Anno: 2007



cane-binari

Agipress – Notizia n.13544
del 10/12/2007 – 11:48:43
Premiato il capotreno che ha salvato il cane ferito sui binari

L’OIPA – Organizzazione Internazionale Protezione Animali – ha deciso di conferire un riconoscimento a Cesare Monti, il generoso capotreno che ha fermato il convoglio per soccorrere un cane che giaceva ferito sulla massicciata a soli cinquanta centimetri dalle rotaie. Cesare Monti aveva sentito di una segnalazione fatta alla polizia ferroviaria: un cane ferito in posizione difficilmente raggiungibile dalla strada, all’altezza di Acquasanta, proprio sulla tratta ferroviaria Ovada-Genova sulla quale lavora. Durante il suo turno, trascorse trentasei ore dalla segnalazione, ha controllato la tratta in questione ed è rimasto incredulo nel trovare il cane incidentato, sofferente e completamente inzuppato dalla pioggia caduta in quei giorni. Non ha esitato ha bloccare il treno, raccogliere il cane e trasportarlo fino alla stazione Genova Sampierdarena, dove i volontari della Croce Bianca, allertati in precedenza, erano pronti a trasportarlo in clinica veterinaria con una ambulanza. Il cane ora è salvo e, grazie al microchip di riconoscimento, ricongiunto alla sua famiglia umana che lo stava cercando da giorni.
(…)

Notizie



-< –@

USCITA NUMERO 3 DELLA PUBBLICAZIONE VEGANA – ANTISPECISTA “VEGANZETTA”4 dicembre 2007 – Treviso, Italia – il giorno 1 dicembre inizia la distribuzione del numero 3 di “Veganzetta”, rivista amatoriale a distribuzione gratuita, in tutta Italia. L’iniziativa continua con sempre maggiore successo; ecco alcuni titoli del numero 3: “400 MILIONI DI MORTI DECAPITATI (la tragedia dei Polli) / CONCEPITO PER SOFFRIRE (Panoramica sulla vivisezione) / ANIMALISMO: TROPPA CARNE AL FUOCO“.

La “VEGANZETTA” nasce come pubblicazione amatoriale rivolta al vasto pubblico dei non vegetariani o vegani, con notizie ed informazioni, ma anche a chi è già  vegano ed intende approfondire determinati argomenti. Proprio il veganismo ed il pensiero antispecista, intesi come basi etiche necessarie per affrontare e tentare di risolvere il problema dello sfruttamento degli animali e del pianeta da parte della specie umana, saranno le tematiche che la rivista si prefigge di divulgare, analizzare ed approfondire, alla ricerca di un confronto con i lettori che vorranno contribuire alla crescita dell’iniziativa. Il formato è quello del quotidiano, ispirato alle pubblicazioni degli anni ’20 del ‘900.

Notizie



Data la complessità  e la varietà  dei prodotti che si possono reperire oggi sul mercato, risulta sempre più arduo collegare un nome alla realtà  che vi sta dietro, ad esempio chi direbbe che mangiando un gustoso budino confezionato ci si rende complici della morte di un Maiale e che ci si sta nutrendo anche della sua pelle (“gran parte della gelatina viene prodotta con cotenna di maiale.

Animalismo



v2_caccia.jpgCon l’autunno giunge anche l’inizio del massacro di Animali selvatici ad opera di Umani armati autorizzati dalle leggi vigenti ad uccidere nei boschi, nelle pianure, financo nelle proprietà  private (grazie all’obsoleto ART 842 del Codice Civile, approvato con regio decreto, del 16 marzo 1942 ), Cinghiali, Uccelli di varia specie, Cervi, Caprioli e tanti altri. Tale violenza comporta la morte di milioni di Animali selvatici e la sofferenza di moltissimi altri (cuccioli che rimangono orfani e sono destinati a morte certa per fame e stenti, Animali feriti, eccetera).

Animalismo