Dal n° 2 / anno 2: A Pasqua CHI mangi?


Tempo di lettura stimato:
1 minuto

capra prigioniera - Dal n° 2 / anno 2: A Pasqua CHI mangi?

Attiviste ed attivisti travestiti da Agnelli antropomorfi che indossano tute bianche imbrattate di sangue, che espongono silenziosi immagini raccapriccianti di Agnelli (questa volta veri, purtroppo) scannati a turisti e passanti, a famiglie e a ragazzi nel pieno centro storico di una Firenze pre pasquale. Tutto questo è accaduto il 9 ed il 22 marzo, organizzato da CEDA, OIPA e Progetto Vivere Vegan con l’ausilio di pubblicità  realizzate da Ca-Campagneperglianimali: “A Pasqua CHI mangi?”. Utile? Inutile? Retorico? Le domande sono lecite.A prescindere dalla risposta che non può che essere soggettiva ed individuale, è importante sottolineare l’utilità  di eventi del genere che contribuiscono fattivamente a sollevare il pesante velo di ipocrisia che ammanta, per la gioia di tutti coloro che non sopportano le questioni di coscienza, l’industria dello smontaggio dei corpi di milioni di Animali. Se ciò può aiutare ad abbassare finalmente lo sguardo su CHI soffre e viene ammazzato per il nostro tornaconto, allora non possiamo che appoggiarlo e contribuire nel nostro piccolo a divulgarlo. Anche queste festività  religiose sono passate, portandosi via un ennesimo immenso carico di sofferenza e morte; tutto pare già  dimenticato, ma non è così: è nostro dovere morale fare in modo che questa orribile ciclicità  abbia una fine.

La Redazione

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/sjr1r

Commenta per prima/o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *