Il biglietto d’ingresso


Tempo di lettura stimato:
1 minuto

A un certo punto si ha voglia di restituire il biglietto d’ingresso che ci è stato dato, però questo significa lasciare gli inermi da soli…

Decine di uova rotolano delicatamente su un nastro trasportatore, tutto intorno centinaia di Galline immobilizzate in gabbie minuscole. Maiali imprigionati a vita tra sbarre di metallo, vitelli separati poco dopo la nascita dalla madre, maltrattati, legati e immobilizzati che vedono la luce del sole unicamente quando salgono sul camion per il mattatoio.
Il documentario ‘Il biglietto d’ingresso’, realizzato da Lorena Melchiorre, Bianca Neri e Ciro De Maria, ci mostra alcuni aspetti della produzione industriale di carne, dove l’Animale è trattato come oggetto e non come essere vivente e senziente. Il filmato ci mostra come funziona il processo di allevamento intensivo di Polli, Suini e Bovini, una catena di montaggio brutale che priva gli Animali dei loro naturali modi di vita e li uccide.

La nostra società che si definisce democratica ed egualitaria pone le sue basi su un presupposto di violenza: ogni anno nel mondo vengono macellati 50 miliardi di Animali” dicono gli autori. “L’assunto del documentario è che l’accettazione della violenza sugli altri Animali trasforma noi, Animali Umani, in complici e allo stesso tempo vittime di un sistema di dominio”.

Interviste a Lorenzo Guadagnucci, Massimo Filippi, Annamaria Manzoni, Valerio Pocar, Filippo Trasatti.

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/9015s

3 Commenti

  1. Roberto ha scritto:

    …se dovesse veramente esistere un Dio, non ci perdonerebbe mai.

    5 dicembre, 2014
    Rispondi
  2. Paola Re ha scritto:

    Complimenti per la regia e per i contributi. Da trasmettere nelle scuole.

    7 dicembre, 2014
    Rispondi
  3. mauri ha scritto:

    allevatori, brava gente :(

    13 febbraio, 2015
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *