Il Gorilla ergastolano che guarda la tv


Tempo di lettura stimato:
2 minuti

riu

2 dicembre 1975: due cuccioli di Gorilla vengono strappati alla loro famiglia e alla loro casa in Kenia e venduti per 850 mila lire cadauno al circo Medrano, appartenente alla famiglia De Rocchi (condannato la settimana scorsa per maltrattamento di Animali).

Pedro e Riù vivono assieme fino al 2008, quando Pedro si ammala e muore.
Resta Riù, ora prigioniero allo zoo safari di Fasano.
Riù è triste, solo, depresso.
Per non farlo morire di noia tra le quattro pareti che lo dividono dal mondo, hanno inserito un televisore all’ interno della sua cella.
Quando scorrono documentari che mostrano animali liberi Riù è rapito, quasi ipnotizzato.
Nel suo recinto i muri di cinta sono elettrificati, così pure tre dei quattro alberi presenti, bisogna evitare che Riù li danneggi rovinando le scenografie per le foto dei turisti.
Rapito, detenuto, esibito tra circo e zoo, la sua non-vita ora è ridotta a una cella e un televisore.

Circhi e zoo sono spesso legati tra loro: le società che gestiscono il circo Medrano sono le stesse che hanno in mano lo zoo safari di Fasano e lo zoo di Ravenna (Alfa 3000/Leo 3000).
E’ sempre e solo una questione di soldi, dimentichiamo il millantato amore per gli Animali che questa gente racconta di avere, perché privare qualcuno della libertà e rovinargli l’esistenza per arricchirsi non è certo un gesto d’amore.

La sua vita, di cucciolo prima e di adulto poi, è stata rovinata per sempre.
Sarebbe ora che questa gente calasse la maschera dell’amore per gli Animali e riconoscesse che tutto quello che fa è dettato dall’amore per i soldi.
Così, giusto per dire la verità, una volta tanto.

Veronica Corsini

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/6ssm9

3 Commenti

  1. Massimo bassani ha scritto:

    Non riesco a dire nulla ho solo un groppo alla gola. Perché tanto amore per i soldi. Comunque resto dell’idea che chi fa questo agli animali è caoacissimo di farlo anche a quelli umani.

    22 luglio, 2016
    Rispondi
  2. Fabrizio ha scritto:

    Verrà il giorno deve tutti gli animali saranno libero e un posso evolutivo e andrà fatto

    25 luglio, 2016
    Rispondi
  3. Roberto Contestabile ha scritto:

    Una storia triste quella di Riù, un altra, l’ennesima testimonianza di come l’essere Umano abbia l’atroce capacità di seviziare e rinchiudere creature innocenti. Ancora una volta (e non bisogna mai smettere di dirlo) è necessario chiudere per sempre questi luoghi di detenzione e trasferire i prigionieri sventurati in zone idonee per permettergli (almeno) una fine meno raccapricciante, una conclusione più dignitosa della loro sfortunata esistenza. Bisogna intervenire per far capire alle persone quanta crudeltà esiste nei circhi, zoo ed acquari. Quanta violenza viene applicata per far eseguire agli Animali stupidi movimenti ripetitivi. Quanta ipocrisia ed ignoranza esiste tra chi frequenta gli stessi come spettatore complice del martirio…peggio se con bambini al seguito, producendo quindi un cattivo insegnamento alle nuove generazioni che in questo modo non concepiscono la giusta consapevolezza e il rispetto adeguato alla vita altrui. Se fosse necessaria una legge per vietare tali abomini…allora ben venga! Ma sarebbe più opportuno che le persone capiscano da sè una realtà schiavista assolutamente da bandire!

    25 luglio, 2016
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *