12 Commenti

  1. Paola Re ha scritto:

    407 porcellini d’India liberati è un bel numero. Purtroppo il pensiero va anche ai conigli rimasti prigionieri. Quando vedo quelle mani rovistare tra le gabbie, nel buio degli allevamenti di schiavi, immagino a come ci si senta a dover scegliere chi liberare e chi no. Comunque, grazie ai liberatori anonimi. E complimenti per la scelta della canzone della liberazione.
    Canta la leggendaria Aretha “non sono psicanalista, non ho un dottorato ma non ho bisogno un quoziente intellettivo per capire cosa mi stai facendo” Sembrano le parole dei nostri piccoli amici che si rivolgono al signor Bettinardi, che non vede, non sente e non parla, se non dopo la liberazione.

    16 gennaio, 2014
    Rispondi
  2. irene ha scritto:

    bravi. bravi. bravi!!!! ps: si sa cosa ne è stato dei conigli dopo la chiusura dell’allevamento?

    16 gennaio, 2014
    Rispondi
    • Cereal Killer ha scritto:

      Notizie dirette non ne sono pervenute, è facile però immaginare che fine abbiano fatto.

      16 gennaio, 2014
      Rispondi
  3. Aristarco ha scritto:

    Mi auguro che chi ha infranto la legge, sia riconosciuto e subisca la giusta punizione.

    17 gennaio, 2014
    Rispondi
    • Cereal Killer ha scritto:

      Aristarco a volte a tacere si fa più bella figura.

      18 gennaio, 2014
      Rispondi
  4. irene ha scritto:

    Aristarco, certo il suo codice etico deve avere una struttura alquanto bizzarra. Credo di capire che per Lei il danno economico sia ben più grave del danno esistenziale, fisico e psicologico. L’unica spiegazione che mi do è che Lei, come molti altri suoi simili, nemmeno capisce il senso dei vocaboli “esistenziale”, “fisico” e “psicologico”. Che nobiltà d’animo!

    19 gennaio, 2014
    Rispondi
  5. Paola Re ha scritto:

    E’ la solita questione del scegliere se stare dalla parte della legalità o dall’altra parte che non è giusto definire dell’illegalità perché, se la definiamo così, allora dovremmo rivedere milioni di azioni illegali che nella Storia hanno determinato cambiamenti, in meglio, nell’affermazione dei diritti di animali umani e non umani, scrivendo appunto nuove leggi: l’illegalità che ha portato una nuova legalità. Non giudico la moralità di nessuno ma chiunque scriva che si augura che chi infrange la legge subisca la giusta punizione, dovrebbe conoscere la Storia, tutta, e fare un esame di coscienza sui grandi della Storia che hanno infranto la legge che celebriamo ancora oggi dopo secoli: anzi, li celebriamo proprio perché hanno avuto il coraggio di infrangere la legge perché senza certe infrazioni si sarebbe rimasti nell’inferno precedente. La legge è fatta dagli umani ed è infranta dagli umani: talvolta anche dai non umani che fuggono da circhi, zoo, macelli, stabulari perché cercano la libertà. Quando sono gli umani a lottare per la loro libertà, allora è lecito. Quando sono gli umani a lottare per la libertà dei non umani (che da soli non possono farlo), allora qualcuno storce il naso. Bisogna capire che i diritti degli umani non sono affatto in concorrenza con quelli dei non umani: concedendoli ai secondi, non si tolgono ai primi. Non prendo neanche in considerazione chi parla di danno economico riferendosi a stabulari, allevamenti, macelli… perché prima dell’economia viene l’etica e l’economia dovrebbe guardare all’etica, sapere riconvertire la produzione e abbandonare quel baraccone obsoleto e vergognoso che è lo sfruttamento degli animali non umani, come se la nostra economia non ne potesse fare a meno. Invece ne può fare a meno perché milioni di persone lo fanno, non su Marte, ma qui sulla Terra.

    19 gennaio, 2014
    Rispondi
  6. Cereal Killer ha scritto:

    Legge e morale non sono la stessa cosa, non si può conferire un valore morale assoluto ad una legge che non è altro che l’espressione di un modello sociale dominante. La storia (come giustamente faceva notare Paola) dovrebbe insegnarlo. Anche le leggi razziali dello stato fascista italiano erano in vigore e perfettamente legali, significava quindi che tutte le persone dovevano rispettarle?

    19 gennaio, 2014
    Rispondi
  7. ha scritto:

    Povero Aristarco, ha mai sentito parlare di IPERETICA?

    25 gennaio, 2014
    Rispondi
  8. bertilla ha scritto:

    Liberare le creature rese schiave dalla belva umana e’ sacro dovere di ogni essere “umano”.Basta schiavi,carne da vivisezionare,carne da macello.
    Ogni forma di vita va rispettata e va lasciata viviere dignitosamente.
    Grazie di quello che avete fatto.Non vanno rispettate le leggi che causano sofferenza ai nostri fratelli animali,le leggi sono fatte a favore degli umani…lo schifo continua e continuera’ finche’ non ci sara’ rispetto per tutti.
    Avete fatto un grande gesto!

    29 gennaio, 2014
    Rispondi
  9. cimtia ha scritto:

    Io vedo solo la gioia dei porcellini, creaturine che conosco bene per averne avute due….sono talmente sensibili. Questa gioia la devono ad umani coraggiosi, determinati a difendere il diritto alla vita di tutte le specie.a loro la mia più grande stima !

    6 febbraio, 2014
    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *