Le menzogne di “End the Cage Age”


Tempo di lettura stimato:
4 minuti


Il “Diritto d’iniziativa dei cittadini europei” (abbreviato in inglese in ECI, European Citizens’ Initiative) è uno strumento di democrazia partecipativa previsto dall’art. 11, paragrafo 4 del Trattato di Lisbona che consente ai cittadini europei di proporre modifiche legislative concrete relative a qualsiasi settore in cui la Commissione Europea abbia facoltà di proporre un atto legislativo.1

Proprio nell’ambito dell’esercizio di questo diritto, è stata registrata il primo Settembre 2018 la proposta denominata “End the Cage Age” (Stop all’era delle gabbie) con il seguente obiettivo:

“Ogni anno un enorme numero di animali d’allevamento patisce sofferenze per essere tenuto in gabbia, crudelmente e inutilmente, dal momento che esistono sistemi alternativi senza gabbia e più rispettosi del benessere degli animali. Si chiede pertanto alla Commissione di proporre una legislazione che vieti l’uso di:
– gabbie per galline ovaiole, conigli, pollastre, polli da carne riproduttori, galline ovaiole riproduttrici, quaglie, anatre e oche;
– gabbie di gestazione per scrofe;
– gabbie di allattamento per scrofe, laddove non già proibite;
– box individuali per vitelli, laddove non già proibiti.”2

Come prevede il regolamento, qualora venisse raggiunto entro il termine di un anno il milione di firme a sostegno della proposta, l’Unione Europea dovrebbe intervenire pronunciandosi sulla possibilità di modifica delle regole vigenti in materia.
Queste le speranze dei promotori: più di 100 associazioni distribuite in 24 Paesi di cui 16 in Italia.3

Il lancio è avvenuto ufficialmente il 25 Settembre 2018 e si è svolto, come prevedibile, in pompa magna, con i toni entusiastici e trionfalistici tipici di questo genere di iniziativa e con tanto di discorso di rito presso il Parlamento Europeo del Direttore Esecutivo dell’associazione Animal Equality Italia.

Al di là delle considerazioni relative all’uso di uno strumento, l’ECI, dai più salutato come massima espressione della democrazia transnazionale, che potrebbero essere ampie ma sulle quali preferiamo sorvolare in questa sede, quel che ci preme problematizzare è la proposta in se stessa che riteniamo di dover accogliere con toni tutt’altro che entusiastici.

Sicuramente, per comprendere quanto questa prenda le mosse da una visione decisamente lontana da quella di “Liberazione” e miri in effetti all’ennesimo compromesso, potrà essere utile svelare quale sia il suo sponsor ufficiale che l’ha finanziata con una somma pari a 132.000 euro: Compassion in World Farming.
Questo, non bastasse il lungo elenco di realtà fra i promotori anche loro note per la tendenza a sostenere il fenomeno del greenwashing. CIWF, è la stessa associazione nota per iniziative come “Non nel mio piatto”, o per il “Premio Benessere Animale” assegnato in Italia ad aziende come Amadori, ovvero un’associazione che ha come dichiarato obiettivo quello di promuovere pratiche di allevamento “rispettose” del “benessere degli animali” e quindi di “migliorarne” le condizioni di prigionia, senza mettere minimamente in discussione il loro sfruttamento e, al contrario, collaborando attivamente con allevatori e industrie produttrici.
Del resto, anche dal testo di introduzione alla proposta si desume lo stesso tipo di visione: “esistono sistemi alternativi senza gabbia e più rispettosi del benessere degli animali”, recita, e già questo crediamo sia sufficiente per spingerci a voler prendere le distanze dall’ennesimo caso manifesto di una tendenza ormai diffusa alla normalizzazione della schiavitù animale e ovviamente anche dalle associazioni che hanno scelto di sottoscriverlo.

“It’s time to evolve”, leggiamo sul sito di CIWF a proposito di “End the Cage Age”, ed è proprio sul concetto di “evoluzione” così come lo intende la cordata di associazioni promotrici dell’iniziativa, che vorremmo soffermarci.4
Nel corso dell’ultimo decennio, infatti, si è andata sempre più diffondendo l’idea di un consumo sostenibile ed etico dei prodotti animali. Poiché gli Umani consumatori, ormai coscienti delle condizioni inaccettabili in cui questi vengono allevati, sono diventati ogni giorno più critici nei confronti del sistema di allevamento intensivo, è stato necessario, per chi su questo sistema investe e lucra lautamente, contrapporre al vecchio un nuovo sistema basato su altrettanto nuovi standard legati al concetto menzognero di “benessere animale”.
Questo, ovviamente, affinché anche i consumatori più “sensibili” potessero convivere pacificamente con l’idea di consumare prodotti animali, in assenza della responsabilità di una sofferenza manifesta e al fine di salvare una fetta di mercato decisamente e tristemente redditizia.
A questa operazione hanno senza dubbio contribuito iniziative come “End the Cage Age”, che hanno fatto il gioco del sistema capitalista e continuano a farlo, evitando che questo perda proventi e guadagni, contribuendo a ripulire l’immagine delle aziende produttrici e le coscienze dei consumatori e proponendo un nuovo impianto fatto di gabbie più grandi, allevamenti a terra, fattorie didattiche e via discorrendo.
Questa è l’evoluzione che intendono i promotori di “End the Cage Age”.
Una “evoluzione” per noi inaccettabile, che non mette in discussione in alcun modo lo sfruttamento animale, non rifiuta l’idea stessa del loro consumo ma che si prefigge semplicemente di cambiare gli standard applicati agli allevamenti e alle condizioni di detenzione degli Animali, strizzando per l’ennesima volta l’occhio ad allevatori e ad industrie che hanno come priorità quelle di non perdere proventi e mantenere alto il numero dei consumatori.
A nessun Animale andranno mai bene gabbie più grandi.
Questo vale per gli allevamenti così come per gli stabulari, con chiaro richiamo alla proposta “Stop Vivisection” sottoposta alla Commissione europea nel Giugno 2012, anch’essa riformista seppur con intenti abolizionisti.5

La prigionia degli Animali non può che essere combattuta senza ambiguità, senza alcuno sconto e senza ipocrisie, che altro non sono se non una ennesima giustificazione della crudeltà umana e rasentano il grottesco nel loro disegnare uno scenario contraddittorio in cui l’Umano annaspa cercando di trovare una giustificazione o un’attenuante al suo operato nei confronti degli Animali. Sta di fatto che molte associazioni e realtà anche italiane abbiano da tempo deciso di intraprendere una strada decisamente più “popolare” rinunciando a ogni coerenza liberazionista, per averne in cambio visibilità e notorietà.
Chi afferma di parlare in nome degli Animali dovrebbe avere l’onestà intellettuale di farlo in modo aperto e chiaro, senza omettere la necessaria denuncia di un impianto di sfruttamento che non può semplicemente essere “migliorato” e con il quale è impossibile scendere a compromessi, soprattutto perché a prescindere dalla dimensione o dalla presenza delle gabbie, la sorte di chi viene sfruttato – nello specifico per scopi alimentari – è sempre il mattatoio.
Questo approccio nulla ha a che fare con chi mira teoricamente e concretamente alla Liberazione umana, animale e della terra. Per chiudere con l’era della delle gabbie, è necessario porre prima fine all’era delle menzogne.

Ada Carcione per Veganzetta

Note:

1) http://ec.europa.eu/citizens-initiative/public/basic-facts?lg=it
2) http://ec.europa.eu/citizens-initiative/public/initiatives/open/details/2018/000004
3) https://www.lav.it/news/end-the-cage-age-lancio
4) https://www.ciwf.org.uk/our-campaigns/end-the-cage-age/
5) http://www.stopvivisection.eu/it

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/61gfM

37 Commenti

  1. Avatar Cristian ha scritto:

    Ma io non metto il dubbio “il giusto” seppur utopico e “ipocrita” e lo metto tra virgolette, vostro stile di vita o pensiero. Ma lo reputo non fattibile. Ora io non ci vedo nulla di male a usare latte e uova e questo é il più stupido e banale esempio. Questo é come un dono, un qualcosa a cui si debba dire grazie e non porta nessuna sofferenza a nessuno. Anche io ero contro l’uso di animali per test e in fondo lo sono ancora ma mi rendo conto che moglie ubbriaca e botte piena non si puó, il mondo é scorretto e o lo prendi così o lo prendi così. Ho avuto molti animali malati e a quel punto, quando li curavo con tanti sacrifici in termini di costi, tempo ed energie, ad un certo punto mi sono chiesto (anche perché ho varie volte usato farnaci specifici per cani o animali) ma se non ci fossero stati quei poveri animali su cui fare ricerche e test, come potrei adesso curare le mie bestie? E allora ho proprio sviluppato questa mia teoria. Allora cos’é che é giusto in questo mondo? Non c’é niente di giusto, va cosi tutto sbagliato e giusto a seconda dei casi, dei punti di vista o non so cosa ma son sicuro che vada così e non posso farci niente. Oltretutto per me l’assunzione di carne la trovo indispensabile in un’essere che usa a dovere il suo fisico. Quando mangio un pesce o un mammifero cerco di non sprecare nulla e di riciclare quello che io non utilizzo a cani e gatti, cercando di non rendere una morte fine a se stessa e basta. Detto questo posso solo cercare di rendere migliore questa cosa comportandomi così. Voi vedo che siete inflessibili nonostante i se i ma e i peró, non affermo, ripeto, che sia un’idea sbagliata la vostra, ma non fattibile e contronatura. Forse in un mondo migliore. Buone feste.

    16 Dicembre, 2018
    Rispondi
    • Avatar azza ha scritto:

      se la nostra idea non è fattibile, mi spieghi come mai la mettiamo in pratica tutti i giorni?

      sarà una magia…

      17 Dicembre, 2018
      Rispondi
  2. Avatar Paola Re ha scritto:

    Prova a dire “Buone feste” agli animali in questo periodo più mortifero del solito.
    Se credi alle feste imminenti e fai regali di Natale, comincia a farne a te stesso. Regalati qualche libro.

    16 Dicembre, 2018
    Rispondi
  3. Avatar Loredana ha scritto:

    Sono vegana e assolutamente antispecista (da anni non uccido neppure le zanzare) ma credo che per ogni cambiamento ci voglia tempo e, in questo tempo, anche un piccolo passo sia meglio di niente. Campagne come queste mostrano a tutti come vivono quelle creature e creano un po’ di consapevolezza in chi non ce l’ha. Personalmente ho smesso di mangiare carne e ho iniziato il mio cambiamento verso una vita di rispetto, dopo aver visto le immagini di sofferenza di alcuni maiali, se non avessi visto quelle immagini forse sarei ancora onnivora. Quindi concordo che petizioni come queste non siano l’obiettivo finale ma possono essere un obiettivo intermedio e aiutare a raggiungere il nostro scopo.

    25 Febbraio, 2019
    Rispondi
    • Avatar Louise ha scritto:

      Cara Loredana,
      stavo scorrendo i commenti perché volevo scrivere più o meno quello che hai scritto tu. Sono contenta di non essere sola. Anch’io non mangio carne e vorrei che si smettesse di uccidere animali e di farli soffrire, ma (oltre a credere che in fondo, come dice Cristian, pur così “maltrattato”, l’idea di un’umanità tutta vegana o vegetariana non è facilmente perseguibile semplicemente perché in democrazia – purtroppo e per fortuna – anche le idee contrarie al veganesimo devono poter contare) penso che il processo di cambiamento culturale che lo potrebbe permettere sia molto lungo e difficile. Rifiutare nel frattempo qualsiasi iniziativa che permetta agli animali che attualmente soffrono di vivere una vita migliore mi pare egoista (ci sentiamo meglio a essere “duri e puri”?) e ipocrita. E’ come dire, di fronte ai bambini che muoiono di fame in Africa e che potremmo aiutare a stare meglio, “no, grazie – l’aiuto a questi bambini supporta e giustifica lo sfruttamento dei paesi poveri da parte dei paesi più ricchi invece di sovvertirlo”. Quanto importano le questioni di principio e le prospettive di un traguardo più importante futuro ai bambini che ora stanno morendo, e cosa importa il traguardo dell’abolizione degli allevamenti agli animali che oggi soffrono terribili maltrattamenti? Loro non ci saranno più se mai un giorno questo traguardo venisse raggiunto. Perché rifiutarsi di dare una mano ora, con gli strumenti pur parziali che abbiamo e che potrebbero essere efficaci in breve (anche solo per un piccolo miglioramento), in nome dell’idealismo? Le due vie non dovrebbero essere in opposizione ma complementari. Iniziare a sensibilizzare i consumatori senza demonizzarli è la strada migliore per la vittoria – non farlo pur potendolo fare mi pare un comportamento poco responsabile oltre che poco efficace.

      3 Agosto, 2019
      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *