere dai lettori: Guerra alla caccia in Inghilterra


Tempo di lettura stimato:
2 minuti

Riceviamo e pubblichiamo una lettera proveniente dall’Inghilterra a nostro avviso interessante:

———-
cervobianco1.jpg

cervobianco2.jpg

Tempo fa è apparso un cervo bianco nelle Lowlands scozzesi, che è stato fotografato da un cacciatore,
Dave Bartle, che non ha avuto la forza di ucciderlo.
Il cervo si chiama Pearl.
Il cervo bianco è considerato una creatura sacra per gli inglesi: è un simbolo della leggenda arturiana. Appena la notizia dell’apparizione del cervo si è diffusa i cacciatori del mondo si sono scatenati per venire nelle Lowlands a uccidere, decapitare e imbalsamare il povero Pearl.
Ma molte persone che amano il cervo bianco hanno cercato di difenderlo.
Un signore, Kevin Stuart, che ha un bed breakfast nell’area, ha deciso di armarsi e difenderlo.
Un cacciatore tedesco ha offerto 5400 sterline per poter massacrare l’animale ma Stuart ha rifiutato .
Una rivista di caccia ha scritto che i giorni del cervo bianco sono contati.
Kevin Stuart armato e vestito da Rambo batte la zona e lo difende.
Ma la crudeltà  dei cacciatori è senza limiti.

+++++++++++++++++++++++++++

cacciagb.jpg

Il 9 marzo Due uomini sono stati arrestati per aver investito con un “spy plane” un cacciatore.
Il fatto è avvenuto a Long Marston, non lontano da Stratford – upon – Avon, la città  di Shakesperare.
Trevor Morse, un affiliato del “Warwickshire Hunt” è stato investito dal piccolo aereo mentre era sulla pista dell’aeroporto. I due uomini, accusati del fatto, erano “saboteur” e ronzavano con il “gyrocopter” da tre settimane cercando di disturbare cacciatori che battevano l’aerea.
I “saboteur” hanno adottato un nuova tattica, usano i piccoli aerei che utilizzava James Bond nei suoi film.
Trevor Morse colpito dal “gyrocopter” è morto immediatamente.

Paolo Ricci

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/w7veb

Un commento

  1. Davide ha scritto:

    Finchè non nascono leggi che tutelano gli animali come si deve, questo tipo di bestialità  non finiranno mai. Ringraziamo Orsi, assassino numero uno.

    1 aprile, 2009
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *