Dal n° 2/anno 3: Solidarietà 


Tempo di lettura stimato:
1 minuto

La Redazione della Veganzetta esprime la sua solidarietà  alla giovane attivista milanese che ha cercato di porre termine alla sofferenza di un Astice, palesando con il suo gesto la contraddizione della nostra società  in merito alle leggi di tutela degli Animali e della proprietà , e che per tale motivo sta subendo un processo.
Per avere tutte le informazioni sul caso visitare la pagina
http://www.veganzetta.org/?p=376. Di
seguito la prima parte del comunicato.

“Questa è la storia dell’incontro fra una cena e una persona. L’11 ottobre 2007, sulla ghiacciaia del Pam di via Olona di Milano, sotto gli occhi di tutti, qualcuno agonizzava. Agonizzava da giorni. Il corpo gelato, i sensi annebbiati dal freddo.
Agonizzava senza sapere perchè.
Agonizzava e aveva paura. Sdraiata su una ghiacciaia, una cena conosceva il terrore, il dolore, la nostalgia… Quella cena, in silenzio, urlava… Quella cena che sognava il mare…Un continuo rumore copriva quel grido silenzioso e disperato, rendendo quel qualcuno cena silenziosa. Ma ascoltando per un attimo il silenzio, era impossibile sottrarsi alle urla inascoltate di una cena, che in silenzio piangeva. Quel giorno, una cena e una persona si guardavano e si ascoltavano.
E poi correvano, insieme, verso il sogno di chi era nato Astice ed era stato trasformato in cena. Verso il sogno di chi, sognando, piangeva. Ma una ragazza ora correva fuori da un supermercato con in mano una cena! L’uomo saltava giù dal camion e bloccava quella ladra di cene costosissime. Chiamava la polizia, per fermare definitivamente quella criminale. Quella sera, mentre una ladra veniva arrestata per rapina, una cena cuoceva…”.

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/emnnq

Commenta per prima/o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *