Gli incendi e l’orribile strage degli Animali


Tempo di lettura stimato:
2 minuti

animali uccisi incendi e1509362406457 - Gli incendi e l'orribile strage degli Animali

L’Italia brucia sempre più, è accaduto durante tutta l’estate e sta accadendo anche in questi giorni in Valsusa. I motivi di questa devastazione sono innumerevoli e quasi tutti riconducibili alle nostre attività, tanto che ormai è del tutto evidente che quella degli incendi è divenuta da molti anni una piaga endemica. Quasi mai quando si parla dei danni arrecati dal fuoco si pensa alla sofferenza e alla terribile morte degli Animali selvatici: ogni incendio ne uccide una quantità infinita. Le fiamme divorano e si portano via tutto, tranne l’idiozia di chi le ha appiccate o causate. Di seguito la drammatica fine di un giovane Capriolo raccontata in un articolo pubblicato da Asknews.it.

Torino, 28 ott. (askanews) – “Mi avevano avvertito dei contadini della zona di Bussoleno. L’ho visto che era ancora in piedi: barcollava. Poi è caduto a terra, sono arrivato sopra di lui senza che neppure mi sentisse. Avrà avuto cinque mesi. Gli occhi bianchi consumati dal calore, la pelle a brandelli, le zampe piagate. Quando l’ho toccato si è scosso, ma non poteva fuggire. L’ho portato all’Asl dove l’hanno abbattuto”. L’agonia del giovane capriolo raccontata da una guardia faunistica in Valsusa è una storia comune di questi giorni di incendi in Piemonte. A decine ne sono stati trovati morti o in fin di vita. Anche camosci. Meno, perché stanno più in alto, i cinghiali. E’ una storia nota, la strage silenziosa degli abitanti del bosco. “I grandi volatili sono fuggiti, per i piccoli mammiferi è stata una strage – racconta la guardia ad Askanews – lepri, faine, scoiattoli. Poi ci sono i caprioli che si avvicinano di più alle case, mentre il fronte delle fiamme in Valsusa è vastissimo, da 700 a 2500 metri di altezza, e per molti chilometri lungo la sinistra orografica del fiume, prima a Bussoleno, poi Mompantero, Chianocco e oggi Novalesa fin sotto le coste del Rocciamelone”.

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/Q94Ml

3 Commenti

  1. Andrea ha scritto:

    Che posso dire se non che la strage degli innocenti è una costante….non solo per gli incendi ma anche in questo medesimo istante nel quale scrivo milioni di animali vengono barbaramente sgozzati le pecore-gli agnelli-le mucche ,buttati in acqua bollente i maiali …potrei continuare l’elenco di questa strage costante eppure ora anche il fuoco si accanisce su povere creature innocenti che nemmeno possono urlare per chiedere aiuto….possono solo attendere una dolorosa quanto brutale morte e perché????
    Dovremmo riflettere su di loro ed iniziare a rispettare ogni forma di vita che ha 2 occhi……a partire dai cacciatori che senza dubbio saranno attivi per cacciarli visto che non possono avere vie di scampo…..gioco facile così,eppure c’è chi come la Regione Piemonte non ha nemmeno avuto il coraggio ed una coscienza di fermare la caccia…..DI COSA ALTRO VOGLIAMO PARLARE?

    31 ottobre, 2017
    Rispondi
  2. silvia percivati ha scritto:

    E’ vergognoso. Non ho parole…

    14 novembre, 2017
    Rispondi
  3. angela ha scritto:

    mi vergogno di appartenere a quello che chiamano genere “umano”
    Chiedo perdono al regno animale e a quello vegetale

    16 novembre, 2017
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *