La terribile morte delle Rane usate per l’alimentazione

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

Questa fotografia, terribile, è la vincitrice del premio come miglior foto singola del Worldpress Photo 2019 nella sezione Natura. È stata scattata lo scorso aprile a Covasna, nei Carpazi orientali, in Romania dal fotoreporter della BBC Bence Màtè. Mostra la fine che fanno le Rane usate per l’alimentazione. Le Rane vengono catturate in primavera quando maschi e femmine s’incontrano per accoppiarsi e deporre le uova.
Subito dopo vengono mutilate. Le zampe posteriori (ossia le parti del corpo delle Rane che vengono commercializzate) sono infatti recise immediatamente, quando le Rane sono ancora vive, dopodiché gli Animali vengono gettati nuovamente nei laghetti dove muoiono, per forza di cose, tra atroci tormenti. In questa fotografia due Rane sembrano addirittura abbracciarsi per farsi forza tra loro, mentre le altre, tutte con gli occhi aperti, vanno verso il fondo senza alcuna possibilità di reagire.

Al contrario di quanto si possa tendere a pensare, la produzione di carne di Rana è un’attività estremamente remunerativa che frutta circa 40 milioni di dollari ogni anno e sono numerosi i Paesi europei che partecipano a questo commercio. Uno di questi è l’Italia. Nella nostra penisola sono abbastanza frequenti le sagre paesane che propongono le Rane come cibo, inoltre molto spesso si trovano anche sui banchi delle pescherie. Qui vengono etichettate come “filetti”(anche se non lo sono), perché i consumatori abitudinari prediligono la parte terminale del busto e le cosce, mentre quelli occasionali non sono molto attratti dall’idea di mangiare zampe. Come sempre accade, la maggior parte delle persone umane ignora la realtà della terribile morte degli Animali di cui si nutre e s’illude che non ci sia alcuna forma di sofferenza. In realtà una Rana può impiegare anche alcuni giorni a morire una volta mutilata. In Italia le Rane non godono di alcuna empatia, tanto che ancora oggi le campagne di protezione degli Anfibi (Rane e Rospi principalmente) sono viste dalla popolazione come operazioni “stravaganti”.

Francesco Cortonesi

Fonti:

www.worldpressphoto.org/collection/photo/2019/37701/1/Bence-Mate

0
Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/uBmsh

Un commento

  1. Avatar Paola Re ha scritto:

    Non sembra neppure una fotografia ma un fotogramma di un cartone animato dell’orrido.
    E’ la solita frase fatta ma è vera: non c’è limite alla mostruosa fantasia di Homo Sapiens.

    28 Giugno, 2019
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Servizio di notifica dei commenti: Seleziona di seguito se vuoi ricevere un avviso via email per ogni nuovo commento al testo, o per eventuali risposte a un tuo commento. In questo modo potrai agevolmente seguire la discussione senza dover tornare a far visita al sito web. Una volta effettuata l'iscrizione, potrai gestirla (modificandola o cancellandola) visitando la pagina ISCRIZIONE AI COMMENTI e seguendo le istruzioni