La riserva naturale di Chernobyl


Tempo di lettura stimato:
1 minuto

lupo-chernobyl

L’area di Chernobyl, in Ucraina, ospita un numero sempre più alto di animali selvatici. Colpita dall’incidente nucleare nel 1986, l’area è stata abbandonata dai 116mila residenti.

Secondo Current Biology, l’abbondanza di cinghiali, cervi, caprioli, lupi e altri mammiferi, mostra che lo spopolamento umano ha favorito la fauna selvatica, a prescindere dai danni che le radiazioni nucleari possono aver provocato ai singoli animali. La presenza umana, con la caccia, l’agricoltura e la silvicoltura, ha un impatto più forte delle radiazioni.

Fonte: Internazionale n° 1123 del 9 ottobre 2015

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/JmBTJ

Un commento

  1. Paola Re ha scritto:

    Oggi pomeriggio ho partecipato a Tortona all’incontro “L’eredità di Chernobyl”. I relatori erano Michele Bellone, giornalista che si occupa di comunicazione della scienza e giornalismo scientifico, Andrea Negri e Saverio Altieri docenti dell’Università di Pavia, Facoltà di Fisica.
    Andrea Negri ha terminato la sua relazione proiettando una fotografia molto suggestiva di un branco di animali liberi a Chernobyl e ha parlato della ripresa della biodiversità in questo posto abbandonato, lontano dalla mano dell’uomo.
    Alla fine dell’incontro ho chiesto se su questi animali liberi si facciano studi finalizzati a ripopolare l’area da parte degli esseri umani. Come dire… se ci stanno loro… prima o poi ci torneremo pure noi. Ebbene, mi è stato risposto che questi animali sono studiati con molto interesse quindi possiamo scommettere che presto tornerà la mano dell’uomo a far danni.

    21 aprile, 2018
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *