Di nuovo con i vegansessuali


Tempo di lettura stimato:
3 minuti

Recentemente sul quotidiano Repubblica è stato pubblicato un articolo (qui anche in versione pdf) che riguarda i cosiddetti “vegansessuali”.
Di seguito si riporta la risposta di Dora Grieco di Progetto Vivere Vegan Onlus che ha pubblicato una lettera aperta al direttore del giornale in questione e al giornalista autore dell’articolo.
Le posizioni di Dora sono chiare e condivisibili e per quanto riguarda il fenomeno vegansessuale, non si tratta certo di una notizia attuale dato che Veganzetta se n’è occupata addirittura nel lontano 2007 (se desiderate approfondire si consiglia la lettura dell’articolo: A letto con il cannibale).
L’articolo di Marino Niola è un forte indizio, se ce ne fosse ancora bisogno, del fatto che scarsa professionalità, qualunquismo, faziosità e malafede ormai regnano sovrane e incontrastate nel mondo del giornalismo nostrano, causandoci sempre più spesso “un dispositivo psicosomatico di repulsione”. 

Fonte: https://www.viverevegan.org/lettera-aperta-al-direttore-de-la-repubblica-e-al-giornalista-marino-niola

Lettera aperta al direttore de la Repubblica e al giornalista Marino Niola

Ho letto l’articolo dal titolo “Niente sesso con te, sei carnivoro” (21 agosto 2019), ed è per questo che vi scrivo. Sono vegana da 26 anni, e fra i fondatori e Presidente dell’associazione Progetto Vivere Vegan, attiva in Italia dal 2001.

Arrivo al dunque: mi sembra che sempre più i media si stiano interessando ai vegani ma non per questo ne sono contenta. Il motivo è che spesso si pone troppo l’attenzione sulle persone vegane (spesso dipinte come esseri bizzarri, che invece non sono, salvo eccezioni), invece che sulla questione che ci preme: il destino di milioni di animali schiavizzati e uccisi ogni anno per qualsiasi scopo legato alle voglie umane.

E’ di questo che da vegana vorrei leggere sulle vostre pagine:

Del perché ancora oggi si rinchiudono milioni di animali negli allevamenti, animali privati della loro libertà, privati dei loro affetti. Fatti nascere solo per essere, dopo poco, uccisi. Animali che non conosceranno mai la gioia di vivere secondo la loro natura. Non abbiamo bisogno di cibarci di animali e derivati, lo dicono innumerevoli medici e nutrizionisti, a partire da Neal Barnard (visto che amate citare personaggi oltreoceano, ma ne abbiamo anche in Italia). E ora lo suggerisce anche L’ONU, come salvezza per il pianeta Terra.

Del perché ancora oggi, si rinchiudono negli stabulari animali costretti a subire esperimenti crudeli a fini scientifici, quando oltretutto ci sono valide alternative di ricerca. E pensare che ancora oggi si testano su animali anche innumerevoli sostanze che già sappiamo essere dannose (ma di grande business per le multinazionali e non solo): alcol, fumo, diserbanti…

Del perché ancora oggi sono braccati e uccisi gli animali selvatici, come sta accadendo in questi giorni in Valsugana per l’orso M49, colpevole solo di procacciarsi l’unico cibo che può trovare per restare in vita.

Del perché ancora oggi gli animali sono rinchiusi nei circhi, negli zoo, negli acquari, con il solo scopo di intrattenere. Pratiche da medioevo.

Del perché ancora oggi sono tenuti in gabbia animali come le volpi e i visoni per poi ucciderli brutalmente e farne bordi di pelo per i nostri giubbotti. Con solo e unico scopo estetico. Non sappiamo dare il giusto valore alla vita altrui.

Del perché ancora oggi le nostre campagne sono zone di guerra per tutti i piccoli animali che le abitano. L’essere umano perpetua la caccia solo per divertimento.

Uccide per divertimento. Potrei continuare ancora e ancora; sono infinite le pratiche di sfruttamento a danno degli altri animali.

Ora, sono questi i temi che ci stanno a cuore ed è per questo che siamo vegan. Con chi decidiamo di fare sesso fa parte di una scelta privata e personale che trovo inutile e fuorviante voler etichettare a tutti i costi. Ma certo è più divertente per i vostri lettori scoprire le voglie bizzarre di alcuni vegani piuttosto che fermarsi a pensare su quanto male il genere umano riesce a fare agli altri animali, e quanto si potrebbe fare per cambiare questo stato, crudele, delle cose. Scrivere di temi importanti senza banalizzarli è forse un po’ più noioso e meno stuzzicante, ma certo rientra nei compiti del miglior giornalismo.

Dora Grieco
Progetto Vivere Vegan Onlus
21 agosto 2019

6
Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/smJp3

Un commento

  1. Avatar Paola Re ha scritto:

    Dora ha fatto bene a scrivere. Penso che sia l’infinitesima volta in cui una persona vegan scriva ai giornali per evidenziare le questioni che ci stanno a cuore. Vorrei sapere se Repubblica ha pubblicato. La notizia bomba sarebbe quella! I giornali sanno benissimo che abbiamo ragione e non pubblicano proprio perché abbiamo ragione. Poi ci sono le eccezioni che confermano la regola.

    8 Settembre, 2019
    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *