Il massacro delle Nutrie

Riceviamo e rigiriamo da rete V.A.I.
www.antispecismo.org

nutria.jpg

NO ALLA STRAGE DELLE NUTRIE PAGATA DAI CITTADINI!

Ci risiamo. Arrivano le alluvioni e chi dovrebbe occuparsi della manutenzione del territorio scarica la colpa sul capro espiatorio di turno: le nutrie.

Questi animali pare siano diventati il flagello numero uno del territorio trevigiano, sono responsabili di cedimenti di argini, di gallerie faraoniche e di allagamenti vari. Per tale motivo dopo assurde conferenze e pareri dei luminari di turno, La Provincia di Treviso e l’Ente Parco del Sile hanno deciso che le nutrie devono morire.

Come? Semplice: la Provincia ha già  effettuato dei corsi per cacciatori istruendoli su come ammazzare le nutrie a fucilate, mentre nell’area del parco saranno posizionate delle trappole e gli animali catturati verranno uccisi mediante iniezione letale. Una specie di film dell’orrore che sta per svolgersi nelle campagne e nelle aree verdi a ridosso della città  di Treviso tra l’indifferenza generale.

La Regione Veneto (grazie all’intervento diretto dell’assessore regionale Daniele Stival) ha stanziato 20 mila euro (che paghiamo noi ovviamente) per portare a termine la strage.

Ma la situazione è davvero questa? E’ vero che è colpa delle nutrie il dissesto idrogeologico delle nostre zone? La verità  è un’altra: l’incuria dell’uomo, lo sfruttamento delle campagne, una politica agricola predatrice hanno causato i disastri a cui tutti stiamo assistendo. Serve però che qualcuno paghi, ed ecco arrivare le nutrie che verranno sterminate espiando le colpe di altri.
E se per assurdo fosse vero che le nutrie sono dannose, sarebbe moralmente accettabile sterminarle in questo modo quando ci sono molti altri metodi non cruenti per controllarne la popolazione? La risposta è chiaramente NO.

A questo indirizzo: animalvox.files.wordpress.com/2011/01/dossier-le_nutrie.pdf

potrete trovare un esauriente DOSSIER redatto raccogliendo informazioni e pareri di esperti sulle nutrie, il dossier contiene anche notizie di altri comuni che hanno affrontato la questione risolvendola in modo intelligente e soprattutto non crudele. Unitamente a tali informazioni, il dossier riporta anche un testo con utili considerazioni sulla situazione idrogeologica italiana.

Vi proponiamo quindi una protesta telematica per far sapere a chi di dovere cosa pensiamo di questa decisione criminale. Inviate la vostra email ed in allegato anche il dossier in modo che possa circolare il più possibile.

Di seguito una serie di articoli di giornali locali e notizie utili.

Conferenza sulle nutrie

www.parks.it/parco.fiume.sile/dettaglio.php?id=7576

Il Parco (che dovrebbe tutelare gli animali…) decide di ammazzarle
www.parcosile.it/it/dettaglio.php?id=10154

Lo stanziamento dei fondi
tribunatreviso.gelocal.it/cronaca/2010/12/29/news/nutrie-20-mila-euro-per-le-trappole-3065831
www.oggitreviso.it/nutrie-nel-sile-scattano-le-trappole-31631

EMAIL DI PROTESTA:
A: info@parcosile.it; segreteria.parcosile.tv@pecveneto.it; cacciapesca@provincia.treviso.it; sbusoni@provincia.treviso.it; ecologia@provincia.treviso.it; presidente@provincia.treviso.it; urp@provincia.treviso.it; presidenza@regione.veneto.it; assessore.stival@regione.veneto.it; info@antennatre.it; treviso@gazzettino.it; postalettori@gazzettino.it; lettere@tribunatreviso.it; redazione@oggitreviso.it

Oppure a:

A: info@parcosile.it, segreteria.parcosile.tv@pecveneto.it, cacciapesca@provincia.treviso.it, sbusoni@provincia.treviso.it, ecologia@provincia.treviso.it, presidente@provincia.treviso.it, urp@provincia.treviso.it, presidenza@regione.veneto.it, assessore.stival@regione.veneto.it, info@antennatre.it, treviso@gazzettino.it, postalettori@gazzettino.it, lettere@tribunatreviso.it, redazione@oggitreviso.it

TESTO DI ESEMPIO:

Protesto vivamente contro la decisione dell’Ente Parco Sile e della Provincia di Treviso di sterminare le nutrie presenti sul territorio perché accusate di causare problemi idrogeologici. La situazione in cui ci troviamo non è da imputare alla presenza delle nutrie, ma all’incuria del territorio da parte dell’uomo e allo sfruttamento dissennato delle campagne, a riprova di quanto detto allego un dossier che chiarisce chi sono davvero le nutrie, il loro impatto sul territorio, e le vere ragioni del dissesto idrogeologico che stiamo vivendo da moltissimi anni.
Mi oppongo fermamente all’utilizzo dei soldi pubblici che la Regione Veneto ha stanziato (ben 20 mila euro) per massacrare questi animali. Ritengo vergognoso che i soldi dei cittadini vengano impiegati per ammazzare le nutrie che possono essere contenute (e l’operato di molti comuni lo dimostra) in modo non cruento ed intelligente.

L’Ente Parco Sile dovrebbe esistere per tutelare le specie vegetali ed animali e non ammazzarle!

Nome e cognome

città 

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/keg0m

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *