La società  connivente con il maltrattamento degli Animali


Tempo di lettura stimato:
2 minuti

Riceviamo e pubblichiamo condividendo appieno i contenuti:

muccheaterra - La società  connivente con il maltrattamento degli Animali

Il filmato sulle Mucche malate trascinate e maltrattate verso il macello, trasmesso da Striscia la Notizia qualche giorno fa (http://www.striscialanotizia.mediaset.it/video/videoextra.shtml?13988), ha suscitato sdegno e polemiche. Chi intende denunciare e radiare i veterinari che, in barba alla legge vigente, falsificano lo stato di salute degli Animali, chi si commuove per il trattamento riservato a questi Animali, chi plaude alla pubblica denuncia mediatica.
Ma il punto cruciale e specista che si evidenzia è che la preoccupazione è relativa al tipo di carne che sarà  servita nei piatti degli Umani. Vale a dire che tutto il resto è poca cosa in confronto dell’assoluta necessità  di salvaguardare la nostra salute.
Sappiamo e informiamo oramai da decenni sulla realtà  drammatica della filiera degli allevamenti: inseminazioni forzate, nascite a fini produttivi, mantenimento e sfruttamento in condizioni innaturali, uccisioni precoci degli individui considerati inutili, mutilazioni e maltrattamenti, negazione della dignità  e delle necessità  etologiche ed etiche.
Gli Umani stanno proseguendo quel percorso di dominio sulla terra e sui viventi iniziato qualche decina di migliaia di anni fa, considerandosi l’unico essere a immagine e somiglianza di dio che ha diritto a tutti i benefici che ne conseguono da questa logica.
Per l’ennesima volta siamo colpiti nel profondo delle nostre viscere alla visioni di queste immagini che noi attivisti/e animalisti/e conosciamo ahinoi fin troppo bene, ma non accettiamo di cadere nella facile retorica del trattamento benevole che dovremmo riservare a questi compagni/e di vita. Noi chiediamo a gran voce che finisca questa barbarie dei lager per Animali che non hanno nulla da invidiare ai campi di concentramento nazisti, ma che anzi sono stati i primi (gli allevamenti) spunto per i secondi (i campi di sterminio).
L’unica strada da percorrere è la fine dell’alimentazione carnea e la presa di coscienza di atteggiamenti e comportamenti compassionevoli ed empatici verso tutti gli Animali, umani e non umani.

Rete V.A.I.
Vegani Antispecisti Informali
www.antispecismo.org

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/9ng3M

Commenta per prima/o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *