Aggressioni fasciste ad attivisti antivivisezionisti


Tempo di lettura stimato:
1 minuto

Riceviamo e pubblichiamo:

http://fermiamoharlan.blogspot.com/2010/10/30-ottobre-attivisti-aggrediti.html

30 ottobre 2010 – attivisti aggrediti a Correzzana
La sera del 30 ottobre 2010 a Correzzana (MB) alcuni attivisti del coordinamento “Fermiamo Harlan”, in prevalenza donne, sono stati inseguiti, minacciati e aggrediti da un gruppo di ragazzotti armati di mazze che inneggiavano a Hitler e gridavano “Sparite, comunisti di merda”.
Il gruppo di animalisti stava inizialmente inserendo volantini contro Harlan e la vivisezione nelle caselle postali nei pressi dell’allevamento sito in via Enrico Fermi, quando è stato pedinato ed inseguito minacciosamente da due individui usciti dal capannone di Harlan.
Dopo un primo intervento dei carabinieri che, a seguito del controllo dei documenti, sembrava aver apparentemente risolto la situazione, il gruppo ha continuato ad incasellare volantini nella via principale di Correzzana, quando all’improvviso è apparso un gruppo di otto ragazzi che hanno rincorso alcune attiviste agitando dei bastoni, inneggiando al Duce e a Hitler e minacciandole pesantemente.
Le giovani animaliste si sono sottratte all’aggressione citofonando ad un caseggiato e rifugiandosi nel cortile e in casa di una famiglia del posto. L’abitazione è stata circondata e fatta oggetto di lancio di sassi per alcuni minuti fino all’arrivo dei carabinieri, i quali hanno riportato la calma ma non sono riusciti a individuare e identificare gli aggressori.

L’ingiustificata intimidazione che abbiamo subito è del tutto inaccettabile. Questi avvenimenti, che hanno come fine ultimo quello di zittire le voci del dissenso e del contrasto alla vivisezione, ci spingono ancora di più alla convinzione che la nostra lotta sia giusta e necessaria.
Non ci fermeremo di fronte a queste minacce, ma andremo avanti con più forza ad esercitare la nostra libertà  di espressione, a rivendicare il nostro diritto di protestare, il nostro dovere di informare l’opinione pubblica sulla crudeltà  della sperimentazione animale e sull’immorale business economico che la sostenta.

Coordinamento “Fermiamo Harlan”

Link breve di questa pagina: http://www.veganzetta.org/7az2p

Commenta per prima/o

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *