COMUNICHIAMOLO. Un manifesto vegan!


Tempo di lettura stimato:
2 minuti

manifesto 40000 al secondo 120x120 - COMUNICHIAMOLO. Un manifesto vegan!

Per comunicare il messaggio etico vegan e antispecista abbiamo tante possibilità. Una di queste è prendere gli spazi pubblicitari che i vari comuni offrono ed usarli per veicolare il nostro pensiero. Il progetto “Comunichiamolo” vuole fare questo ed ha attivato una raccolta fondi per affiggere in diverse città italiane un primo manifesto vegan.

Parte il progetto “Comunichiamolo” con l’obbiettivo di affiggere manifesti di grande formato in diverse città italiane per comunicare la scelta vegan e antispecista.

Il primo manifesto vegan che sarà protagonista per questa fase 1 è quello ideato dal team di Campagne per gli Animali (Adriano Fragano, Dora Grieco, Roberto Politi) ed ha come titolo: “40.000 al secondo”. Si tratta di un manifesto che vede la collaborazione del Progetto X, di Alfredo Meschi che è anche protagonista dell’immagine fotografica del manifesto, insieme alla Gallina di nome Vecchietta ospite della Fattoria della pace Ippoasi, in uno scatto della fotografa Sara Morena Zanella.

Il manifesto vegan attraverso lo slogan e il testo ci dice:

40.000 AL SECONDO – Uccidiamo 40.000 Animali ogni secondo. Sono quelli usati per produrre carne. Se per ognuno ci tatuassimo una X, il nostro corpo ne sarebbe pieno. Puoi cambiare la tua vita in un secondo per salvare quella degli altri. Diventa vegan

L’obbiettivo che Progetto Vivere Vegan si prefigge con il progetto “Comunichiamolo” è di arrivare ad affiggere questo manifesto vegan in diverse città, più o meno in contemporanea, dove attivisti sono pronti per seguire la procedura di affissione. La dimensione del manifesto e del numero cambia in base al regolamento di ogni singolo comune.

Questi i comuni selezionati, il numero dei manifesti e la dimensione:

Arezzo 6 manifesti – misura 6 x 3 mt
Firenze 6 manifesti – misura 6 x 3 mt
Genova 6 manifesti – misura 6 x 3 mt
Livorno 25 manifesti – misura 2 x 1,40 mt
Milano 20 manifesti – misura 3 x 2 mt
Palermo 10 stendardi – misura 1,40 x 2 mt
Pisa 6 manifesti – misura 6 x 3 mt
Prato 3 manifesti – misura 6 x 3 mt
Scandicci 2 manifesti – misura 6 x 3 mt
Siena 6 manifesti – misura 6 x 3 mt

Per raggiungere questo primo obiettivo di “Comunichiamolo” è stata attivata una raccolta fondi.
Fai una donazione e diventa supporter di questo progetto. Dona ora >>

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/NgTpu

5 Commenti

  1. Elisa ha scritto:

    Se raggiungiamo l’obiettivo, aggiungiamo anche Torino? Io intanto dono! :-)
    Trovo il messaggio e la fotografia scelti veramente efficaci

    10 aprile, 2018
    Rispondi
    • Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

      Ciao Elisa, se intendi attivarti puoi contattare Progetto Vivere Vegan direttamente e sentire loro, che sicuramente saranno interessati alla pubblicazione anche a Torino, e ti potranno dare informazioni su come provvedere alla raccolta fondi localmente e su come organizzare il tutto. Intanto grazie per la donazione!

      11 aprile, 2018
      Rispondi
  2. Matteo ha scritto:

    Faro’ volentieri una donazione, ma vi chiedo cortesemente di inserire “ vegano” invece di “ vegan”. Questi anglismi modaioli ridicolizzano il tutto. Soprattutto per chi non si e’ ancora avvicinato a tali tematiche. Grazie.

    11 aprile, 2018
    Rispondi
    • Cereal Killer Cereal Killer ha scritto:

      Ciao Matteo,
      Il termine “vegan” è stato proposto nel lontano 1944 in Inghilterra da chi ha fondato la Vegan Society. Nel nostro caso non si tratta di esterofilia o di anglismo, ma semplicemente di chiamare le cose con il loro nome. Il termine è stato poi tradotto in italiano. Inoltre il termine inglese è neutro e lo si può utilizzare indistintamente per soggetti maschili o femminili, cosa che senza dubbio è positiva.
      Ora non trovare altre scuse e fai la tua donazione :=)

      11 aprile, 2018
      Rispondi
      • Matteo ha scritto:

        ma certo che la faccio:)
        pero’ insisto, se usate “vegan” rischiate di fare arrivare il messaggio in modo leggero.

        25 aprile, 2018
        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *