Mese: aprile 2011




Tempo di lettura stimato:
3 minuti

el topo Jodorowsky e1424356777133 - Dal n° 2/Inverno 2010: PANICO! specista
E’ doveroso citare un esempio di specismo attuato da certa avanguardia artistica, nello specifico tramite l’espressione teatrale sperimentale del movimento Panico! sorto alla metà  degli anni ’50 con a capo Alejandro Jodorowsky, Fernando Arrabal e Roland Topor. Nei suoi primordiali propositi tale movimento si prefisse, all’interno del suo manifesto, di non essere depositario di alcuna coerenza e logica conclamate gravitando nella contraddizione e nell’eterodossia più spregiudicata.
Jodorowsky, conosciuto soprattutto a livello cinematografico quale artefice di film di culto come El Topo (1971), La montagna sacra (1973), Santasangre (1988), non voleva trasformare questo movimento in un’entità  codificata e culturale, tanto che reagì animosamente quando l’amico Arrabal diede alle stampe, nel 1973, un libro che trattava del movimento Panico! rischiando così di accademizzarlo, tramutandolo in ingranaggio del sistema.

Animalismo Antispecismo ArteVeganzetta




Tempo di lettura stimato:
4 minuti

toroportogallo - Dal n° 2/Inverno 2010: Il paese dei Tori uccisiUn Maiale di plastica a dimensioni reali appeso a testa in giù nel reparto “carne” di un centro commerciale(1) in Portogallo. Appeso a testa in giù nella posizione tipica dello sgozzamento… Apologia dell’assassinio vorremo poter scrivere in un lontano e forse utopico futuro, ma di esaltazione della crudeltà  sugli altri Animali comunque si tratta.
In altri Paesi, egualmente colpevoli dello sfruttamento animale, questo non accade. In Portogallo sono ancora praticate delle “corride” (le touradas): che vi sia un legame?

Animalismo Antispecismo




Tempo di lettura stimato:
4 minuti

madrefiglio - Dal n° 2/Inverno 2010: essere veganoChiunque abbia mai sentito seppur lontanamente parlare di veganismo (e non veganesimo come qualcuno si ostina a chiamarlo facendolo pericolosamente somigliare a una religione), lo definirebbe come uno stile di vita che non prevede l’uso di prodotti di origine animale.
Anche molti vegani utilizzano tale definizione e questo, a nostro parere, sta diventando un problema serio, perché rappresenta un errore concettuale di rilevante importanza.
Volendo prestar fede a quanto si asserisce su Wikipedia (ma molte altre fonti forniscono definizioni simili (1)), lo stile di vita è «un concetto psicologico relativo alla personalità  individuale umana, ideato da Alfred Adler, medico e psicologo austriaco che ha dato origine a un ramo della psicologia definito Psicologia Individuale Adleriana»(2).

Antispecismo Veganismo




Tempo di lettura stimato:
2 minuti

«Dovremmo saperci elevare al di sopra del nostro amore e distruggere col pensiero ciò che adoriamo: diversamente ci mancherebbe ciò che è proprio anche di nostre altre capacità , il senso dell’universo. Perché non si dovrebbe aspirare il profumo di un fiore e poi nondimeno osservare le infinite venature di ogni singola foglia e sapersi perdere completamente in questa osservazione?» (Friedrich Schlegel)

Gli Animali “domestici”, i “pet” come si dice anglicizzando, sono ormai parte della vita di milioni di individui in ogni parte del mondo ricco. Protetti dall’interno e dall’esterno, amati e vezzeggiati, posseduti come proprietà , antropomorfizzati quanto basta perché ci possiamo riconoscere in essi, vivono una vita parallela che ha poco a che spartire con quel che erano prima di entrare nei recinti della proprietà  e dell’affetto privati, per non parlare di tutti quelli che sono esclusi dal cerchio della protezione umana.

Antispecismo