Green Hill: tra liberazioni di beagles e fermi di attivisti


Tempo di lettura stimato:
3 minuti

liberi 02 672 458 resize - Green Hill: tra liberazioni di beagles e fermi di attivisti

La manifestazione svoltasi ieri a Montichiari (BS) contro il lager di Green Hill è stata teatro di una liberazione di alcuni Cani destginati alla vivisezione: circa 30 Cani sono stati liberati da attiviste/i e messi in salvo. La digos ha fermato 13 persone, di seguito alcuni articoli sulla vicenda:

Galleria fotografica e video del bliz: http://brescia.corriere.it/brescia/notizie/cronaca/12_aprile_28/grenn-2004257410419.shtml?fr=box_primopiano

****

www.geapress.org/sperimentazione-animale/green-hill-tutti-i-particolari-i-cani-portati-via-e-le-cicatrici/27030

Green Hill – tutti i particolari: i cani portati via e le cicatrici

I manifestanti fermati ed i reati al vaglio degli inquirenti.

di Marcella Porpora | 28 aprile 2012

GEAPRESS – In totale, secondo la Digos di Brescia, 13 persone in stato di fermo. I reati che probabilmente saranno contestati sono rapina, furto, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento. Due feriti leggeri, tra cui il Dirigente della Digos. Questo il bilancio provvisorio dei fatti occorsi questo pomeriggio a Montichiari nel corso della manifestazione anti Green Hill.

Secondo la Questura di Brescia questo pomeriggio erano presenti circa 1000 manifestanti. Tra questi circa 300-400 attivisti, si sarebbero poi staccati dal gruppo dirigendosi verso la collina di Green Hill.
Ventitre manifestanti, sempre secondo la Questura di Brescia, sarebbero così riusciti ad entrare all’interno dell’area privata. Dieci di loro sono rimasti tra le prima e la seconda recinzione mentre in tredici sono riusciti ad entrare nell’allevamento.  Secondo quanto riferito da fonti inquirenti la recinzione, a quanto pare quella del lato posteriore, sarebbe stata divelta con l’uso di tronchesse, poi rinvenute e sequestrate. I tredici manifestanti entrati nell’allevamento sono stati posti in stato di fermo e trasferiti tra la Questura di Brescia ed il Comando Compagnia dei Carabinieri di Desenzano. Ad essere rilasciato, fino a stasera, sarebbe stato solo uno di loro. Si tratterebbe di un minore. Solo due dei manifestanti fermati sono del bresciano.

Gli inquirenti sospettano che l’azione possa essere stata premeditata, ovvero un gruppo esterno per distrarre le Forze dell’Ordine, mentre nella parte posteriore dell’allevamento avrebbero agito le persone con le tronchesse. Non mancano però fatti curiosi, come i manifestanti che avrebbero sbagliato strada dirigendosi verso una cascina.

Circa i cani, la Digos di Brescia conferma parte delle voci circolate tra i manifestanti. I cani che si è riusciti a togliere da Green Hill sarebbero tra venticinque e trenta. Solo in sette – otto sono stati recuperati dalle Forze dell’Ordine e sono attualmente distribuiti in vari comandi di polizia. Green Hill, a quanto pare, non potrà più riprenderli essendo gli animali, prima dell’irruzione animalista, in stato di isolamento. Secondo fonti inquirenti si è saputo che saranno probabilmente affidati all’ASL.

Le operazioni di polizia, coordinate dalla Digos di Brescia, hanno visto il coinvolgimento di Polizia di Stato, Polizia Locale e Carabinieri del Comando Compagnia di Desenzano. Forse coinvolta pure la Guardia Forestale.

Secondo informazioni assunte tra i manifestanti, tra i cani tolti all’allevamento vi sarebbe almeno una fattrice. Poi tutti cuccioli. Il più grande, di circa otto mesi, presenterebbe una lunga cicatrice difficilmente compatibile con una sterilizzazione. A quanto pare, secondo un medico veterinario presente tra i manifestanti, il grosso taglio prendeva tutto il ventre fino ad oltre lo sterno e presentava ancora i punti di sutura. Tutti gli animali, secondo informazioni assunte in loco, presenterebbero un forte odore di urina.

Incuriosisce il fatto che Green Hill, stante quanto riportato da alcuni manifestanti, non avesse di fatto alcuna protezione. La porta del capannone con i cani parrebbe addirittura essere stata lasciata aperta. Alcuni manifestanti confermano l’assembramento attorno a Green Hill, specie dopo che era girata la voce sul prelievo dei cuccioli. Nessuna resistenza sarebbe stata opposta dalla vigilanza interna a Green Hill. Discordante, tra i manifestanti, il numero di cani tolti all’allevamento. Le stime massime parlano comunque di trenta cani, così come riferito dalla Polizia. Quest’ultima avrebbe decisamente tentato di fermare l’entrata nell’allevamento. Molta confusione si è invece creata alla vista dei cani.

liberi 01 672 458 resize - Green Hill: tra liberazioni di beagles e fermi di attivisti

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/8uZWp

2 Commenti

  1. Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

    http://www.fermaregreenhill.net/wp/decine-di-beagle-liberati-dallinferno-di-green-hill

    DECINE DI BEAGLE LIBERATI DALL’INFERNO DI GREEN HILL

    Sabato 28 aprile rimmarà impressa come una data storica per il movimento di liberazione animale italiano e internazionale, con la liberazione in pieno giorno di decine di cani liberati dal lager Green Hill al culmine di un corteo.

    La liberazione dei cani dal lager di Montichiari è un segno evidente di quanto non sia più sopportata l’idea degli animali come cavie dei vivisettori e di quanto le persone siano decise a cambiare le cose in prima persona. Questa campagna ha fatto pressione su tante istituzioni affinché chiudessero questo allevamento, ma le migliaia di persone che l’hanno seguita non hanno più voglia di ascoltare promesse e menzogne ed è arrivato il momento di salvare almeno alcuni di quei prigionieri.

    Il corteo di sabato 28 ha portato a Montichiari più di 1000 persone che hanno sfilato per le vie cittadine fino all’allevamento. una volta nei pressi di via san Zeno, la via del lager, la folla si è infilata sù per i campi e ha raggiunto l’allevamento. Gli schieramenti di polizia non hanno impedito alle persone di arrivare alla rete. Alcuni hanno usato le reti del cantiere per scavalcare il filo spinato ed entrare nell’allevamento, da quel momento sono cominciati momenti difficili da descrivere, con buchi nelle reti, scavalcamenti, cuccioli passati di mano in mano e fuggiti verso una nuova vita.

    Gesti di liberazione e momenti di libertà, per i cani e non solo, anche per tutti coloro che hanno sfidato e violato la legge per mettere in pratica un senso di giustizia più alto, basato sull’etica. Momenti che non verranno dimenticati facilmente. L’emozione di questa giornata è incredibile e impossibile da descrivere.
    Questa giornata racconta di un movimento che è determinato a chiudere il lager Green Hill, racconta di una coscienza che si sta risvegliando e di un problema passato per troppo tempo sotto silenzio, l’inferno della vivisezione. Green Hill è diventato da tempo un simbolo e una concretizzazione di ciò che accade nei laboratori, un luogo da cui partono tante di quelle vittime della scienza e della tortura. Green Hill è diventato un simbolo da abbattere, per ora sono cadute alcune delle sue reti, poi verrà il momento in cui questo luogo di prigionia sarà forse solo un lontano ricordo.

    Alla fine di questa indimenticabile giornata purtoppo abbiamo saputo che 12 persone, 8 donne e 4 uomini, sono state tratte in arresto e dopo una notte in questura sono state portate nel carcere di Verziano a Brescia. Per loro si sta muovendo subito la solidarietà con appelli per la loro liberazione e presidi davanti al carcere per fargli sentire la nostra vicinanza. Daremo presto aggiornamenti.

    29 aprile, 2012
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *