Durham Ox: il Bovino che divenne una star universale


Tempo di lettura stimato:
3 minuti

durham ox e1490626380287 - Durham Ox: il Bovino che divenne una star universale

Durham Ox era un gigantesco bovino castrato che pesava 1350 Kg.

Diventò leggendario in Inghilterra, nei primi anni dell’800: veniva trasportato su un carro speciale, progettato e decorato appositamente e venne portato in tour per paesi e città inglesi e scozzesi per circa 6 anni!
Gli spettatori pagavano un biglietto, all’epoca oneroso, per ammirare la stupefacente bestia.
Durham Ox divenne il simbolo del potere e della superiorità della razza bovina selezionata dagli allevatori inglesi, che la moderna potenza coloniale esibiva al mondo intero.
In anni successivi al tour, l’esposizione bovina presso lo Smithfield Club divenne un avvenimento sociale di grandissima importanza, che esaltava il senso della superiorità della nobiltà inglese e della famiglia reale.
Durham Ox divenne un fenomeno sociale: quadri e stampe che rappresentavano su sfondi bucolici, bovini obesi, vincitori di concorsi, diventarono i complementi d’arredo della case degli aristocratici quanto delle classi subalterne.
Una tipologia di tabacco allora in auge, adoperava la denominazione del “nobile bovino”.
Durham Ox divenne la metafora della ricchezza e del prestigio della classe dominante inglese: le “nobili proteine della carne” non sono un’espressione medico-scientifica (come moltissimi credono ancora tutt’oggi) ma il postulato di una supremazia creata artificialmente, eugenetica e classista.
Questo desiderio di onnipotenza e il nutrirsi di carne grassa, divenne simbolo di benessere e misura del gusto, aspirazione che si estese tanto alla classe media inglese quanto a quella proletaria, a partire dalla 1a rivoluzione industriale.
La “nuova cultura della carne grassa” allineava tutte le classi sociali verso un obiettivo gastronomico comune, in Inghilterra, nel resto d’Europa e in fasi successive questa “mission” fu estesa a tutti gli altri Continenti, con le politiche coloniali.
La “conquista del West” ovvero l’invasione bovina delle Grandi Praterie del Nord America, ad opera degli aristocratici e banchieri inglesi, è stato uno dei capitoli più vergognosi della storia degli U.S.A., in quanto le Grandi Praterie furono convertite in allevamenti intensivi di Bovini e le popolazioni dei Nativi furono massacrate e segregate nelle riserve.
Rimane, tutt’oggi ancora vivo e diffusissimo, il lavaggio del cervello e del gusto, operato e sostenuto a livello mondiale dalle potenti lobby degli allevatori e produttori di carne, che a partire dalla creazione di Durham Ox, sono stati in grado di creare e perfezionare un modello di sfruttamento capitalistico, quanto uno standard di produzione industriale che nel tempo si è esteso a tutti i settori produttivi: il magnate delle automobili, Henry Ford, perfezionò la produzione delle automobili, traendo ispirazione dall’organizzazione del lavoro, meccanizzata e ferrea dei mattatoi di Chicago, che offrivano condizioni di lavoro disumane.
L’artificiale “cultura della bistecca” di stampo anglo-americana è diventata pervasiva a livello mondiale ed ha fornito la “spiegazione unificata” sulle differenze di genere e di classe, sull’identità nazionale (tradizioni), sulle politiche coloniali e sulle teorie delle razze: un’influenza ideologica, assertiva e psicologica di livello mondiale che ha manipolato i principi che costituiscono la moderna visione del mondo e ai quali moltissime persone ancora si ispirano e ne sono guidati, indipendentemente dalle appartenenze ideologiche e di classe sociale, di razza o religiose.

Marco Brezza

Per maggiori informazioni:

Harriet Ritvo, The animal estate: The English and other creatures in the Victorian age, Harvard University Press, 1987.
Carol J. Adams, The Sexual Politics of Meat, Continuum, 1990.
Maurice Frink, When Grass Was King, University of Colorado Press, 1956.
Eric B. Ross, Beyond the Myths of Culture, Academic Press, 1980.
Edward E. Dale, Cow Country, University of Oklahoma Press, 1943.
Klaus Meyn, Beef Production in East Africa, Weltforum-Verlag, 1970.
https://en.wikipedia.org/wiki/Durham_Ox

Nulla foto: John Boultbee,  Etching of the Durham Ox, (1753-1812).

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/B302P

Commenta per prima/o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *